sabato 17 ottobre 2009

CasiSI' o CasiNO'





L’essere umano si differenzia soprattutto con due considerazioni, e vale a dire, coloro che pensano prima di parlare e quelli che parlano prima di pensare, ed è inutile dire che i secondi sono in maggior rilevanza sul suolo terrestre; è abbastanza risaputo.
Non intendiamo assolutamente offendere nessuno o ergerci a insegnanti di vita, poiché del proprio “io” ognuno ne fa quel che vuole, ma cercheremo, se riuscirete ad arrivare in fondo, di valorizzare l’utilità del concetto dei Casi(nò) o Casi(sì) negli alberghi 5*; per lo meno questa è la nostra intenzione.
Fondamentalmente, e per fortuna, negli ultimi anni i Casinò non sono più soltanto un gioco in sé stesso, ma anche tempo libero, intrattenimento, cultura, arte, gastronomia, e in genere attività che attraggono gente che non ha come principale obiettivo quello di giocare, ma vuole divertirsi piacevolmente e trascorrere una bella serata.
Risulterebbe controproducente, inutile e scontato abbinare l’albergo e quindi il Casinò al solo motivo dell’azzardo e questo errore ci riporterebbe indietro di decenni; come la proposta della Brambilla di permetterne l'ingresso ai soli clienti dell'albergo.
Probabilmente, proprio stupido!
Qui da noi, nel vecchio continente, il frequentatore tipico dei Casinò è un cliente molto cosmopolita, anche se la maggioranza dei visitatori e formata da europei, diciamo per l’ottanta per cento, mentre presenze rilevanti si hanno dal Medio Oriente, Arabia Saudita, Kuwait, Nord Africa, Marocco e dal resto del mondo; nazioni di cui conosciamo ampliamente il “modus vivendi” dei loro ambasciatori.
Gli europei sono rappresentati nell’ordine soprattutto da britannici, seguiti dai tedeschi, dai francesi, naturalmente dagli italiani, dai belgi e in misura minore dagli altri europei; in grande aumento risultano invece, i russi ed i cinesi.
Ovviamente chi entra in un casinò lo fa perché vuole vincere e se uno pensasse di perdere crediamo che non entrerebbe nemmeno; è una condizione umana facilmente comprensibile, mentre alla fin fine, però, crediamo che la gente giochi più che altro per divertirsi, anche perché lo può fare senza eccessiva spesa.Infatti un visitatore destina al gioco centodieci euro; badate bene stiamo parlando di una media, per cui ci sarà chi spende molto di meno e chi spende molto di più.
Parlando di media, si tratta di una somma ragionevole alla portata di molte borse e con questo moderato investimento a persona, si possono trascorrere due o tre ore nel casinò, bere qualcosa, godere di un ambiente suggestivo ed insolito che è già uno spettacolo vivente.
Quanto è importante un Casinò per l’economia locale?
Sicuramente svolge un ruolo determinante, perché non solo paga dei notevoli tributi all'erario a vantaggio del bilancio cittadino, ma genera una notevole occupazione, con posti di lavoro a tutti i livelli.
Questa attività dà alla luce nuovo impiego e ricchezza e nello stesso tempo è un’attrazione turistica che produce un indotto economico e d’immagine, a loro volta traducibili in termini economici per la città.
Molte persone, per esempio, dovendo scegliere una località per passare una vacanza, preferiscono andare e stare dove c’è un Casinò, sempre per il fatto che sanno in partenza come e dove passare delle serate piacevoli e distensive.
Qual’è il futuro dei Casinò?
Fateci caso e scoprirete che la loro presenza è sempre sinonimo di grandi eventi, gastronomia sempre più qualificata, manifestazioni culturali di buon livello, idee e iniziative che attraggano la gente, per far sì che sia un luogo polivalente gradite da una vasta fascia di utenti e di fruitori, e non ultimo, gran produttore di questioni legate al sociale.
Il tutto però senza prescindere, che senza una direzione veramente qualificata e professionale…ma questo in Italia, purtroppo è un’altra storia.
Un esempio?
Marbella, in Spagna, è una città che conta 250.000 abitanti; ebbene, il solo Casinò registra annualmente 165.000 visitatori….fate il conto (moltiplicate per 110) e vedrete quali sono i riflessi economici diretti, indiretti ed indotti per una sola locazione "ben gestita"…e finiamola di dire sempre NO prima di conoscere o sapere; o tanto per dire contro...

8 commenti:

Vinc ha detto...

@Luciano

Messa in questo modo può sembrare un gran bel business ma non penso che siamo all'altezza di fare quello che scrivi.
Dove c'è soldi c'è tante brutte cose e non ultima la politica.

palingenius ha detto...

Io invece sono totalmente d'accordo, il casino' puo' essere un punto di partenza per molte attivita' collaterali molto utili per il turismo.

Sergio Cusumano ha detto...

@Luciano
prima di darti ragione sono andato a studiarmi Marbeilla.
Poco tempo fa hai scritto che solo le scimmie non cambiano idea in merito a Vavasori, bene, non sono una scimmia...ho cambiato idea.
Contro indicazioni?

Luciano Ardoino ha detto...

@Tutti
Scusate ma ho dovuto rimettere i commenti perchè ho combinato un pasticcio con il blog.
Adesso credo di aver risolto tutto.
;-)

Anonimo ha detto...

Che silenzio!!!!!!!!

palingenius ha detto...

@Anonimo
Di' anche tu qualcosa... ti piace il black-jack? o preferisci il Caribbean poker?

vinc ha detto...

@palingenius

più che altro credo sia propenso al gioco del "solitario".

saraduport ha detto...

Se vivete di fuori del casinò sono molto più casinò da scegliere, ma diversi paesi hanno leggi diverse per quanto riguarda il gioco d'azzardo online. Così dove vivete, assicurarsi che siete i benvenuti prima di iniziare il bonus casino di caccia.