martedì 6 ottobre 2009

Il marketing secondo Michela Brambilla





"......ho investito risorse pubbliche per promuovere la Campania e le sue coste, ho spedito immagini mozzafiato del golfo di Napoli in tutto il mondo, e i turisti sono arrivati ma poi se ne sono andati indignati perché sono entrati in acqua e sono scappati dopo aver trovato il mare in condizioni pietose.
Se Antonio Bassolino e la Rosa Russo Iervolino si fossero occupati di scarichi abusivi e depuratori fuori uso, questo disastro non sarebbe avvenuto...."
Esordisce così la ministra Brambilla durante un’intervista al Giornale il 4 ottobre scorso, a conferma che la responsabile del dicastero del turismo ha “incautamente” ingannato i turisti, pubblicizzando con moneta sonante (la nostra), anziché preoccuparsi di attivare immediatamente qualche forma istituzionale o spendere quello stesso denaro, inviato invece al marketing, per ovviare al gravoso problema dei depuratori campani.
E di tempo ce n’era, perché un anno mezzo sono più che sufficienti per “aggiustare” o rimediare all’incuria del sindaco del capoluogo o del presidente di quella regione.
La “signora” inoltre dichiara d’essere stata inondata di e-mail di protesta per via del grave fatto e d’essere madrina del made in Italy e della nostra immagine nel mondo, a differenza di certi esponenti della sinistra che, per cercare di screditarla, sono addirittura arrivati ad acquistare pagine di giornali esteri per parlare di democrazia a rischio nel nostro paese o altre farneticazioni.
Ma come, è questa la “sua” tutela del made in Italy, e non ha forse comprato degli spot televisivi e giornali internazionali per reclamizzare una regione di cui ben conosceva, si presume e si spera, la pessima situazione e le evidenti future conseguenze?
La causa dell’inquinamento marino è ormai decennale nelle coste campane, ed il malfunzionamento cronico e doloso di cinque grandi depuratori, è cosa ormai risaputa.
Così come le voci incontrollate che parlano di bolle coi vermi sulla pelle di chi si tuffa nelle acque flegree e di misteriosi decessi di bambini avvenuti a Monte di Procida dopo aver fatto il bagno.
A Pozzuoli sono comparsi alcuni cartelli che annunciano: “Qui non si vende pesce locale” e il famoso mercato ittico cittadino è ormai in crisi.
Il depuratore dell’Area Nord funziona al 10%, mentre alcuni Comuni del vesuviano non sono nemmeno collegati ai collettori e scaricano tutto a mare.
Le attrezzature dell’impianto poi sono vecchie di 20 anni, i dissabbiatori e le centrifughe sono usurati.
I fanghi non vengono smaltiti con regolarità e dunque rimangono ingabbiati nei digestori, che tuttavia possono contenerli per due settimane al massimo e così vengono gettati in mare.
Quello di Villa Literno in particolare è un colabrodo e dovrebbe depurare l’acqua dei Regi Lagni che oggi invece sono fogne a cielo aperto e al loro interno viene versato ogni tipo di rifiuto tossico.
In particolare il depuratore di Cuma che accoglie le acque fognarie di Napoli e dell’hinterland, ma funziona solo al 20%, eppure per anni mezza popolazione di Napoli e Caserta si è gettata in questa melma, incurante o inconsapevole dello stato degradante del mare campano.
Il fiume Sarno, il più contaminato d’Europa, getta in mare una quantità di veleni industriale, insieme ad una condotta fognaria situata a Punta Scutolo (tra Sorrento e Vico Equense) che insozza il mare fino a Punta Campanella.
Non si è mai parlato dei laghi flegrei.
Lago Fusaro e Lago Patria sono collegati al mare tramite dei canali e le loro acque sono a dir poco contaminate e dunque interdette alla balneazione.
Se li costeggiate, noterete delle strane ferraglie che fuoriescono dai laghi e si parla di rifiuti pericolosissimi gettati al loro interno.
Camorra sì, ma non solo perchè anche lo Stato ha fatto del suo.
Sul materiale versato nel Lago Fusaro infatti vige tuttora il segreto di Stato.
L’Alenia Finmeccanica, la principale azienda italiana che produce armamenti per l’esercito, ha scaricato materiali altamente nocivi al suo interno, di cui non è dato saperne la natura.
Nei pozzi del Lago Patria, invece, pochi mesi fa l’Arpac individuò una quantità di arsenico, fluoruri e altre sostanze pericolose così massiccia che i carabinieri si videro costretti a sequestrarli.
Acque che vengono utilizzate per irrigare i campi agricoli attorno al lago e che vanno a finire in mare.
Tale inquinamento si traduce non con fantomatiche bolle coi vermi sulla pelle, che pure hanno destato tanto allarme tra i cittadini, ma con l’aumento progressivo delle patologie tumorali e delle malformazioni neonatali.
Chi ha visto la drammatica testimonianza della famiglia Cannavacciuolo di Acerra se ne renderà conto, e la Brambilla cosa fa anziché provvedere?
Inonda il mondo con immagini mozzafiato di un mare pulito, però.

14 commenti:

palingenius ha detto...

Marketing o non marketing comunque e' inutile investire in zone che si rivelano boomerang. Anche dire che prima bisogna risolvere gli atavici problemi relativi a quanto avviene cosi' palesemente nel Meridione e' pura demagogia... e non diamo sempre la colpa agli amministratori pubblici in quanto la connivenza nel scarso rispetto dell'ambiente investe tutta la societa', dal vertice alla base! E aspettino pure qualche deus ex-machina che arrivi a risolvere questi problemi... giungera' prima la fine del mondo! Purtroppo dobbiamo essere cinici: pubblicizziamo Venezia mostrando Porto Marghera! L'Italia e' un paese "sporco" in tutti i sensi...facciamone il nostro punto di forza nel marketing cosi' quando il turista fara' il bagno in una spiaggia pulita restera' piacevolmente sorpreso!

Luciano Ardoino ha detto...

@palingenius

Forse non è voluta la tua ultima considerazione, e vale a dire "piacevolmente sorpreso", ma è la base per aumentare la qualità.
In definitiva è il dare sempre qualcosa in più che fa la differenze con "quelli" che albergano con sufficineza.
Comunque ti rinnovo l'assonanza col mio pensiero.

Anonimo ha detto...

So do I

B.C.

sergio cusumano ha detto...

@B.C.

So do I è veramente arcaico...non è meglio me too?

palingenius ha detto...

E' proprio quello che voglio far intravedere: ci sono comunque in Italia delle realta' "sane" dal punto vista turistico e sarebbe ora di puntare su quelle o su chi ha delle legittime ambizioni. Gestiamo anche il territorio in maniera piu' intelligente o restiamo al pizza, spaghetti e mandolino! Vi sono Regioni che sia con le istituzioni e soprattutto grazie alla collaborazione attiva dei suoi cittadini curano l'ambiente e tutti gli aspetti ad esso relativi ed e' giusto che vengano premiate... Era meglio mostrare delle belle foto del Trentino o delle Colline Toscane.... mi sembra che anche la Puglia si stia un po' muovendo... sicuramente corrispondevano meglio alla realta' dei fatti.

Plinio il Giovane ha detto...

per capire meglio: è nato prima l'uovo o la gallina? donne e buoi dei paesi tuoi, una Italia o l'Italia dei comuni e dei luoghi comuni.
Delegare , iniziative sporadiche ed individuali, inutili se non dannose.
Basta a trovare i perchè e i percome la situazione dell'Italia è questa. Ognuno ha i governanti che si merita ( e che gli conviene ).
Cosa vuoi risolvere i problemi di tizio e di caio. Il federalismo è l'unico modo per tirare fuori chi bara e chi vive da parassita.
Io non lotto per la Campania, o per il Veneto o per la Sardegna io penso al mio territorio, ognuno pensi al proprio territorio e voti gente valida e seria, non diamo la colpa agli amministratori ma a quelli che li votano, se Bassolino è ancora lì non vi sembra che vada bene a molta gente? Ognuno si arrangi. Come cavolo sarà venuto in mente alla MVB di spedire " le belle foto del Golfo di Napoli " che pensi al turismo italiano in toto. E dove le realtà sono o sembrano sane sotto sotto c'è del marcio in Danimarca
Plinio

Luciano Ardoino ha detto...

@Plinio

Hai già detto tutto e anche molto bene.
Il problema è che su queste pagine non c'è confronto e spesso ho ricevuto dei commenti, tramite l'invio di e-mail personali, dichiarando che non siamo credibili perchè la pensiamo tutti nello stesso modo.
Ritengo invece che quì "balle" non se ne possano raccontare e per questo motivo molti siamo evitati...ma nonostante tutto ci leggono sempre con più intensità, i contatti parlano.
Comunque aspettiamo....
:-)

Plinio il Giovane ha detto...

Noi parliamo di Turismo e basta , come già detto non mi interessa il partito, sono di centrodestra, ma se questa ogni giorno tira fuori una ca.. come si fà a stare zitti ecco l'ultima dopo quella delle foto:"Insieme al ministro Scajola stiamo varando un piano specifico di sostegno per il turismo nel Sud Italia, con risorse già disponibili per il 2009". Lo afferma il ministro per il Turismo Michela Vittoria Brambilla, precisando che, all'interno del piano del Governo per il Sud "la voce del turismo è tra le prime". Il ministro, inoltre, ha anticipato che il nuovo portale del 'Sistema Italia' dedicato al comparto "sarà pronto entro Natale".

palingenius ha detto...

@Plinio il Giovane
Un problema te lo risolvo io:
E' nato prima l'uovo in quanto rappresenta l'archetipo cosmico delle possibilita' di manifestazione ancora "inviluppate".
@luciano
forse c'e' troppa "pacatezza" nel blog e sicuramente le affermazioni pesanti e un po' volgari (di solito i toni son questi) producono delle reazioni immediate... promuovo comunque una condotta come quella attuale... forse con un pizzico di "provocazione" in piu' (sempre restando nei limiti di correttezza ed onesta') si potrebbe ottenere qualche risultato.

sergio cusumano ha detto...

Per quanto mi riguarda preferisco di gran lunga avere un confronto educato, e se non si hanno controversie, beh pazienza, ne abbiano talmente tante nella normale esistenza che se qui non ci sono, -ben 'non' vengano-.
@ Luciano
non so se può essere importante ma a me sta veramente bene così.

vinc ha detto...

Mi unisco nell'opinione che credo generale.
La MVB ci da già troppo da fare per pensare di battibeccare con altri.

palingenius ha detto...

La questione non e' di battibeccare ma anche di non apparire come una critica fine a se' stessa... La realta' e' complessa pertanto poter pacatamente e pubblicamente dialogare con la controparte sarebbe forse piu' costruttivo... altrimenti ce la cantiamo e ce la suoniamo. Se non altro per fugare il dubbio...

Plinio il Giovane ha detto...

la controparte non esiste. Si faccia avanti uno anche anonimamente che abbia una sola cosa positiva fatta dalla nostra ( non ditemi il sito sugli animali).
Come detto prima ognuno pensi ai turismi suoi io prima delle elezioni ho chiesto all'assessore al turismo 3 cose 3 che abbia fatto per il turismo in ER, che è vista come esempio in Italia e nel mondo solo ed unicamente per merito degli operatori seri. Se in ER dove mangiamo pane e turismo vi sono amministratori incapaci messi solo per motivi di poltrone non voglio pensare alle altre regioni, per questo dico ognuno pensi alla propria situazione e combatta non pensiate che a dire certe cose siano facili da dire anche quì al nord. Il sistema politico è talmente radicato che ci si può aspettare di tutto.
Leggevo l'altro giorno un filosofo moderno, il quale ribadiva che il comunismo è morto ma ha vinto, un numero minore di persone che lavorano rischiano in proprio e vengono tacciati di essere ladri permettono di vivere a tantissime persone di sola burocrazia non rischiando nulla anche se commettono errori imperdonabili.

palingenius ha detto...

@Plinio il Giovane
A me sembra che quella che tu descrivi sia la democrazia... in cui al potere vi e' ancora la borghesia... piu evidente che in Italia....Il comunismo e' morto presto perche' era destinato ad una vita brevissima: come si puo' pretendere che il potere venga dal basso? Ottenere il + dal - e' un'operazione impossibile!