lunedì 16 novembre 2009

http://www.italia.it.cip.ciop.quack/quack





Lo sto sperimentando giorno per giorno, l’Italia del turismo sta sprofondando sempre più nel ridicolo e un po’ mi vergogno quando vengo interpellato da amici o dai colleghi esteri.
Le solite cavolate tipo, ‘avete il più bel Paese del mondo ma non sapete cosa farne’, ‘vi lamentate sempre di chi c’era prima, ma dopo non cambia un bel niente’, e via dicendo, fino all’esaurimento anche della più grande calma celestiale.
Io poi di questa ne ho ben poca, soprattutto quando penso che il tutto è nelle mani della Michela Vittoria Brambilla, ma d’altronde amo l’Italia.
Vabbè, non so neanche da che parte cominciare, ed allora riporto un articolo di M.M. dell’Espresso che rispecchia pienamente quello che volevo dire in merito alla recente dichiarazione della Signora sui suoi presunti molteplici contatti ricevuti da Italia.it.

I numeri si sbandierano se sono belli e si nascondono se non lo sono.
Così, sui dati di traffico del portale turistico Italia.it è sceso il silenzio: nessuno sa quanti visitatori abbia e le promesse di trasparenza proclamate da Renato Brunetta evidentemente in questo caso non valgono.
Esistono tuttavia alcuni strumenti che permettono di valutare la diffusione e la popolarità di un sito, come Alexa.com o Google Trends: e da questi emerge come il bilancio di Italia.it sia catastrofico, con poche centinaia di utenti unici al giorno e tutti o quasi provenienti dall'Italia (il sito doveva servire a stimolare il turismo dall'estero).
Nato ai tempi del ministro Lucio Stanca (precedente governo Berlusconi), Italia.it è stato riesumato dal nuovo ministro del Turismo Michela Brambilla, dopo che l'esecutivo Prodi ne aveva decretato la fine.
Anche dopo il rilancio, tuttavia, il sito è rimasto povero di contenuti, nonostante il suo costo altissimo: le stime più prudenti parlano di 7 milioni di euro già spesi.
Negli scorsi mesi il ministro aveva annunciato "entro ottobre" grandi novità per Italia.it: mai arrivate, proprio come le notizie sui clic.

Portale turistico dei principali competitors europei e riferimento posizione Alexa:

Francia (16.315) Spagna (23.840) Italia (120.877) Inghilterra (78.801)

7 commenti:

frap1964 ha detto...

Proprio ieri la MVB ha parlato di 13 milioni di euro volati via, non si sa bene come e dove...
Ma ora è tanto impegnata... per cui a questa semplice domanda non può certo rispondere.

Luciano Ardoino ha detto...

Se la sua voglia di fare fosse anche produttiva, sarebbe un fenomeno.
Però così non è!
;-)

vinc ha detto...

@Luciano
Ha molta voglia di apparire e pertanto è logico il suo da farsi, non bisogna però dimenticare il detto che dice che sono questi i peggiori.
Se non ricordo male è appunto questa categoria di persone che producono il maggior danno e dai risultati...:-)

sergio cusumano ha detto...

Non si è più sentito parlare dell'enit. Ne sapete qualcosa?

Luciano Ardoino ha detto...

@Sergio

Bah, secondo una personalissima (ed ancora più issima) opinione dovrebbe avvenire un cambio.
Non so perchè ma Carlo Modica de Mohac e Matteo Marzotto, sarà per via della loro doppia M dei nomi (scherzo), che abbinata a quella sempre doppia della parola Commissario.
Vabbè, ho detto e non ho detto ma chi vuole può capire quello che intendo.
Sempre se ci si può riuscire.

sergio cusumano ha detto...

@Luciano

EEEeeeehhhhhh?

Luciano Ardoino ha detto...

@Sergio

Ciao amico, non appena ho letto il tuo interrogativo mi hai fatto ridere di gusto.
In effetti quando mi sono riletto non ci ho capito molto neanch'io ed immaginavo la tua.
Non posso dirti di più!