mercoledì 2 dicembre 2009

Come ti prendo il turismo a cannonate






La politica è un po’ come la guerra, infatti non ci si risparmia per determinare ed inseguire la sconfitta dell’altro, e tutto, o quasi tutto, è permesso, anche eventuali colpi bassi; si, anche proprio lì.
L’unica cosa che tra le due si differenzia, è che in guerra, dopo le cannonate dell’artiglieria (anticamente erano frecce ed alabarde), scende in campo la cavalleria, e quindi avanti con i fanti.
Mentre in politica no, ci si continua a bombardare per annientare l’avversario, ma soprattutto si ricorre a continue cannonate (le balle) per accentuare in meglio, o presunto meglio, il proprio lavoro all’opinione pubblica.
La Brambilla queste cose le sa, e credo le sappia anche molto bene.
Dalla data del suo insediamento al dicastero turistico, di cannonate ne ha distribuite a iosa e quasi nessuna andata a buon termine; gran brutta mira (sito degli animali a parte).
Il portale Italia.it che doveva essere pronto da tempo, è ancora lì a maturare forse alle prossime stagioni; il Bonus vacanze destinato ai meno abbienti giace e riposa; dei dati e delle statistiche sulle presenze turistiche che la Michela ci propina, tutti ne conosciamo la veridicità ed è meglio lasciar perdere; viaggi inutili ma dispendiosi a Dubai; i soldi spesi per pubblicizzare il mare di Napoli, senza però intervenire prima per aggiustare i depuratori che hanno prodotto notevoli internazionali reclami; commissioni di qui, commissioni di là di cui non si capisce bene l’utilità; dichiarazioni sulle presenze di paesi concorrenti che non rispecchiano la verità (Francia -14% dimenticando però di dire che questa percentuale è calcolata solo per le presenze straniere), infatti ricuperando quelle nazionali si arriva a -1% nel totale, che è sempre meglio del “suo” -4,3% (quello dichiarato) dell’Italia, eccetera, eccetera.
Insomma, una moltitudine di “balle” sparate a mo d'obice da 380mm, alle cui da un pò di tempo si sommano anche quelle dei suoi “amici” del settore.
L’ultima è del Paolo Cocchi, assessore al turismo della Toscana che così ci dice: da 100.000 accessi al sito del turismo nel febbraio scorso (prima dell'avvio della campagna) siamo schizzati a 1,2 milioni di consultazioni quotidiane.
Contatti che non fa neanche La Repubblica, il quotidiano on line.
Infatti secondo Google, che è approssimato, ma comunque abbastanza preciso, i contatti sono 53.000 al mese; stesso discorso per Alexa.
Ben distanti dagli oltre 33 milioni la mese.
E, se di questo settore non capiamo poi così male, presto all’allegra compagnia della Michela Brambilla, le si unirà a Roma, la Margherita Bozzano, assessore prossimo uscente della regione Liguria, che in quanto a sparate...
Attenti però, cari artiglieri, i più famosi “spara palle” di Navarone che per un po’ hanno dettato la legge sui mari della Grecia, sono a loro volta scoppiati, perché si sa; gonfia oggi, gonfia domani….alla fine si fa boom.

7 commenti:

palingenius ha detto...

Sparano cannonate ma la il proietto gli cade sui piedi...

Anonimo ha detto...

Niente di nuovo e solo delle critche gratuite.
Bravi e complimenti

frap1964 ha detto...

Dopo MVB ora comincia pure Frattini.
Da Magic Italy a Winning Italy.
Non oso pensare cosa sarà la prossima str...zza.
Ma la responsabile dell'immagine dell'Italia non era la Michela?
Non appena scopre che nel pregevole almanacco la parola "turismo" nemmeno compare... sai che urla !!!
Mitica la conclusione:
"l'Italia è uno dei Paesi europei con il più basso tasso di mortalità per suicidio. Siamo un popolo felice!!!"
:-)

frap1964 ha detto...

Il Ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla ha annunciato a BTC di voler istituire entro fine anno il primo Convention Bureau Italiano. Il nuovo organismo sorgerà all'interno del Ministero, e sarà seguito, in fase di costituzione, da Eugenio Magnani, Coordinatore della struttura di missione per il rilancio dell'immagine dell'Italia. Tra gli obiettivi, quello di creare almeno tre poli congressuali in ogni regione.
"Il turismo congressuale è l'11% dell'industria turistica", ha detto il Ministro, "e ha grandi potenzialità ancora in parte inespresse. Per rendere l'Italia un importante polo congressuale vogliamo darci degli obiettivi, perché se il nostro Paese è ancora indietro sullo sviluppo di questa importante branca del turismo lo si deve anche a una scarsa attenzione alle strategie. Ho istituito una Commissione che riunirà le associazioni di categoria e le istituzioni."

A che numero siamo arrivati, che io ho perso il conto da un pezzo? :-)

Luciano Ardoino ha detto...

Per quanto riguarda Frattini e il Winning Italy, mi è subito venuto da pensare a quelli che tanto hanno fatto per la nostra Italia e tanto ancora fanno, ma che non sono mai stati e mai saranno considerati, nè in questa Winning nè in quelle che verranno.
Ho nella mente una piccola lista di queste persone che ho conosciuto personalmente in 34 anni di "girovagamento".

Luciano Ardoino ha detto...

Per quanto riguarda le Commissioni, sono ancora in attesa di quella che più conta, a mio modestissimo parere.
Infatti se non erro dovremmo essere all'undicesima, mai poi le conto.
Come dicevo, la più importante non è stata ancora costituita e mi sono prefissato di elencarla alla fine del mandato della ministra per vedere cosa diranno questi grandi "guru esperti" di turismo, visto che in 40anni non l'hanno mai proposta e mai ci hanno pensato.
Personalmente credo che il CBI sia una buona idea ma se diretta da Magnani, parte già male, come male sono i tre poli. Uno è sufficiente e non porterebbe a troppe discordanze.
Cavolo, ne pensa una giusta ma la produce e la porta avanti come elefanti nella cristalleria.
Peccato!

sergio cusumano ha detto...

@Luciano

Due commenti e due enigmi, non puoi esere più preciso?
Dicci...