lunedì 11 gennaio 2010

Le tre "lettere" che ben conosce la Brambilla









In un Paese straniero potrebbe rimanere ministro del turismo, una persona che ha detto, fatto o ottenuto questo in soli 12 mesi?

1) Il portale Italia.it passa dal Brunetta alla ministra del turismo e a tutt’oggi non è ancora attivo, mentre ogni commento risulta superfluo.
2) Si riparla del Bonus Vacanze per consentire anche ai meno abbienti di andare in vacanza (5 mln), a cui però vanno decurtati 720.000 euro a causa dell’allegra organizzazione tra tasse, associazioni e varie.
In Francia per la stessa cosa sono stati stanziati ben 908 milioni di euro, ed il tutto viene gestito da un ufficio equivalente a quello di un nostro semplicissimo ufficio di Ragioneria Comunale.
3) Michela Vittoria è ancora un semplice sottosegretario con delega al Turismo, ma già annuncia il tè nel deserto con sceicchi e sultani a Dubai, ma tornerà a casa con un pugno di mosche.
Avremmo risparmiato tempo e denaro, racconterà uno dei passeggeri, mentre un componente del cda dell’Enit, la descriverà come la più imbarazzante delle strategie promozionali a cui ha assistito nella sua vita. Dubai, poi, farà “Crack”, confermando le infelici scelte della Michela.
4) Dopo una lunga gestazione elefantiaca nasce la nuova classificazione alberghiera (ultima del 1983), dopo un anno, si comincia a capire che non è cambiato niente.
5) La Brambilla decide di volare in Francia per unirsi (triade) con i transalpini e gli iberici per rilanciare il turismo nazionale, ma il risultato sarà che ognuno continuerà a pensare ai fatti propri e della cosa non se ne saprà più nulla.
6) In una stessa giornata, riesce a dare due opposte considerazioni; infatti al mattino, Michela Vittoria Brambilla, dichiara che nonostante la crisi economica in atto, il nostro turismo sta rispondendo molto bene, fino a registrare un segno positivo. Passano poche ore ed ecco il contrordine:“Tutelare le imprese e i lavoratori a fronte di una crisi pesante che ha provocato 4 miliardi di perdite e 40.000 posti in meno nel comparto, cercando di invertire il trend negativo” . 7) Nello stesso mese l’Italia si presenta alla Mitt di Mosca (6° manifestazione turistica al mondo per importanza), e nonostante che lo spazio affittato dall’Italia sia maggiore di quelli di Francia, Spagna, Stati Uniti e Cina insieme, il prodotto di questa nostra pomposa presenza in terra russa, si evidenzierà a fine stagione con un calo del -25% delle presenze dell’ex Urss in Italia.
Arrivano i dati del Word Economic Forum, dove nonostante i continui proclami della ministra in merito al “suo” evidente miglioramento, l’Italia appare nelle ultimissime posizioni nel turismo.
8) Federalberghi dichiara: 150.000 posti di lavoro nel turismo nei prossimi mesi e 13.000 imprese turistiche a rischio fallimento, mentre il Corriere della Sera (7 marzo 2009) da i primi risultati di questo “benessere”: - 4 miliardi di fatturato persi nel 2008 - 1 miliardo stagione invernale 2008/2009.
Solo pochi giorni prima la Brambilla dava come positiva la stagione invernale.
9) Maria Concetta Patti, Presidente di Federviaggio: le prenotazioni sono in calo del 18% per l’Italia
10) Diventa Ministro del Turismo senza portafoglio, ma senza contare niente per via del Titolo V che delega alle regioni tutte le responsabilità del settore e decolla il contestatissimo logo Magic Italy, appoggiato da Silvio Berlusconi in persona, ma nessuno dei due si accorge che il copyright del marchio è già intestato a un portale Britannico.
11) Istituisce una sezione per identificare sei città di mare e sei di montagna per poter ospitare disabili e persone anziane; solo che da allora non se ne sa più niente e probabilmente le stanno ancora cercando.
12) Nonostante i continui proclami di abbassamento tasse turistiche della ministra, la tassazione media sulle imprese turistiche rimane del 31%, mentre la media europea e' a poco più del 24%.
13) Continuano i personali dati della Brambilla; infatti appare la dichiarazione che 7 milioni di italiani in più dell’anno precedente, hanno già pianificato una vacanza, mentre il risultato di queste affermazioni li vedremo più avanti (-4,3%).
14) Brambilla: “I tedeschi hanno come meta preferita delle vacanze l’Italia”, mentre il Sueddeutsche Zeitung smentisce categoricamente solamente un giorno dopo.
15) Crack Todomondo: la Michela Brambilla viene in soccorso dei turisti “gabbati” e attiva subito il Fondo di Garanzia (non c’è neanche un euro) e la cosa è ancora al vaglio.
16) Si verifica lo scontro Bertolaso/Brambilla, il 13 luglio scorso, e vale a dire quando Bertolaso leggendo la Gazzetta ufficiale scopre che la Brambilla, con uno strumento eccezionale usato solo per calamità o grandi eventi, definisce 12 contratti a termine con i soldi occorrenti per il ripristino delle zone terremotate.
17) Il braccio destro del ministro del turismo, Carlo Modica de Mohac, veniva nominato commissario delegato, con una maggiorazione di stipendio del 25 per cento mentre lo stesso benefit viene erogato per tutti i dirigenti della Brambilla coinvolti.
18) In più l'ufficio, per rilanciare il turismo in Abruzzo avrebbe assunto quattro consulenti giuridici con un'indennità di 30 mila euro l'anno.
Il decreto parla anche di campagne pubblicitarie, scritturazione di registi e attori, appalti per mostre e concerti.
Bertolaso finisce di leggere, chiama Berlusconi, e il decreto viene abrogato (mai al mondo un decreto viene annullato in soli due giorni).
19) La Michela dichiara che il turismo è l’azienda che meglio ha combattuto la crisi ma il rapporto dell’Inps dà purtroppo il turismo a rischio recessione più degli altri settori, in quanto maggiormente esposto alle turbolenze finanziarie, tanto che nel solo mese di gennaio 2009 l'Inps ha registrato un calo del 21% di occupati rispetto al gennaio 2008.
20) L'indagine sul movimento turistico 2008 indica un calo del 2,5% sulle presenze turistiche in Italia (- 4,4% straniere, -1,2% italiane) e dell'8-9% dei ricavi.
21) I dati Federconsumatori e Adusbef ci confermano con un calo del 7% delle presenze di italiani e stranieri.
22) Federturismo Confindustria: "A fine estate si dimostra che gli annunci trionfalistici di infondate previsioni ottimistiche non sono stati sufficienti per sconfiggere la crisi strutturale del turismo e dalla crisi del settore non si esce con annunci ed operazioni di facciata, ma con interventi di politica economica e industriale seri, incisivi e soprattutto coordinati.”
23) Si auto elogia dei buoni risultati ottenuti dall’Italia nel 2009, e non solo, li espone addirittura come migliori di quelli francesi che dichiara siano in base al -14%.
La cosa per altro non è vera, poiché nella sua esamina, “dimentica” di elencare ben due mesi di presenze turistiche nel territorio d’oltralpe (luglio e settembre), mentre Novelli, il ministro francese, la smentisce; (Francia -1% nel 2009).
24) Ritiene che la candidatura di molteplici città italiane, Roma, Venezia, Bari e Palermo alle Olimpiadi 2020, sia da interpretare come un successo della nazione, e che quattro grandi città abbiano (per lei) tutte la statura per ospitare le Olimpiadi non costituisce un caos. Non passa molto tempo che il Presidente del Coni Petrucci, dichiara ridicole alcune candidature.
25) Nasce l’idea della ministro del turismo di costituire una “task force” per annullare l’imperversare dell’avversa stampa straniera all’indirizzo del Presidente del Consiglio e quindi proteggere il made in Italy. I risultati naturalmente non si sono visti e la stampa estera continua…
26) Ho investito risorse pubbliche per promuovere la Campania e le sue coste, ho spedito immagini mozzafiato del golfo di Napoli in tutto il mondo, e i turisti sono arrivati ma poi se ne sono andati indignati perché sono entrati in acqua e sono scappati dopo aver trovato il mare in condizioni pietose.
Esordisce così la ministra Brambilla durante un’intervista al Giornale il 4 ottobre scorso, a conferma che la responsabile del dicastero del turismo ha “incautamente” ingannato i turisti, pubblicizzando con moneta sonante (la nostra) delle acque inquinate, anziché preoccuparsi di ovviare al gravoso problema dei depuratori campani.
27) Viene nominato Paolo Rubini (responsabile della “banca dati” dei Circoli della libertà),a General manager dell'Enit (Ente Nazionale italiano turismo). La Michela, eleggendolo, offre la causale che il proprietario dell'azienda specializzata nel congelamento dei cordoni ombelicali è anche in possesso di comprovati e adeguati requisiti tecnico-professionali in relazione ai compiti istituzionali dell'Enit e quindi del turismo. Non risulta da nessuna parte che il Rubini abbia mai partecipato a qualcosa che assomigli al turismo.
28) Nei primi nove mesi del 2009 hanno chiuso i battenti 100 mila imprese di commercio, servizi e turismo, è quanto rileva Confesercenti.
29) La ministro del Turismo dichiara che l’immagine Italia è stata trasmessa in 250 Paesi in tutto il mondo, però c’è una cosa strana: gli stati del mondo sono solo 201, di cui 194 generalmente riconosciuti sovrani a livello internazionale.
30) Incita gli italiani a rimanere in vacanza entro il territorio nazionale per aumentare l’indotto, ma lei decide di fare le proprie in Francia.
31) La Banca d’Italia dichiara in rilevante calo le entrate derivanti dal turismo…..scusate, ce ne sono altre, ma ho nausea…

8 commenti:

sergio cusumano ha detto...

Un bel esempio di collaborazione tra le istituzioni e le aziende.

Anonimo ha detto...

Più che altro mi sembra un gran brutto esempio di ministro del turismo.
B.C.

frap1964 ha detto...

OT - Remind.

L'11 gennaio, alle ore 12.00, presso la sala conferenze di Palazzo Raffalello ci sarà una Conferenza Stampa per la presentazione dello spot Marche: le scoprirai all'infinito nella versione definitiva da 120s e in 2 versioni definitive da 30s, interpretato dall'attore Dustin Hoffman. Saranno presenti, oltre al sottoscritto, il regista Giampiero Solari e Stefano Torrisi di Europroduzione.
Sarà anche l'occasione per rispondere ai vari quesiti emersi in questi giorni.
[canale YouTube di G.M.Spacca]

E invece, a quanto pare la presentazione degli spot alla stampa nazionale è rimandata al 20 gennaio (Triennale di Milano), con oltre un mese di ritardo sulla data di consegna prevista dal disciplinare di gara.

Si commenta da sé.

frap1964 ha detto...

La maggior parte dei commenti è positiva (?!!??)... Sono convinto che questa operazione abbia tutte le potenzialità per diventare una pietra miliare nel mondo della comunicazione.

ROTFL
Quanto a panzane e str...anezze è una bella gara con la Brambi! ;-)

Anonimo ha detto...

Perfino l’Accademia della Crusca nonchè Umberto Piersanti, Davide Rondoni e Giorgio De Rienzo. Già che c'era poteva anche metterci sua madre e il vicino del pianerottolo con cui va così d'accordo.
Montate in gondoleta che questi vi portano al Lido.
Ho letto che in questo blog non si può parlare male, sennò.....


un veneziano

Luciano Ardoino ha detto...

Se è vero che sono così contenti perchè non ringraziano Andrea che ha contribuito a realizzare quello che volevano?
Mah?

RING ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
vinc ha detto...

Una pietra miliare che a volte rimane attaccata al collo, e lì vicino c'è il mare....;-)