sabato 6 novembre 2010

L'Enit di Parigi ... senza parole (le mie)

.... La scorsa settimana, a Parigi, a un passo dalla centralissima place Vendôme, ho fatto un simpatico giochino. Sono entrato nella sede dell’Enit, l’ente nazionale del turismo italiano (che non è propriamente un gioiello dell’architettura, anzi è in ristrutturazione, ma dovrebbe fare vergognare il ministro competente Michela Vittoria Brambilla) ed ho chiesto in francese informazioni su Genova e sulla Liguria.
Forse, avrei fatto meglio a non farlo, visto che i responsabili del turismo italiano all’estero non hanno potuto far di meglio che estrarre da faldoni polverosi un listino degli alberghi della nostra città risalente al 2004, aggiornato al 31 dicembre 2003, che - tanto per dire - non comprende l’hotel che potrebbe interessare di più i clienti parigini, cioè il cinque stelle cittadino, il Bentley di Carignano, aperto successivamente.
Insomma, un disastro.
E non è che, spostandosi da Genova, vada meglio: i dati sul Tigullio (che, all’estero, vuol dire principalmente Portofino, Santa Margherita Ligure e Rapallo) sono del 2006; le notizie turistiche su «Genova porta del Mediterraneo» sono del 2007; quelle sulle Cinque Terre (sito Unesco e pratrimonio mondiale) sono solo di un consorzio di traghetti privato; quelle sui percorsi culturali ed enogastronomici della regione Liguria sono del 2006.
Come dire? Parigi è sempre Parigi. Ma Genova è sempre Genova.
Massimiliano Lussana
Capo redattore de Il Giornale (Genova)

8 commenti:

frap1964 ha detto...

Ma Marzotto, spesso a Parigi per affari suoi, una visitina, alla sede locale dell'ente che dirige da un paio d'anni, non l'ha mai fatta?

Luciano Ardoino ha detto...

Credo che il tempo libero lo usi per altre cose visto l'andazzo che il buon Massimiliano c'ha visto in quella sede parigina.
Però quello di leggerci lo trova (IP), considerando che probabilmente e forse è "lui" che ha incaricato la responsabile addetta stampa dell'Enit di scrivermi e dirmi al telefono che qui si scrivono delle "FARNETICAZIONI".
Questa (visita all'Enit) ne è appunto la riprova, e chissà chi le dice, ma anche le fà ... le FARNETICAZIONI?
:-(

Mamma mia, che pena, ma soprattutto come si fanno a vantare del loro lavoro se ....vabbeh, niente di nuovo nel carrozzone.

frap1964 ha detto...

Voglio vedere se il pezzo lunedì finisce nella rassegna stampa di ENIT.

Luciano Ardoino ha detto...

@frap

certo che questo fondo è stata una gran bella "bastonata" e ... grande Massimiliano.
Ancora una volta di più m'ha dimostrato che è veramente una persona seria.
:-D

Anonimus-a-um ha detto...

@Luciano

In considerazione del rapporto d'amicizia che ti lega a Massimiliano Lussana, non è che la cosa derivi da un tuo interessamento?
Mi spiego.
Tu l'hai informato della cosa e lui trovandosi per caso in quelle zone ha fatto il resto.

Ho scoperto la pentola?

Luciano Ardoino ha detto...

@anonimus-a-um


No e peccato, perchè la "cosa" come la definisci tu sarebbe stata simpaticamente logica.

frap1964 ha detto...

Purtroppo agli estensori della rassegna stampa ENIT di oggi è sfuggito questo pezzo.
Eh... speriamo recuperino domani. ;-)

Luciano Ardoino ha detto...

No no.
L'hanno visto, eccome l'hanno visto e letto più volte.

:-D