martedì 22 febbraio 2011

Bocca e ... l'occhiataccia all'Enit e alla Brambilla

"La gestione commissariale di Enit è durata troppo". Bernabò Bocca presidente Federalberghi - Confturismo attende il 3 marzo, giorno in cui è stato garantito l'insediamento del nuovo cda dell'Agenzia nel quale siederanno 2 rappresentanti del Governo, 2 delle regioni (forse Abruzzo ed Emilia Romagna) e 1 in rappresentanza delle aziende.
Bocca è quasi certo della sua presenza nell'organismo: "Sono i numeri a parlare, Federalberghi - Confturismo è la più grossa associazione di categoria per le imprese".
Soddisfatto per l'istituzione del Convention Bureau, "che dotato di 6 milioni di euro dal dipartimento del Turismo finalmente sarà un organismo che potrà funzionare", il presidente guarda ora soprattutto al leisure per il 2011, confidando nel mercato italiano a seguito degli accadimenti nel bacino Mediterraneo, mentre dall'estero confessa ottimistici segnali da Brasile, Russia e Cina "i più vivaci".
"Alla prima riunione operativa con Enit cercherò di mettere in evidenza il problema dei visti: Chiuso l'ufficio visti di Kiev non riusciamo ad ottenerne il rilascio. E' inutile andare in giro a fare promozione in Russia quando poi i turisti non possono venire in Italia, oppure entrano prima dalla Francia che li rilascia con facilità e da noi arrivano in coda ai tour quando hanno finito le risorse da spendere". Comprensivo sulle necessità del taglio dei costi per gli uffici italiani all'estero, Bocca insiste su una "Casa Italia" dove siano assembrate le diverse funzioni anche dell'Ice. "Con Vattani (presidente Ice, ndr) l'intesa e le sinergie ci sono, le problematiche sono solo di ordine normativo".

16 commenti:

frap1964 ha detto...

Ora capisco la recente "uscita" di Winteler sul CdA ENIT... ;-)

frap1964 ha detto...

Ennesima "mazzata" di J. Winteler a MVB e alla sua rinnovata politica nazionale del turismo.
Ah, ho scoperto che alla BIT la rossa ha dichiarato che la riforma del titolo V è stato un grave danno per il settore.
Ci ha messo solo tre anni per capirlo e, naturalmente, finge di ignorare che esistano progetti di riforma del titolo V medesimo (tra cui uno di Rutelli) da un bel po'.
Infine ho notato da poco (e/o non ricordavo) che dei famosi 118 milioni di euro "bloccati" dell'era Rutelli, poi rideterminati in € 112.697.956,99 per "progetti regionali di eccellenza del turismo", la ns. excellent "stakanovista brianzola di Calolziocorte" se ne è riservati per sé ben € 16.227.180,00 per non meglio identificati "progetti suoi".
Che ci farà in concreto?

frap1964 ha detto...

Qualche giorno fa MVB era in audizione alla X Commissione in Senato per "spiegare" le novità del suo Codice del Turismo.
Notare che dal resoconto risulta che MVB

Dopo aver ricordato che, ai fini della predisposizione del testo, sono state svolte delle audizioni formali di tutti i rappresentanti delle categorie interessate...

Eeeeeeehhh ?????
Ma quando ????

Ma sopratutto notare che nel testo del Senato il ministro è meglio noto (più volte) come Maria Vittoria Brambilla.
Forse per il ben noto feeling con l'unto del Signore. ;-)

Luciano Ardoino ha detto...

Infatti, ecco cosa si diceva sul blog l'anno scorso (aprile) in merito a quei 118 milioni
[http://tuttosbagliatotuttodarifare.blogspot.com/2010/04/i-118-milioni-di-euro-per-i-progetti-di.html]

e, cosa assai strana, è andata proprio così.
Ma tu guarda il caso.
;-)
P.S.: Ma non era la Cittadino a mettere a posto il Titolo V?
Per winteler m'informo del perchè non c'è nessuno dei suoi (almeno credo).

Luciano Ardoino ha detto...

Credo si chiami anche Maria oltre a Vittoria Michela Brambilla.
Mah?
;-)

Luciano Ardoino ha detto...

Ed è andata bene perchè dai 17 milioni si è passati agli € 16.227.180,00.

La causale è "per misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica".
La stessa che ha portato i 118 e passa milioncini liberati dalla C dei C, e che sono diventati 112.697.956,99.
Questi soldi che invero avrebbero dovuto produrre degli interessi negli anni trascorsi dal Rutelli, come mai si sono assotigliati?
Ma che è?
;-)

Anonimo ha detto...

Con riferimento alle dichiarazioni del presidente Bernabò Bocca sull'iter per il ripristino del cda dell'Enit, Federturismo Confindustria ribadisce il proprio disappunto per la mancanza di trasparenza del processo, che non si riferisce alla conoscenza dei numeri in valore assoluto, più o meno precisi e citati in modo autoreferenziale, ma all'informazione e al convolgimento di tutti i sistemi associativi, per una elementare esigenza di correttezza. Quanto ai numeri comunque, Federturismo Confindustria continua a rivendicare l'ampia e completa rappresentatività del settore. La Federazione infatti comprende soci di tutta la filiera del comparto turistico in senso proprio. Oltre alla ricettività e all'intermediazione, essa include i musei, i porti turistici, il turismo di montagna e balneare, le terme, le agenzie immobiliari, i trasporti aerei e ferroviari etc. In tutti i comparti aderiscono al sistema della Federazione i più grandi players del mercato. Il governo non può ignorare la rappresentatività del sistema turismo di Confindustria in un processo decisionale così importante per l'industria turistica. Questo processo più che autocertificazioni richiede il convolgimento di tutti i sistemi di rappresentanza.
B.C.

Sabaudo ha detto...

Siamo alle solite.
Evidenti problemi diaccaparramento di poltronee soddisfazione di ego e necessità esclusivamente a carattere personale, vengono strumentalizzate con roboanti quanto futili argomentazioni dalle quale traspare solo l'arrivismo e rampantismo di personaggi che si autoproclamano quali condottieri di improbabili eserciti (come definire altrimenti questo caotico imperversare di scatole cinesi affastellate appositamente nei Palazzi di realtà che rappresentano ormai solamente se stesse e i paludati cavalieri che ne occupano gli scranni ed atte solo a scalare, scalare,scalare,
alla faccia di un mondo imprenditoriale da loro sempre più abbandonato alle traversie quotidiane...

Luciano Ardoino ha detto...

@Sabaudo

E quante cariche ricopre il nostro "amicone"?

;-)

E chissà se le farà tutte bene...

frap1964 ha detto...

Dopo il Senato, domani (ore 14.30) la Brambi è in audizione alla X Commissione della Camera dei Deputati per illustrare anche lì il suo innovativo e indispensabile "Codice del Turismo".
Chissà se anche lì provera a sostenere la tesi dell'ampia condivisione del testo.
Chissà poi se, nell'occasione, le deputate del PD (Marchioni e Froner) le faranno notare che alla loro interrogazione in X Commissione sulle "consulenze allegre" finite alla Corte dei Conti non ha ancora risposto a distanza di due mesi.
Un pochettino in ritardo per essere una "stakanovista brianzola", no?

Luciano Ardoino ha detto...

Mah (?), tu sei sicuro che si presenterà?
Ho sentore che possa inviare, per quell'occasione, il solito sostituto.
Se poi ci va non vedo l'ora di leggere le interrogazioni del caso.
;-)

frap1964 ha detto...

Si è presentata.
L'audizione può essere ascoltata QUI (1h 10m).
Sto ascoltando... poi ti faccio sapere se esce qualcosa di concreto (ma dubito, per il momento MVB sta leggendo il solito compitino con le solite chiacchiere e i soliti numeri sparati +/- a casaccio).

frap1964 ha detto...

Sintesi dei 30 minuti di MVB.

07:10 - 09:00
La riforma del titolo V è stato un errore.

09:55 - 10:45
Entro la fine di maggio sarò presentato il piano strategico per il turismo. Cinque gruppi di lavoro
con Regioni, UPI, Anci, associazioni di categoria su questi punti:
- Sistema turismo e governance
- Politiche di sviluppo e aumento della competitività
- Comunicazione e politiche di internazionalizzazione
- Innovazione e turismo
- Ricognizione delle risorse finanziarie esistenti ed utilizzabili per il rilancio del turismo in Italia

11:15 - 14:00
La tassa di soggiorno è stata voluta da Anci e sarà facoltativa. Sarà comunque una tassa di scopo.

15:45 - 16:45
Nascerà il Convention Bureau Nazionale, struttura unitaria di supporto per il turismo del business.

17:35 - 20:00
Il Codice del Turismo è un provvedimento qualificante.
Era atteso da tempo da tutto il comparto.
Riconduce a sistema una legislazione frammentata.

21:45 - 22:45
Svolte audizioni formali per il CdT, ma non delle associazioni di categoria. Cui la scorsa settimana MVB avrebbe comunque dato disponibilità ad accogliere suggerimenti, purché non in contrasto con la normativa europea.

22:45 - End
Esposizione sintetica di qualche dettaglio del codice.

---

A seguire domande (senza risposta immediata di MVB).

E' stato chiesto a fine audizione dalla vicepresidente (Froner) che MVB torni in Commissione entro la prox. settimana.

frap1964 ha detto...

Mitico l'intervento del deputato Ludovico Vico (PD) ! :-)

frap1964 ha detto...

La domanda nasce spontanea:
tra le "linee di azione" del suo dicastero, la MVB ha forse rilanciato il mitico portalone?

frap1964 ha detto...

Tra l'altro nel suo intervento la deputata Marchioni (Rimini) ha praticamente sconfessato tutto quanto esposto dalla Brambi, ricordando come la Conferenza Stato-Regioni avesse bocciato il Codice del turismo, come il Consiglio di Stato avesse espresso dubbi sul metodo e sul merito (paventando possibili ricorsi) e come in realtà le associazioni di categoria non fossero state nemmeno preventivamente consultate.
Alla faccia del provvedimento qualificante. ;-)

Vico ha invece "gentilmente" invitato la Brambi ad occuparsi anche degli addetti del settore, ricordando come Federalberghi abbia dichiarato di aver provveduto al licenziamento di lavoratori con contratto a tempo indeterminato nella misura di oltre il 3% degli occupati.