sabato 18 giugno 2011

Bocca-ccia mia statte zitta

E invece no, parlo; anzi, scrivo mentre continuiamo (o continuano) a farci del male da soli.
E scrivo delle statistiche turistiche di un mese fa, quelle dettate da Bernabò Bocca, il presidente di Federalberghi, che poi, visto ch’erano positive (+ 2% per loro), sono state dette e ridette dalla Brambilla per fare la sua bella figura e dare un senso al suo/loro “lavoro”.
Statistiche estratte con una ricerca d’informazione su “ben” 3.003 interviste, che se paragonate al numero degli italiani che hanno la maggiore età, fanno la grande cifra di zero virgola zero zero zero e poco o niente all’infinito e che il Bocca aveva definito così: “È un salutare segnale di ripresa per il turismo italiano quello che arriva dalle previsioni … un segnale che arriva -continua Bocca- dopo un buon andamento anche dei primi quattro mesi dell’anno, dove a crescere sono stati più gli stranieri degli italiani, a conferma di un ottimo rapporto qualità-prezzo proposto dalle nostre imprese.”
Ottimo rapporto qualità/prezzo che vede solo lui, e da un po’ di tempo a questa parte anche dalla Brambilla e pochi adepti dell’uno o dell’altro.
Però nessuna menzione per quelle forse più veritiere che arrivavano dalla Banca d’Italia (ma che guarda un po’, dicevano tutt’altro), infatti eccoli qua per i primi tre mesi.
Meglio non dirle, avranno pensato, perché si sa mai che la gente ipotizzi che non sanno far niente di buono che dare dei dati che manco li cani, gatti e asini annessi, oramai ci credono più.
Comunque, quadrupedi a parte, non passa che un mese (ma già si sapeva) ed ecco che il Bocca, intervistando con metodologia internet il “grande quantitativo” di 1.269 imprese ricettive, distribuite a campione sull’intero territorio nazionale, sentenzia che nel mese di maggio (quello che per me da sempre il “la” alla bella stagione) le prenotazioni e presenze stanno andando a rotoli.
Ma va?
Verrebbe da dire che con loro di mezzo a decidere le sorti del turismo nazionale, la cosa era abbastanza evidente; ma non lo dico, al massimo lo penso se così è.
Si sa mai che oltretutto quello che (non)  riescono a produrre per il bene della Nazione, si possano anche offendere.
In ogni caso questi sono i “loro” ultimi dati (Federalberghi) e che presumibilmente la Brambilla non divulgherà con la stessa dovizia di quando invece lei ci vede anche la più piccola parvenza di segno più: “L’andamento del turismo alberghiero italiano da gennaio a maggio di quest’anno (rispetto allo stesso periodo del 2010) fa segnare una stagnazione determinata da un pessimo andamento del mese di maggio … dati che trovano altre note dolenti sul fronte dei nostri collaboratori che scendono di uno 0,5% a gennaio/maggio (rispetto allo stesso periodo del 2010), con una flessione del 2,1% per i lavoratori a tempo indeterminato …”.
… e se per caso ‘sta gente cambiasse “mestiere”, non sarebbe un po’ meglio per noi?
Ma non lo dico, al massimo ci penso che continuiamo a farci del male da soli.

4 commenti:

Luciano Ardoino ha detto...

Michela Brambilla si è messa il grembiule di ordinanza quando si è trovata di fronte ai fornelli e ha preparato un risotto allo zafferano, appena terminata ...

http://milano.repubblica.it/cronaca/2011/06/17/foto/milano_c_il_ministro_brambilla_a_lezione_di_risotto_da_marchesi-17849923/1/

Ecco, visto che è brava a fare il risotto, non si potrebbe pensare di "trasportarla" in quel ministero (e se non c'è crearlo per l'occasione visto che anche quello del turismo non esiste in Italia)???

frap1964 ha detto...

Ecco... questa pensa di risollevare la ristorazione con un festival (che novità!) e quattro medagliette.
Che tristezza vedere certo ns. settore enogastronomico prono difronte a tanta fuffa.

frap1964 ha detto...

Mi stavo giusto chiedendo se queste belle trovate siano o meno un magico parto della famigerata "Commissione ministeriale del turismo enogastronomico".
Nel qual caso c'è poco da stare allegri (sic!)

Luciano Ardoino ha detto...

Credo proprio di si e aspetto "pazientemente" i dati del primo congresso per buttare giù uno straccio di utilità presenze dell'evento per la città di Milano.

Double sic!

:-(