lunedì 6 giugno 2011

Pernottamenti turisti stranieri anni 2008 2009 2010 ( e se qualcuno ci vede il +2,5% della Brambilla ...)

Anche ieri sera, tra auto lodi “mascherate” abilmente da pseudo modestia e via cantando, la Michela Brambilla c’ha omaggiato (è da mo’ che lo fa e lo dice) dei dati della Banca d’Italia in merito alle presenze turistiche straniere.
Le “sue” di presenze, che manco a dirlo, non trovano però ed invero riscontro nelle pagine da lei menzionate.
Infatti la ministra continua a sostenere che nel 2010 si è avuto un incremento del 2,5% rispetto all’anno precedente ma vedremo poi con un bel “schemino” che la veridicità dei fatti va tutt'altra parte.
Il tutto è avvenuto durante la trasmissione su Rai 3, TeleCamere condotta da Anna La Rosa, dove tra le molte altre cose incomprensibili narrate dalla ministra ( ad es. il fatto “e vai di nuovo” che noi disponiamo del 50% del patrimonio artistico culturale del mondo intero, e come si ode da cotanto fiato al 26’15” delvideo) e il suo periodico bla bla bla atto (sembra) atto alla sola auto proclamazione di buon servizio per l’Italia intera e di cui personalmente non m’interessa granché anche perchè i "risultati veri" dicono tutt'altro, resta il fatto che anche ieri sera, come da tempo avviene in tutte le trasmissioni in cui, ahinoi, è presente la Brambilla, le “sue” presenze turistiche straniere “aumentano” del  2,5% (29’58” del video), mentre a me/noi appaiono completamente diverse… comunque eccole qua (da Banca d’Italia e vale a dire la sua stessa fonte):
 
TAV. T3P-SA / TAV. T3P-SP
VIAGGIATORI STRANIERI
NUMERO DI PERNOTTAMENTI
PER STATO DI RESIDENZA E MOTIVO PRINCIPALE DEL VIAGGIO
* GENNAIO-DICEMBRE 2008 / 2009 *
(IN MIGLIAIA)

STATO
DI RESIDENZA
MOTIVI PERSONALI
           TOTALE                           DI CUI VACANZE
MOTIVI DI LAVORO
TOTALE
                                                  

2008
2009
2010
2008
2009
2010
2008
2009
2010
2008
2009
2010
EUROPA - UE
192.654
182.124
179.635
138.280
128.807
124.502
42.948
35.297
34.423
235.602
217.420
214.058
- AUSTRIA
13.986
12.686
13.838
11.983
11.097
12.119
1.785
1.790
1.416
15.771
14.476
15.253
- BELGIO
7.370
7.122
6.332
5.184
5.243
4.106
938
1.059
929
8.308
8.181
7.261
- DANIMARCA
2.816
2.686
2.950
2.517
2.463
2.638
266
339
238
3.082
3.026
3.188
- FRANCIA
25.635
28.099
26.811
16.706
16.932
15.177
4.548
3.717
3.735
30.184
31.816
30.546
- GERMANIA
57.636
52.998
50.669
46.137
42.844
42.190
8.242
7.674
6.108
65.878
60.672
56.777
- GRECIA
3.313
2.551
2.252
1.335
786
673
571
1.068
997
3.883
3.618
3.249
- OLANDA
14.933
13.924
11.317
13.320
12.330
10.043
1.386
1.116
858
16.320
15.040
12.175
- REGNO UNITO
21.396
19.384
18.210
15.097
13.566
12.776
3.128
3.162
3.536
24.524
22.546
21.746
- SLOVENIA
758
556
581
604
305
435
203
268
193
960
825
774
- SPAGNA
13.999
14.623
14.363
6.678
7.605
7.258
2.742
2.299
2.260
16.741
16.923
16.623
- SVEZIA
2.861
2.261
3.232
2.007
1.714
2.126
535
481
367
3.397
2.742
3.599
- EUROPA - UE - ALTRI
27.951
25.233
29.080
16.713
13.922
14.961
18.603
12.324
13.787
46.553
37.556
42.867
EUROPA - EXTRA UE
22.575
25.196
25.342
12.584
14.148
13.918
4.397
5.553
6.403
26.972
30.749
31.745
- CROAZIA
494
738
778
328
190
515
262
460
738
757
1.197
1.516
- RUSSIA
3.013
2.965
3.674
2.112
2.164
2.895
689
629
622
3.702
3.594
4.296
- SVIZZERA
13.290
15.872
15.052
7.821
9.309
8.189
1.150
1.357
1.400
14.440
17.228
16.453
- EUROPA - EXTRA UE  
5.777
5.621
5.837
2.324
2.486
2.318
2.295
3.108
3.643
8.072
8.729
9.480
AMERICA
36.394
34.050
34.238
19.157
18.221
18.213
7.102
6.205
5.302
43.496
40.255
39.540
- ARGENTINA
2.340
1.998
1.244
673
679
727
361
614
114
2.700
2.612
1.358
- BRASILE
3.242
1.888
2.809
1.333
1.032
1.177
828
872
396
4.069
2.760
3.205
- CANADA
4.527
4.810
5.309
2.801
3.393
3.465
626
433
319
5.153
5.242
5.628
- MESSICO
1.345
894
731
634
435
292
244
53
158
1.589
948
889
- U S A
22.010
21.655
22.088
12.768
11.733
11.759
3.813
3.427
3.644
25.823
25.082
25.732
- AMERICA - ALTRI
2.931
2.806
2.056
947
949
794
1.231
805
671
4.162
3.611
2.728
AFRICA
3.605
2.665
2.973
1.090
493
842
2.273
1.915
1.030
5.878
4.580
4.002
- TUNISIA
83
343
213
35
12
48
52
177
77
135
520
290
- AFRICA - ALTRI
3.522
2.322
2.760
1.055
481
794
2.221
1.738
953
5.743
4.060
3.712
ASIA
7.977
8.403
10.110
3.118
3.686
4.132
4.969
5.528
5.678
12.946
13.931
15.788
- CINA
1.722
1.339
1.312
649
437
471
506
437
456
2.228
1.776
1.768
- GIAPPONE
1.845
2.004
2.744
1.192
1.440
1.738
610
875
854
2.454
2.880
3.598
- ASIA - ALTRI
4.410
5.060
6.054
1.276
1.809
1.922
3.853
4.215
4.368
8.264
9.275
10.422
OCEANIA
6.453
6.594
6.034
5.130
4.621
4.555
557
941
518
7.010
7.534
6.551
- AUSTRALIA
5.234
5.852
5.186
4.044
4.025
3.905
488
802
349
5.722
6.654
5.534
- OCEANIA - ALTRI
1.219
742
848
1.086
595
650
69
139
169
1.287
881
1.017
TOTALE
269.657
259.031
258.331
179.358
169.976
166.161
62.246
55.439
53.354
331.903
314.470
311.686

7 commenti:

frap1964 ha detto...

Secondo Bankitalia, nel confronto 2009-2010, come da TAV. T2-S (NUMERO DI VIAGGIATORI ALLE FRONTIERE E NUMERO DI PERNOTTAMENTI PER MESE) e TAV. T1 (BILANCIA DEI PAGAMENTI TURISTICA):

Il numero annuale di viaggiatori stranieri con pernottamento aumenta nel 2010 del 1,0%, passando da 43.609.000 a 44.035.000.
Il numero annuale di viaggiatori stranieri senza pernottamento aumenta nel 2010 del 4%, passando da 28.931.000 a 30.091.000.
Il numero annuale dei viaggiatori stranieri totali aumenta quindi, nel 2010, del 2,2%, passando da 72.540.000 a 74.125.000.
Il numero annuale di pernottamenti totali di stranieri in Italia, nel 2010, cala del 0,9%, passando da 314.470.000 a 311.686.000.
La spesa totale dei viaggiatori stranieri in Italia, nel 2010, aumenta del 1,4%, passando da 28.856 milioni di euro a 29.257 milioni di euro.
La spesa pro capite del viaggiatore straniero in Italia cala del 0,78% passando da 397,79 euro a 394,70 euro.

Del 2,5% non è quindi aumentata una benemerita mazza.

Ovviamente tutti i numeri dei viaggiatori italiani all'estero sono percentualmente più elevati del 2,5%.
Inoltre:
La spesa totale dei viaggiatori italiani all’estero aumenta del 2,0% (invece di 1,4%) passando da 20.015 milioni di euro a 20.417 (non 20.416 rifacendo il totale) milioni di euro.
La spesa pro capite del viaggiatore italiano all’ estero cala del 1,5% passando da 346,60 euro a 341,44 euro (percentualmente quasi il doppio).

Il saldo della bilancia è miracolosamente risalito dal minimo storico degli ultimi 5 anni al medesimo livello del 2009 (8.841 milioni di euro), recuperando quindi il precedente differenziale di 53 milioni di euro ( -0,6%).

Questo almeno sulla base dell'aggiornamento al 19.04.2011, con dati (dichiarati) definitivi per l'anno 2010, appena appena migliorati rispetto a quelli precedenti di Bankitalia che erano invece aggiornati al 10.03.2011 .

frap1964 ha detto...

Dove si ri-dimostra che il famoso spot con il Berlusca a fare da voice over:

Questa che vedi è la tua Italia
Un Paese unico, fatto di cielo, di sole, di mare, ma anche di storia, di cultura… e di arte.
E’ un Paese straordinario… che devi ancora scoprire.
Impiega le tue vacanze per conoscere meglio l’Italia.
La tua… magica Italia.


non è servito a una benemerita cippa.

Luciano Ardoino ha detto...

Quand'ero a lavorare in qualche isola in giro per il mondo, il sapere gli arrivi stranieri era di una facilità estrema: tot agli arrivi dell'aeroporto e quindi tot generale.
Nei Paesi che hanno invece le frontiere la cosa si fa molto difficile, infatti è quasi impossibile controllarle.
Ed è per questo che la dicitura "viaggiatori stranieri senza pernottamento" per me è una str ... anezza.
Occorrerebbero un'infinità di calcoli e accertamenti che è impossibile spiegare con due parole.
Lo stesso non vale ad esempio per gli USA, Canada, Messico e tanti altri, perchè alle frontiere esiste proprio un conteggio che definirei quasi certosino.
In Italia?
NO!
O sono tutti saccopelisti o è impossibile per un turista straniero (ma anche italiano) visitare Roma o via dicendo senza fare almeno un pernottamento.
Che cosa stanno a dì!
Quindi (per me) è importante solo ed esclusivamente il numero dei pernottamenti e di conseguenza la Spesa che dovrebbe dare un parametro del costo (+/-) dell'aumento dei prezzi più che le disponibilità monetarie del turista.
Il resto ... è solo aria fritta.
N.B.: Non che non sia possibile farlo, no di sicuro, ma nel nostro caro Paese c'è troppo NERO nelle 2e case e via cantando.
Quindi non si può ... a meno che ...

;-)

frap1964 ha detto...

Comunque questo incremento di spesa 2010 su 2009 perfettamente uguale e contrario nelle due direzioni e pari a 401 milioni di euro, ad essere sinceri, mi puzza appena appena un tantinello, eh.
Mah...

Luciano Ardoino ha detto...

In effetti la cosa m'era sembrata molto strana, e se devo dirtela tutta ... ma cavolo se anche la B d'I si mette a fare ste cose, allora non ci resta che quello lassù.
Sempre che ...

;-)

frap1964 ha detto...

Peraltro su un differenziale di 465.000 viaggiatori: +2.050.000 italiani vs estero,
+ 1.585.000 stranieri vs Italia.
Un 30% di viaggiatori italiani in più rispetto agli stranieri.
E' curioso... perlomeno curioso, no?
Che l'incremento totale di spesa, da ambo le parti, alla fin fine sia identico in valore assoluto.

Luciano Ardoino ha detto...

Sono tentato di scrivere alla B d'I. ed ho trovato l'e-mail (http://www.bancaditalia.it/footer/contatti) per chiedere delle spiegazioni.
La cosa è proprio strana strana e ancora strana (per non dire impossibile).
Lo faccio io o lo fai tu ... che poi sapresti spiegarti meglio di me?
Fammi sapere, perchè se non lo fai lo faccio io.
Oppure se non vuoi apparire e vuoi lasciare a me l'incarico, bene, non c'è problema, lo faccio ... ma fammi uno schemino per favore.
Qui non ti batte nessuno!

:-)