lunedì 21 maggio 2012

Per l'Enit (Agenzia nazionale del turismo), la Valle d'Aosta, il Trentino Alto-Adige, il Friuli, il Molise, la Basilicata e la Calabria non esistono ... poi se n'aggiungeranno dell'altre.


E poi s’inventano la Notte dei Talenti per consegnare gli Oscar del Merito.
Ma per piacere.
Ma di questa cosetta ne disquisirò domani, intanto oggi, giusto per darci l’abbrivio, v’accenno a questo di “merito”.

Di lui se detto tanto su queste pagine, e se un certo miglioramento in verità in quell’ente c’è stato, ma ben lungi dal come (personalmente) l’avrei auspicato, probabilmente, forse e chissà, questo è dovuto al fatto che i predecessori erano anche di peggio (ari probabilmente, ari forse e ari chissà).

Ma veniamo a noi e alla bella trovata per pubblicizzare l’Italia con ‘sta cosetta qua … Paolo Rubini ha presentato la nuova campagna dell’Enit-Agenzia che prenderà il via in occasione degli Europei di calcio 2012 in Polonia e Ucraina e intitolata “Italia turistica del goal: visita e scopri la regione del tuo campione”. 
Il progetto prevede la realizzazione di una cartina turistica dell’Italia con l’indicazione delle regioni di nascita di tutti i calciatori che giocheranno nella nazionale di calcio durante i prossimi Europei. Ogni giocatore diventerà così il testimonial del suo territorio. La campagna internazionale sarà diffusa in tutto il mondo tramite gli strumenti tradizionali e, via web, con un link al portale Italia.it. 

Eh?
E’ mai possibile che a nessuno di questi “genii” dell’Enit e via cantando, non sia minimamente venuto in mente che in questo caso non potranno essere rappresentate tutte le Regioni?
Cosa che per altro è subito apparsa evidente a due persone, che simultaneamente e senza nessun accordo a priori, ne hanno “costruito” l’inattendibilità (frap1964 e me) attraverso un semplicissimo studio.

Infatti se la “genialata” avrà “buon fine”, la Valle d'Aosta, il Trentino Alto-Adige, il Friuli, il Molise, la Basilicata e la Calabria ne resteranno fuori.
Tanto per fare le cose ben fatte, ne!
Regioni a cui poi se n’andranno a sommare dell’altre, poiché l’attuale “rosa” dei convocati del Commissario tecnico Prandelli (32) subirà un’ulteriore taglio di 9 unità, portando il totale a 23 come stabilito dalle regole internazionali dell’Uefa.


E siamo andati alla ricerca dei nomi dei presunti convocati, mentre con l'aiuto di Wikipedia abbiamo fatto una verifichina facile e veloce sulle Regioni di nascita.

Il risultato è questo qui:
Portieri:
Buffon (Juventus), Carrara, Toscana
De Sanctis (Napoli), Guardiagrele, Abruzzo
Sirigu (Paris St. Germain), Nuoro, Sardegna
Viviano (Palermo),Fiesole, Toscana

Difensori:
Abate (Milan), Sant'Agata de' Goti, Campania
Astori (Cagliari), San Giovanni Bianco, Lombardia
Balzaretti (Palermo), Torino, Piemonte
Barzagli (Juventus), Fiesole, Toscana
Bocchetti (Rubin Kazan), Napoli, Campania
Bonucci (Juventus), Viterbo, Lazio
Chiellini (Juventus), Pisa, Toscana
Criscito (Zenit San Pietroburgo), Cercola, Campania
Maggio (Napoli), Montecchio Maggiore, Veneto
Ogbonna (Torino), Cassino, Lazio
Ranocchia (Inter), Assisi, Umbria

Centrocampisti:
Cigarini (Atalanta), Montecchio Emilia, Emilia Romagna
De Rossi (Roma), Roma, Lazio
Diamanti (Bologna), Prato, Toscana
Giaccherini (Juventus), Talla, Toscana
Marchisio (Juventus), Torino, Piemonte
Montolivo (Fiorentina), Caravaggio, Lombardia
Thiago Motta (Paris St. Germain), São Bernardo do Campo (è cittadino italiano per discendenza - Veneto)
Nocerino (Milan), Napoli, Campania
Pirlo (Juventus), Brescia, Lombardia
Schelotto (Atalanta), Buenos Aires (è cittadino italiano per discendenza - Liguria)
Verratti (Pescara), Pescara, Abruzzo

Attaccanti:
Balotelli (Manchester City), Palermo, Sicilia
Borini (Roma), Bentivoglio, Emilia Romagna
Cassano (Milan), Bari, Puglia
Destro (Siena), Ascoli Piceno - Marche
Di Natale (Udinese), Napoli, Campania
Giovinco (Parma), Torino, Piemonte

Regioni rappresentate:
Toscana - 6
Campania - 5
Lombardia - 3
Piemonte - 3
Lazio - 3
Veneto - 2
Emilia Romagna - 2
Abruzzo - 2
Liguria - 1
Marche - 1
Umbria - 1
Puglia - 1
Sicilia - 1
Sardegna - 1

Quindi 6 regioni su 20 sono già escluse dalla promozione dell’Enit, ma questo numero potrebbe salire ancora, secondo le scelte del CT Prandelli, poiché ulteriori nove giocatori saranno esclusi dagli Europei entro fine mese.

Poi bisognerebbe tenere conto che altre 6 Regioni sono rappresentate da 1 solo giocatore ed altre 3 da 2.
Sì, sì, davvero una bellissima idea ... o una bella "pallonata" sul muso.



40 commenti:

vinc ha detto...

Ha ha ha

Non è per niente difficile non averlo immaginato a priori ma solo voi due potevate pensarci.

Siete grandissimi!

Luciano Ardoino ha detto...

@Vincenzo

Non esageriamo.
Sarebbe bastato ben poco.

;-)

beto49 ha detto...

ma allora non ti va mai bene niente! :-D

Anonimo ha detto...

perchè non prendono come consulenti voi due, almeno sarebbero dei soldi spesi bene evitando anche delle brutte figure

:-)))))D

Luciano Ardoino ha detto...

@beto49


Eh si!

;-)

T'ho riconosciuto amicone!

P.S.: Beh, non era neanche difficile, ne?

Luciano Ardoino ha detto...

@beto49

... conferma arrivata

Gianni ha detto...

Mi unisco all'anonimo e appoggio la proposta che vi prendano come consulenti del turismo italiano.

:-)

sergio cusumano ha detto...

@Gianni

No no!!!

Se poi lo fanno per davvero due blog intelligenti chiudono.
E noi?

;-)

Gianni ha detto...

@Sergio

E poi noi critichiamo -costruttivamente- loro due.

;-)

vinc ha detto...

@Gianni

E ti credi sia facile?

sergio cusumano ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
sergio cusumano ha detto...

@Gianni

Lo apri tu il blog per criticarli?

Chi ci scrive?

E che cosa?

:-

Luciano Ardoino ha detto...

:-D

Nessun pericolo, non si chiude niente!

;-)

Gianni ha detto...

Va bene Ok!
;-)

I dati sulle entrate economiche del turismo mondiale diffusi nell’ultimo barometro dall’Organizzazione Mondiale del Turismo, organismo delle Nazioni Unite con sede a Madrid, delineano un panorama positivo in crescita per il 2011, quando hanno superato per la prima volta i mille miliardi di dollari proseguendo il trend in crescita registrato nel 2010, quando gli ingressi del settore ammontarono a 926 miliardi di dollari. In percentuale, l’incremento è del 3,8% a fronte di quello del 4,6% degli arrivi turistici internazionali. Risultati molto positivi se si considera che il 2011 è stato un anno in cui il turismo ha dovuto fronteggiare la crisi economico-finanziaria globale. Il turismo in Europa ha beneficiato della crisi in Nord Africa, che ha dirottato i flussi turistici verso le destinazioni europee del Mediterraneo. Secondo il segretario generale dell’Organizzazione Mondiale del Turismo Taleb Rifai, “i risultati sono incoraggianti”. “Negli ultimi due anni si è osservata una forte domanda di turismo internazionale su numerosi mercati, anche in presenza di una ripresa economica disuguale – assicura – Si tratta di una circostanza specialmente positiva per i Paesi che soffrono restrizioni di bilancio ed una caduta del consumo interno e nei quali il turismo internazionale, attività chiave in termini di importazione e di mano d’opera, occupa un luogo sempre più strategico per equilibrare il deficit e stimolare l’impiego”. Per regioni, le Americhe hanno registrato nel 2011 il maggiore incremento di ingressi (+5,7%) seguite dall’Europa (+5,2%), Asia e Pacifico (+4,3%), Africa (+2,2%). Solo il Medio Oriente ha registrato un saldo negativo del 14%.

Luciano Ardoino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Luciano Ardoino ha detto...

@Sergio (Luciano)

Eccolo

Parte dalla Sardegna il lancio di ThResorts, il nuovo brand turistico-alberghiero di Tivigest che ha ampliato la sua gamma di prodotto con il Golf Hotel Is Arenas, a Narbolia (Oristano).
“Finalmente – ha annunciato a Milano l'amministratore delegato Giorgio Palmucci (nella foto) – ThResorts può presentare un prodotto cinque stelle e un prodotto golf. Per noi è un momento importante, che rientra nel cambio di pelle che ha caratterizzato l'ultimo anno con il lancio del nuovo marchio, l'allargamento su tutti i canali di distribuzione e la strategia di ampliamento in Italia con segmenti di prodotto nuovi”.

La struttura, realizzata nel 2008 all'interno di una pineta di 700 ettari, è dotata di 58 camere in hotel e 78 garden suite e da un campo da golf da 18 buche, considerato tra i migliori in Italia. “Oltre che sulla straordinarietà del paesaggio, puntiamo sulla qualità del servizio, ristorazione di alto livello, centro benessere e attività per bambini, e sulla gentilezza del nostro personale”, ha spiegato l'ad.

“Abbiamo mostrato la struttura a 15 adv specializzati nei prodotti Sardegna e golf e sono rimasti molto colpiti. Siamo ottimisti. Quest'anno siamo partiti un po' in ritardo, soprattutto per il mercato straniero. L'estate ci servirà per lanciare il prodotto sul mercato italiano”. L'obiettivo per ThResorts, ha confermato Palmucci, è portare da 12 a 20 nei prossimi 3 anni le strutture in gestione.

Jennaro ha detto...

E che ce vo', io saccio che molti giocatori stranieri arrivano da noi con documenti contraffatti. Basta falsificare ad alcuni dei nostri la loro città natale e "copriamo" tutte le regioni... o no???

:-)

Luciano Ardoino ha detto...

@Jennaro

Eh già!

Cavolo, vuoi vedere che Paolo Rubini l'ha già programmato e noi lo stiamo criticando?

Mamma mia che figura....

CptC ha detto...

Com'è finita Luciano?


fantastic post

;-)

Luciano Ardoino ha detto...

@CptC

Doria 59,7%
Musso 40,3

Thanks

frap1964 ha detto...

Doria-Musso
La mia previsione era:

Musso: 39 %
Doria: 56 %
Bianche, nulle, ecc. 5 %

Risultati
-------------
Voti totali: 196.084

Musso: voti 77.084 - 39,1% - (40,29 %)
Doria: voti 114.245 - 58,0% - (59,71 %)
Bianche, nulle, ecc. voti 5565 - 2,8 % - (0 %)

Invece che come consulente ENIT, se Rubini & C. proprio non mi vogliono, mi faccio eventualmente assumere da Mannheimer (errore max. del 2%). ;-)

Ahimé occasione mancata.
Eppure 37.161 voti dal M5S sarebbero potuti anche venire.
Sarebbe bastato un po' di coraggio in più, imho (leggi: lista assessori e apertura al M5S).

frap1964 ha detto...

That's incredible... hai davvero messo tutti i link a Wikipedia !?! ;-)

Luciano Ardoino ha detto...

@frap

Non volevo darti la soddisfazione di non metterli ... ma l'ho fatto fare dal più piccolo.

Tiè!

;-)

Luciano Ardoino ha detto...

Comunque per quanto riguarda il ballottaggio s'era detto (ma ahimè non ho prove provate sul blog)
Doria 60%
Musso 40%

Quindi se vai da Mannheimer fammi un fischio.

;-)

frap1964 ha detto...

@Luciano
Ma qui si sfrutta il lavoro minorile 2.0.
Vergogna, vergogna, vergogna. :-D

Luciano Ardoino ha detto...

@Frap

Alla faccia del minorile: 19 anni alto 1,95 per 100 Kg.

'Na bestia!

;-)

frap1964 ha detto...

Se questo è il più piccolo... non voglio sapere nulla sugli altri. ;-)
Piuttosto, sapevi che da 15 gg. circa Promuovitalia ha un nuovo CdA ?

Luciano Ardoino ha detto...

Oh perbacco!
E chi sono?

Mo vado a vedere

;-)

frap1964 ha detto...

Dal bilancio 2011 di Promuovitalia:

La partecipata totalitaria Convention Bureau S.p.A. è stata costituita in data 10.2.2011 a seguito
delle cogenti delibere assunte dal Socio ENIT in data 19/01/2011 e 02/02/2011 con capitale sociale
inizialmente pari ad Euro 500.000,00. La dotazione finanziaria è quella rinveniente dal Decreto del
Capo Dipartimento per lo sviluppo e la competitività del turismo del 23/11/2010. Il capitale sociale
inizialmente sottoscritto è versato è stato successivamente azzerato per la copertura delle perdite di
periodo consuntivate dalla Società al 30.06.11 pari ad Euro 567.290,00e successivamente
ricostituito fino all’importo di Euro 1.500.000,00. Il progetto di bilancio predisposto dagli
Amministratori delle Società evidenzia una perdita complessiva d’esercizio di complessivi Euro
957.505,00.
....
I primi tre mesi dell’esercizio 2012 sono stati caratterizzati dalla normale prosecuzione delle attività
operative, così come caratterizzate nel Budget 2012 – Piano a medio termine 2013/2015,
approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19/12/2011.
Di specifica rilevanza sono:
...
L’ipotesi di messa in liquidazione o dismissione a beneficio di ENIT della partecipazione
totalitaria detenuta in Convention Bureau S.p.A.;

Luciano Ardoino ha detto...

L’ipotesi di messa in liquidazione o dismissione a beneficio di ENIT della partecipazione
totalitaria detenuta in Convention Bureau S.p.A

???

Ma non era molto maggiore il passivo del CB s.p.a?

frap1964 ha detto...

Il succo finale mi pare il seguente: con due milioni di euro di capitale (500 + 1500) chiuderanno l'esercizio in perdita di 957.505,00 euro.
Ottima amministrazione delle risorse a disposizione, direi.

Luciano Ardoino ha detto...

Direi eccellente!


Li possino .....

;-)

Anonimo ha detto...

Ottimo esempio di marketing -mirato-.

Luciano Ardoino ha detto...

L’Enit in una nota avanza alcune precisazioni in relazione ad alcune notizie apparse apparse sulla stampa in riferimento all’ENIT in data 18 giugno , “ai fini di una corretta informazione al pubblico”. L’Enit rende noto che la gestione relativa al funzionamento dell’Agenzia negli ultimi 5 anni, contrariamente a quanto riportato, evidenzia risultati assolutamente virtuosi, con costi di funzionamento diminuiti di circa il 50%, a fronte di un forte incremento delle attività promozionali realizzate e del trend dell’incoming turistico dall’estero, in crescita negli ultimi anni con tassi di variazione positiva sempre superiori a quelli della media europea, (quantificabili, secondo l’ISTAT, per i primi 11 mesi del 2011, in +4,3% di arrivi, +3,9% di presenze) ed una spesa aumentata del 5,3% (per una cifra complessiva di 31 miliardi di euro secondo la Banca d’Italia). Questi risultati – secondo l’ultimo Monitoraggio dell’ENIT– fanno prevedere la prosecuzione del trend positivo anche per il 2012. Inoltre - recita ancora la nota - le Relazioni della Corte dei Conti al Parlamento sull’ENIT non hanno mai riportato alcuna censura contabile ed addirittura, per alcuni anni, espresso apprezzamento per la capacità di contenimento dei costi realizzata, in forte anticipo e coerenza con quanto recentemente avviato dal Governo in termini di “spending review”.
Si tratta di documenti pubblici a disposizione di chi voglia approfondire le informazioni riportate che, da sole, evidenziano proprio l’opposto di quanto invece sostenuto dalla stampa odierna. Apprezzabile, invece- conclude la nota- “il giornalistico richiamo al “far west“ com’ è noto luogo di attività dei pionieri e ciò è, in effetti, quello che ENIT ha realizzato negli ultimi anni, in termini ammodernamento ed efficientamento della propria azione amministrativa”.

Luciano Ardoino ha detto...

Uno stand alla prestigiosa fiera del turismo di Dubai, una vetrina internazionale per promuovere le bellezze della Puglia dove si vendono pacchetti per le Dolomiti e Cortina d'Ampezzo. Accade negli Emirati Arabi, all'Arabian travel market, l'importante fiera del turismo internazionale, nello stand della Regione Puglia affittato per circa 27mila euro, parte di quel milione di euro stanziato dall'amministrazione per partecipare a dieci fiere. Cinquanta metri quadrati dove invece di promuovere paesaggi e amenità del tacco d'Italia, una buyer veneta seduce gli amanti della montagna sotto le insegne della Regione Puglia.

A denunciare l'accaduto alla stampa è stato un operatore turistico pugliese, Giuseppe Pagliara, direttore della Nicolaus Tour di Ostuni, che pensava di incontrare i rappresentati della sua terra e ha trovato la 'curiosa' sorpresa. Colpa della Regione che non ha inviato nessuno e lo spazio è rimasto vuoto, per poi venire 'occupato' dalla concorrenza del Nord.

La notizia rimbalzata fino negli uffici dell'assessorato. Durissima la risposta dell'assessore Silvia Godelli che aveva preso accordi diversi con Enit, l'Ente nazionale italiano per il turismo, e resta di stucco. "Se devo prestare fede alle dichiarazioni rilasciate alla stampa da un operatore turistico pugliese - esordisce - pare che l’Enit abbia prodotto nella giornata di lunedì 2 maggio una grave lesione dell’immagine della nostra Regione alla Fiera di Dubai.

"La Regione ha infatti acquistato uno stand per il costo di 27 mila Euro, inviando tutti i materiali turistici da diffondere nel corso delle giornate fieristiche, e pagando la presenza di una hostess di lingua araba per illustrare il materiale. Pare che nel primo giorno di fiera l’Enit non abbia garantito la presenza della hostess e, per coprire il vuoto, abbia fatto accedere allo stand pugliese dei rappresentanti della Regione del Veneto con i materiali del loro territorio. Dalla giornata di martedì 3 maggio, secondo giorno della Fiera di Dubai, i funzionari della Regione Puglia intanto giunti a destinazione dovranno rimediare a tale grave comportamento dell’Enit, chiedendo alla hostess in lingua araba, finalmente sopraggiunta, di spiegare ai visitatori e ai tour operator di Dubai la differenza tra le montagne di Cortina d’Ampezzo e il mare di Puglia. E’ in questo modo che l’Enit e il Ministero del Turismo pensano di promuovere il sistema turistico italiano? Facendo pagare le spese alla Regione Puglia ma pubblicizzando il Veneto anziché la Puglia?".

La reazione dell'opposizione non si è fatta attendere. Un’interrogazione è stata presentata al presidente Nichi Vendola e all’assessore Godelli dal consigliere regionale del Pdl Maurizio Friolo "in merito - si dice in una nota - allo scandalose modalità di partecipazione della Regione Puglia all’Arabian travel market di Dubai".

http://bari.repubblica.it/cronaca/2011/05/03/news/dubai-15730630/

frap1964 ha detto...

Più efficienti di così... :-D
(io le definirei sinergie territoriali, che suona anche bene)

frap1964 ha detto...

Sono fuori:

Viviano (Palermo),Fiesole, Toscana
Astori (Cagliari), San Giovanni Bianco, Lombardia
Bocchetti (Rubin Kazan), Napoli, Campania
Criscito (Zenit San Pietroburgo), Cercola, Campania
Cigarini (Atalanta), Montecchio Emilia, Emilia Romagna
Schelotto (Atalanta), Buenos Aires (è cittadino italiano per discendenza - Liguria)
Verratti (Pescara), Pescara, Abruzzo

e ne mancano altri due.
Ergo, ora:

Toscana - 5
Campania - 3
Piemonte - 3
Lazio - 3
Lombardia - 2
Veneto - 2
Emilia Romagna - 1
Abruzzo - 1
Marche - 1
Umbria - 1
Puglia - 1
Sicilia - 1
Sardegna - 1

e

Liguria - 0

E quindi la Liguria va a fare compagnia a Valle d'Aosta, Trentino Alto-Adige, Friuli, Molise, Basilicata e Calabria.
Tanto mica avevate bisogno di promozione no? ;-)

Luciano Ardoino ha detto...

Ecco, tanto per dire che la Liguria ha avuto la solita botta di .... fortuna, nè?


;-)

frap1964 ha detto...

Gli ultimi due a uscire sono:

Ranocchia (Inter), Assisi, Umbria
Destro (Siena), Ascoli Piceno - Marche

Quindi fuori altre due regioni dopo la Liguria e ne rimangono 11, praticamente siamo alla metà del territorio italiano.

Toscana - 5
Campania - 3
Piemonte - 3
Lazio - 3
Lombardia - 2
Veneto - 2
Emilia Romagna - 1
Abruzzo - 1
Puglia - 1
Sicilia - 1
Sardegna - 1

Nelle Regioni con unico rappresentante:

Borini rappresenta l'Emilia ma gioca nella Roma.
De Sanctis rappresenta l'Abruzzo ma gioca nel Napoli.
Cassano rappresenta la Puglia ma gioca nel Milan.
Balotelli rappresenta la Sicilia ma gioca nel Manchester City.
Sirigu rappresenta la Sardegna ma gioca nel Paris St. Germain.

Per tutte le altre Regioni la situazione è analoga.

Dei 23 convocati gli unici ad essere nati in una città collegata alla squadra in cui giocano sono:

* De Rossi (Roma), Roma, Lazio
* Marchisio (Juventus), Torino, Piemonte

Iniziativa più assurda di questa Rubini non poteva proprio pensarla. Con l'indagine sul calcio-scommesse nel mezzo poi... davvero un colpo di genio!!

Luciano Ardoino ha detto...

A questi punti credo che il famoso Destagionalizzatore del Paolo Rubini diventi a furor di popolo il secondo in questa particolare classifica.

;-)