martedì 20 novembre 2012

Il valzer dei GM all'Enit (Agenzia Nazionale del turismo) sembra più che altro un rock and roll


Ieri c’ho provato in tutte le maniere per avere un contatto con Barbara Millucci che è l’autrice di questo fondo qua sulle pagine de Il Mondo.

Che per darci un taglio e per farla in breve riassumo di seguito a mo di Bignami.

Lei, Barbara Millucci, scrive che la Corte dei Conti ha bloccato la nomina di Andrea Babbi a GM dell’Enit per irregolarità formali nella documentazione presentata dal consiglio di amministrazione dell’ente pubblico, di cui è presidente Pier Luigi Celli.
Pertanto, dice Lei, che la Corte dei Conti ha di fatto bocciato la formale designazione del neodirettore, succeduto a Paolo Rubini, pupillo dell'ex ministro Michela Vittoria Brambilla. 

Fatto sta che per ora la procedura è stata ritenuta non conforme (dice lei), forse anche per via delle restrizioni imposte dalla “spending review”.
Però, poco prima o poco dopo, Lei scrive che il tutto è in stand-by.

Beh, qualcuno mi spieghi, ma forse è meglio che quel qualcuno lo spieghi alla Barbara Millucci, il come sia possibile mantenere in stand-by una cosa che è stata “bocciata”.
Poteri dell’occulto?

Comunque sia, Lei subito dopo parte all’attacco sostenendo che le informazioni ricevute (?) e considerato che la nomina di Andrea Babbi richiederebbe un emolumento, c’è chi pensa di promuovere un dirigente interno, magari Marco Bruschini, a capo dell’Enit.

Ora con Bruschini non ho nulla, ma dal suo CV (di una lunghezza e competenza indubbiamente da primo della classe) si evince che è all’Enit dal 1° ottobre 2007, però i risultati dell’agenzia del turismo da allora sono stati questi (ved. precedenti 7/800 post sull’Enit).
Magari lui c’entra poco e le responsabilità sono d’altri, ma una cosa è certa; il Marco Bruschini era ed è nel direttivo, e perciò e pertanto ... vabbé, fate voi.

E tempo dopo è eclatante la definizione di “carrozzone” della Brambilla non appena insediata come sottosegretario con delega al turismo, e se se n’è accorta addirittura la ex (per fortuna) Ministra Michela, beh; il tutto è già un gran bel dire.

Poi, nonostante questa sua definizione, il come abbia fatto la Ministra ad aumentare considerevolmente lo stipendio dell'allora GM Eugenio Magnani, e che questi abbia addirittura preso il premio "San Segundin d'Argento" ... beh; per quanto mi riguarda resterà sempre un bel mistero.

Personalmente poi, sono arci convinto che in quella posizione ci vorrebbe uno “nuovo” ma non nuovo del turismo, come invece avvenne all’atto della nomina di Paolo Rubini che proveniva dalle cellule staminale e che di turismo ne aveva le stesse conoscenze che c’ho io ho sulla Sanità, e vale a dire: nulla.

Poi che sia il Babbi o qualcun altro il prossimo GM dell’Enit, per quanto mi riguarda poco cambia, ma esaminando gli indiscussi successi del “nuovo” pretendente ottenuti nella sua Regione, l’Emilia Romagna, beh; perché non provare?
I buoni auspici ci sono tutti!

Il perché non lo sto qui a dire anche perché mi ci vorrebbero le pagine della Treccani per riportarle tutte, quindi passo oltre e al fatto che la Barbara Millucci, nonostante le mie ripetute gentili e cortesi richieste di delucidazioni in merito alle eventuali sue fonti del fondo, non m’abbia mai, né cortesemente, né in alcun modo mai risposto.
Bontà sua.

Questo però mi da adito a pensare che le "soffiate" o se si preferisce chiamarle "indagini", non siano granché autentiche e veritiere e chissà da dove provengano.
Una personale ideuccia in verità l’ho ma la tengo per me, si sa mai … e poi vedremo.
Mah, ma neanche poi tanto!


P. S.: Solitamente per questa nomina occorrono circa due mesi e la Corte dei Conti in questo periodo è sommersa di lavoro.
Quindi tra un po’ il tutto dovrebbe essere portato a termine … si spera.
Anche perché senza il GM all’Enit per tanto tempo non si può stare … e le nazioni concorrenti non stanno di certo a guardare, anzi. 
Senza poi dimenticare il personale dell'agenzia nazionale del turismo che in questo momento credo si trovi completamente spiazzata, e se la difesa non è messa a regola d'arte, le altre nazioni ci fanno goal!








22 commenti:

vinc ha detto...

Dovrebbero darti una medaglia.

:-)


Luciano Ardoino ha detto...

@Vincenzo

Ho quelle vinte ai campionati giovanili di atletica, e che mi bastano e c'avanzano.
Una freccia sullo stile Usain Bolt!

;-)

paolo rubini ha detto...

...ancora le solite sciocchezze di Ardoino nel suo blog sulle cellule staminali? Ma è una malattia? Premesso che di turismo ne sapevo anche prima, e non da direttore di albergo come Arduino ma da funzionario dell'Antitrust che valutava le operazioni di concentrazione e gli accordi nel settore del turismo (forse è un punto di vista più qualificato che dalla reception dell'albergo), io poi ho anche fatto numerosi altri lavori, in settori prestigiosi quale il credito e le assicurazioni, che mi hanno portato anche nel cda di società del settore turistico, mentre Ardoino seguitava a scrivere nei blog. Luciano, rilassati, cerca di crescere, anche professionalmente!
Ciao a tutti.
Paolo Rubini

Luciano Ardoino ha detto...

@Paolo Rubini

Ahi ahi ahi Paolo, adesso ho poco tempo per risponderti, lo farò dopo perché devo finire un certo lavoro per un'altra nazione. Come vedi non ho solo il blog.
Ma l'ahi ahi ahi è dovuto al fatto che la tua intromissione mi sembra in appoggio alla Barbara.
Sarà o non sarà?

A dopo.


sergio cusumano ha detto...

@Rubini

Se soltanto lei avesse una milionesima parte dell'esperienza di Luciano nel turismo, potrebbe già considerarsi molto fortunato.
E questa suo ultimo commento ne è la lampante dimostrazione di quanto lei non capisce nulla di chi sa.
Non sta a me dirle cosa Luciano è riuscito a fare e sta ancora facendo per il turismo internazionale, ma sappia solo che è partito da lavapiatti e senza mai calci nel culo. Provi lei a collaborare per le leggi del turismo per altre nazioni con la sola licenzia media. A salvare aziende con circa 3.000 dipendenti durante e dopo l'11 settembre ed in più a portarle over budget. E qui finisco.
Tanto lei non può capire queste cose.

anna s. ha detto...

@dott. Rubini, se Lei ancora non ha la consapevolezza che nel turismo non conta il pezzo di carta, il calcio nel sedere, gli amici potenti, ma solo i risultati, è perchè siamo davanti all'ultima industria people intensive dove il rispetto te lo danno i tuoi colleghi, non lo devi mendicare in un cda dove sei stato messo (parlo in generale) da chi di turismo non capisce nulla. Il turismo si impara, e questo lo sappiamo, allora faccia cortesemente una cosa: un bel corso motivazionale dove ricorda ad alcuni suoi funzionari di altissimo rango, che fare turismo non significa necessariamente andare all'Artemisia ogni sera oppure sfoggiare una squinzia russa in ogni occasione. Perchè questo settore ha bisogno di esempi e di moralità che non sempre provengono, purtroppo, dal comparto pubblico.

Anonimo ha detto...

Comunque Rubini non c'è più, per fortuna?
E al suo posto, oggi è stato nominato Andrea Babbi.

La Corte dei Conti ha deciso così e alla faccia di chi non voleva.

frap1964 ha detto...

@Rubini
Abbia pazienza, eh...
Il suo curriculum si legge su Linkedin e si presume sia stato compilato da lei.
Si fa un po' fatica ad individuare specifiche competenze nel settore del turismo prima della sua nomina a DG di Enit nel 2009. Risulta che nel CdA di Boscolo ci sia entrato nel gennaio 2010.
In precedenza risultano direzioni, co-direzioni e vice-direzioni in banche, assicurazioni ed ISVAP.
Anche il suo percorso formativo non mostra specifiche competenze nel settore del turismo.
Come diversi suoi predecessori e/o successori in ENIT d'altra parte: quindi può sicuramente rilassarsi, perché è in buona compagnia. ;-)
Infine lo scrive lei di essere tutt'ora VP di Stemway Biotech (dal 2008), che sul sito si presenta come "la Banca delle Cellule Staminali".
Per amor di verità, eh...

vinc ha detto...

@Paolo Rubini

Vedi, tu avevi la possibilità di farti consigliare da Ardoino che in tutte le maniere ha cercato di aiutarti.
Ma furbo come sei in tre anni non te ne sei mai accorto.

Dici d'essere entrato nel cda della Boscolo Hotels, ma ci sei entrato nel periodo che eri direttore generale dell'enit e non prima.
Ci resterai?
Ti terranno ancora?

Facci sapere

vinc ha detto...

Anzi, non dire nulla che in verità non è che m'importi poi molto.

Parlo per me, non so gli altri.

Francesco Pedroni ha detto...

@Paolo Rubini

Non avrei parole da dirle ma una cosa la dico lo stesso.
Lei di Luciano e di questo blog non ha mai capito niente.

Neanche la polvere sui calzari.



Luciano Ardoino ha detto...

@Paolo Rubini

Alla fine dei conti mi spiace, come ho già avuto modo di scrivere in alcuni precedenti, che tu non abbia potuto capire le mie intenzioni e lo scopo di questo blog che oltretutto toglie del prezioso tempo al mio lavoro.
E probabilmente questo è anche un po' colpa mia.
Ma morta la!

Personalmente ti auguro tutto il bene del mondo nella speranza però che tu non ricopra più altre importanti cariche nel turismo istituzionale italiano.
E il mio migliore augurio vale anche per quanto riguarda la tua presenza nel cda della Boscolo H. che spero tu sappia affrontare nel migliore dei modi.
Poi, per quanto riguarda il tuo suggerimento "di crescere anche professionalmente", beh, stanne pure certo che seguirò alla lettera la tua indicazione, che però già seguo da sempre.

Peccato, avremmo potuto essere come il culo e la camicia (io naturalmente avrei fatto la camicia, né) e se ascoltavi e capivi i miei consigli, magari saresti ancora li.
Vallo a sapere.

Ciao e spero d'incontrarti da qualche parte, così ci facciamo due risate.
Ciao



Anonimo ha detto...

Caro Luciano, dato che almeno su di te si può fare affidamento, dato che le informazioni trovate nel tuo blog sono basate su fatti realmente accaduti e verificabili, credo sia giusto – per completezza d’informazione – chiarire che la registrazione alla corte dei conti del decreto di nomina del dott. Babbi a Direttore Generale dell’ENIT non può trovare applicazione nell’immediato a seguito di quanto disposto dalla spending review.
Una domanda, infatti, nasce spontanea: se il DPCM previsto dall’art. 2 comma 5 della legge di “spending review” non è stato ancora emanato né per l’ENIT né per altre Amministrazioni, come farebbe l’ENIT ad assumere un nuovo Direttore Generale, fattispecie esplicitamente esclusa dal comma 6 dello stesso art. 2 che recita testualmente“Le amministrazioni per le quali non siano stati emanati i provvedimenti di cui al comma 5 entro il 31 ottobre 2012 non possono, a decorrere dalla predetta data, procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo e con qualsiasi contratto. (Omissis)”.
Io faccio il tifo per il turismo italiano, per l’ENIT e, soprattutto, per tutti noi operatori che da tre anni a questa parte con la vecchia direzione abbiamo solo visto porte sbattute in faccia e aumento dei costi per la promozione internazionale.
Ho avuto modo di conoscere sia Andrea Babbi che Marco Bruschini e credo di poter dire che entrambi sarebbero in grado di portare avanti una struttura come quella di ENIT, adesso finalmente in possesso anche di un cda di tutto rispetto. Lo so che confrontando la loro professionalità a quanto fatto dal dott. Rubini vale il principio del “ti piace vincere facile” di una famosa pubblicità, ma realmente credo che ad oggi si abbia sempre più bisogno di certezze e queste partono proprio da una programmazione a medio – lungo termine che un Direttore Generale “temporaneo” non può garantire. In un modo o nell’altro si decidano!!!

Luciano Ardoino ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Luciano Ardoino ha detto...

Innanzi tutto grazie per le tue parole e ...

... infatti, circa due mesi fa, con un mio caro amico (frap1964) abbiamo sollevato la tua stessa obiezione poiché:

L'ipotesi è che alla data del 31 ottobre 2012 in ENIT e quindi in sede di PdC non abbiano provveduto alla riduzione dell'organico dirigenziale (sono in 9, se non sbaglio: quindi dovrebbero diventare 7).
E' vero che rispetto all'organico "sulla carta" i posti sarebbero forse già inferiori al dovuto (mi pare ci fosse stata pure una qualche dichiarazione pubblica di Celli sulla questione),
ma il punto è che se le dotazioni organiche sono provvisoriamente individuate in misura pari ai posti coperti alla data di entrata in vigore del presente decreto la riduzione dovrebbero farla comunque, anche essendo sotto-organico sulla carta.
Oppure tenendo conto della specificità dell'Ente, potrebbero non fare riduzioni, però allora ci dovrebbe essere compensazione altrove, ecc. ecc.
Ma se il provvedimento ancora non ci fosse, l'assunzione di un nuovo direttore generale andrebbe necessariamente a violare il comma 6: non si può assumere nessuno, a qualsiasi titolo e con
qualsiasi contratto (DG compreso, evidentemente).
Quindi dovrebbe permanere in carica il Rubini, in teoria, sino a definizione del provvedimento di riduzione del personale dirigente di ENIT.
La Corte dei Conti potrebbe quindi aver alzato questa eccezione e bloccato l'assunzione e la sua nomina.
E' un'ipotesi, eh.
Però effettivamente potrebbe anche essere andata così... è verosimile: siamo in Italia, d'altronde.

Però a quanto risulta, la CdC ha messo la firma (credo) tre o quattro giorni fa.

Cordialmente

Luciano Ardoino ha detto...

@Anonimo

Mentre per quanto riguarda la decisione di inserire uno tra Andrea Babbi e Marco Bruschini, non so che dire.
Non li conosco, e valutare dal fuori è troppo facile, anche se ...
Concordo però sul fatto che debbano darci una botta poiché senza GM non si può stare.
Però, come già scritto nel precedente, la CdC ha già deliberato.

Luciano Ardoino ha detto...

@Anonimo

... e se dovessero rimanerci tutti e due?
Perché no?

E vale a dire sia il Babbi (come GM visto che i giochi sono ormai fatti) che il Moschini che potrebbe avere l'incarico di ... vabbeh, adesso non vorrei dire troppo, ma una certa ideuzza l'avrei anche da molto tempo.

Cordiali e sinceri saluti

Anonimo ha detto...

@ Luciano

L'incarico del dott. Rubini, se non sbaglio, è terminato ag agosto o settembre, quindi lui non credo possa rientrare (ammesso che qualcuno lo voglia).
Al momento come ben saprai è Marco Bruschini a svolgere le funzioni di direttore fino all'arrivo di Andrea Babbi. Tutto sta a capire quanto ci voglia affinchè questo arrivo possa avvenire. Spero che la corte dei conti abbia già notificato all'enit e al Ministro la registrazione del decreto, ma adesso come dovrà comportarsi il Ministro? potrà autorizzare la firma di un contratto che non rispetta la norma introdotta dal suo governo?
In merito al numero dei dirigenti ho trovato questa pagina sul sito enit http://www.enit.it/it/agenzia/struttura-organizzativa.html dalla quale sembrerebbe che i dirigenti siano ben più di 9 (scusami ma spero che questa volta sia tu a sbagliare, sempre perchè preferisco credere in una tua svista che in quella di un ente che dovrebbere aiutarci a promuovere la nostra terra e che non sa neanche com'è organizzato)

Luciano Ardoino ha detto...

Rubini ha finito l'incarico il 23 settembre 2012 o giù di lì e la mia era solo una provocazione.
Infatti ho usato l'espressione ... "in teoria".
I dirigenti sono nove e li puoi trovare qui (http://www.enit.it/it/curricula-dei-dirigenti.html), ma credo che tu già lo sappia.

Tornando a noi e ai 9 presunti dirigenti, è chiaro che ci sia qualcosa che non va (comma 6), ma Pier Luigi Celli, se non ricordo male, ha detto che il tutto è stato fatto rientrare nella spending review.
E di lui (ora) mi fido.

In definitiva, senza vedere le carte e dal di fuori è praticamente impossibile fare un'esatta disamina.

So solo che gradirei che quel "qualcuno" cominciasse a fare il lavoro che m'aspetto dall'Enit da circa 40anni, e che (per mia miserrima considerazione) non è mai avvenuto.

P.S.: Ma di mettere almeno una sigla all'anonimato ... suvvia!








Anonimo ha detto...

La legge parla di tagli alla dotazione organica, quindi il taglio dovrebbe essere fatto sui posti previsti nel link proposto sopra e non sul numero dei dirigenti e del personale in servizio.
Su Celli posso dirti che lo ritengo una persona in grado di... ma siamo sicuri che voglia farlo?... Fiducia si, ma con riserva di prove!
Io non ho la tua esperienza nei rapporti con Enit, ma posso dirti che fino a 3 anni fa comunque ad ogni richiesta avevo risposta positiva, propositiva e puntale, e sono sicuro che le persone alle quali mi rivolgevo allora sono le stesse di adesso. Certo, è vero, fino a che i servizi non si pagavano era più facile dire che tutto andava bene, ma adesso è così e dobbiamo prenderne atto.

LSCNP

Luciano Ardoino ha detto...

@LSCNP

L'organico è questo e dovremmo rientrare nella spending review.

http://tuttosbagliatotuttodarifare.blogspot.it/2012/10/trasformazione-dellenit-in-spa.html

A dopo per il seguito della risposta ... sorry, ma devo finire un lavoro che mi sta facendo impazzire.


Anonimo ha detto...

Caro Luciano, ci sbagliavamo! (o forse no?!?)... leggendo questo link http://rassegnastampa.enit.it/PDF/2012/2012-11-29/20121129A537711103.pdf sulla rassegna stampa di Enit sembrerebbe che le nostre osservazioni non siano condivise dai membri del Consiglio di Amministrazione dell'Enit, che hanno presentato ufficialmente il nuovo Direttore Andrea Babbi il 28 novembre, sebbene non sia intervenuto l'atteso decreto che avrebbe dovuto (secondo noi!) sbloccare le assunzioni degli enti pubblici. Tanti auguri al dott. Babbi, e speriamo che presto arrivino i tanto prospettati segnali di cambiamento nei rapporti con gli operatori.
LSCNP