mercoledì 7 novembre 2012

Turismo: Il 2013


Beh, se andiamo ad esaminare per bene il nostro turismo, non è che ci sia molto da stare allegri.

Piero Gnudi, il ministro di questa fetta tanto importante per il Pil nazionale, rimanda ai posteri le più semplici o ardue sentenze.

La Bolkestein è in alto mare, mentre il Programma Sviluppo del turismo c’arriva a pezzettini per opera di qualche “soffiata” di cui non si conosce la fonte.
E il che è tutto dire.

La Corte dei Conti non s’è ancora decisa di nominare il nuovo GM dell’Enit, che invero ne avrebbe un bisogno sfrenato, ma probabilmente, chi di dovere, ci sta già lavorando a tutt’andare, e confidiamo sperando.
Mentre per quanto riguarda il brand Italia (Country Brand Index 2012), siamo calati alla quindicesima posizione … lo scorso anno eravamo decimi.  

E siamo finiti nei PIIGS, che poco c’entra con maiali e affini (forse), ma è un termine tecnico (acronimo) con cui si accomunano i Paesi contraddistinti da situazioni finanziarie non virtuose.

Asia, Nord e Sud America, Estremo Oriente ed America Centrale sono considerate le destinazioni turistiche emergenti per i prossimi cinque anni, ma il budget dei viaggiatori è diminuito in tutti i mercati, con la sola eccezione della Germania.
E per un viaggio a lungo raggio, la spesa media varierà tra i 2 e i 4.000 euro a persona.

L’Organizzazione mondiale del turismo, l’Unwto appunto, ha diffuso nel suo periodico ‘Barometro sul turismo internazionale’ i dati sui flussi tra gennaio e agosto 2012: il numero di turisti nel mondo è cresciuto del 4% rispetto allo stesso periodo del 2011, con 28 milioni in più di persone che hanno viaggiato.
“La crescita è molto positiva, nonostante la situazione economica globale”, ha osservato il segretario generale dell’Unwto, Taleb Rifai.

L’Unwto quindi ipotizza che la crescita per il resto dell’anno si assesterà intorno al 3-4%, mentre una previsione di lieve rallentamento della domanda riguarda il 2013, quando la crescita si attesterà tra il 2 ed il 4%.
La crescita è stata maggiore in Asia ed in Africa, seguite dalle Americhe e dall’Europa, mentre in Europa, in particolare, la crescita nei primi 8 mesi dell’anno è stata in media pari al 3%.
Maggiore è stato l’aumento nell’Europa centrale ed orientale (+9%), mentre l’Europa dell’Est ha registrato un +3%, quella del sud e l’Europa mediterranea un +1%.

I Paesi della regione dell’Asia e del Pacifico sono cresciuti del 7%, i Paesi americani del 4% (sud America +6%, America centrale +7%, nord America +3%).
In Africa il turismo è cresciuto complessivamente del 6% circa, mentre tra i 10 mercati internazionali più forti per spesa nel settore dei viaggi all’estero, quelli che hanno registrato la crescita maggiore nei primi 8 mesi dell’anno sono la Cina, con addirittura un +30%, la Russia (+15%) e gli Usa (+9%).

Riusciremo nel 2013 a fare meglio delle altre nazioni europee, e a dare finalmente quel cavolo di incremento turistico che sempre s’ode e che periodicamente riempie ben bene le bocche dei preposti a farlo, ma che invero … beh; si sa.





6 commenti:

vinc ha detto...

@Luciano

Novità dall'Enit o dalla CdC???


:-)



Luciano Ardoino ha detto...

@Vincenzo

Mi chiedi se mi hanno avvisato o se ne ho letto qualcosa nel web?

Per la prima delle due ipotesi, non credo proprio che lo faranno.
Per la seconda, NO, non ho ancora letto niente!

;-)

vinc ha detto...

Oh, tu arrivi sempre prima degli altri.
Non dire così, dai.

;-)

Renata ha detto...

Ciao Luciano, mi hanno detto che riparti col tuo -vecchio- lavoro, è vero?

Ti scrivo qui perchè tutte le mail mi tornano indietro.
cosa succede?

Ciao, a presto

Renata

Luciano Ardoino ha detto...

@Renata

Ho problemi con Outlook ma penso che me l'abbiano risolti. Non so.

Da solo riesco a mandarmi delle mail e mi sono accorto che le ricevo anche da altri.

Ti ho scritto la risposta sulla tua e fammi sapere se t'è arrivata

... e ciao


Anonimo ha detto...

Qui facciamo una brutta fine