domenica 16 dicembre 2012

E' tutta questione di un'attimo


A volte mi domando s’io non sia completamente scemo nel tentare di continuare a spargere idee e possibilità di miglioramento ai quattro venti usando questo blog e non solo, nella speranza che veramente cambi qualcosa nel modo di fare il turismo in Italia.

Ma tant’é, e nonostante la convinzione che l’ebetismo prenda in me il sopravvento, ci do dentro che i tagliatori di legna del Klondike mi fanno un baffo.

Quindi ari eccomi a ragionare di Enit, OLTA e Seggitur; e chissà che prima o poi, sempre che non intervengano “ordini” dall’alto, i grandi “guru” (vabbeh, tanto per dire) nazionali del turismo non riescano finalmente a capirlo.

Nel post precedente ho raccontato il come e il perché nacque italia.it, e il come e il perché è stato un fiasco pazzesco.
C’è scritta poca roba, per carità, ma un’idea di come l’è andata, in fondo c’è; poi le palanche usate e che non sono servite a nulla se non … sono scritte qui.

Comunque, tanto per ricordarlo, Seggitur è un'agenzia di Stato (simile all’Enit ma neanche poi troppo) per la gestione delle tecnologie per l'innovazione nel turismo sotto il diretto controllo del Ministero dell'Industria, Energia e del Turismo spagnolo.
Collabora con operatori pubblici e privati.
Genera e gestisce tecnologie, conoscenza e innovazione per migliorare la competitività, la qualità e la sostenibilità nei settori ambientale, economico e sociale del turismo.
Ha in gestione il portale nazionale del turismo spagnolo, si occupa di CRM (Customer Relationship Management), gestisce un Contact Center, fa promozione e segue anche progetti di Qualità Turistica.

Seggitur inoltre fa anche intermediazione con commissioni ovviamente calmierate, restituendo poi al settore turistico i proventi con attività di promozione i cui benefici, evidentemente, ricadono su tutta la filiera.

E l’Enit?

Beh, l’Enit una cippa, un tubo e una mazza di niente di tutto questo, e tra un po’“ …  sarà rilasciata la release di Italia.it e il portale sarà orientato alla promo commercializzazione di promozione del marchio Italia anche attraverso i social media, e si appoggerà sui contenuti dei portali regionali, valorizzandoli”.
E così ce stata una gara di durata triennale sui contenuti da due milioni di euro per “valorizzare i contenuti dei portali regionali” ?
Ma per amor del cielo!

E le OLTA (Online Travel Agents), ovvero Expedia, Booking & Co., con ‘sta gente ci vanno a nozze.

E gli albergatori?
S’inquietano!

E Federalberghi?
Bho!

E le altre associazioni alberghiere?
Bho!

E io?
Continuerò a tagliare la legna, ma non nel Klondike.






2 commenti:

frap1964 ha detto...

A leggere QUI, e chissà poi se è vero, ENIT non dovrebbe avere in mano la gestione operativa del portale, che rimarrebbe all'Ufficio del Turismo, ma dovrebbe invece limitarsi a definire le linee guida di sviluppo del portale.
Chi ci capisce qualcosa è bravo, a questo punto.
Il DSCT di MVB di fatto mise in mano a Promuovitalia (partecipata 100% ENIT) il progetto di gestione dei contenuti. Ma la gestione tecnica del portale penso sia tutt'ora nelle mani di ACI Informatica.
Chi abbia davvero in mano la direzione operativa dell'intero progetto non si capisce, così come è rimasto oscuro il ruolo dei 5 project managers che tutt'ora non si sa bene cosa facciano.
Non c'è quindi troppo da meravigliarsi dei risultati finali, in questa babele gestionale.

Luciano Ardoino ha detto...

@Frap

E che dire di ... A proposito di italia.it Babbi ha anche sottolineato come alcune Regioni abbiano dei propri portali utili e all'avanguardia, che saranno collegati in qualche modo ad Italia.it, e che da quanto ho letto, parte collegandosi con quello ligure con un'operazione di web marketing coi vari social e ...

:(