mercoledì 27 marzo 2013

Turismo invernale: Francia segno + ... Italia -8,5% e giro d’affari -13%.


Il turismo italiano, poche balle, affonda sempre più inabissato dal peso dell’incompetenza di chi ci amministra, e a semplice conferma le ultimissime statistiche dicono che secondo il consuntivo delle settimane bianche e week end sulla neve elaborato da Federalberghi, la stagione 20122013 ha registrato un calo dei vacanzieri del -8,5% e del giro d’affari -13%.
Mentre in Francia tutto l’opposto (ved. qui).

E chissà cosa saranno i francesi se in Italia, quelli che ci “tutelano” in questo dato settore, credono d’essere i campioni del mondo?

Marziani?
Che i nostri “World Champions” (generalizzando neh!) lo siano forse in chiusure, fallimenti e suicidi, ahinoi all’ordine del giorno?

Mah!

E si era nel febbraio dell’anno scorso quando il Bernabò Bocca, il Presidente di Federalberghi, ebbe a dire che: “ … il turismo bianco tiene nonostante la crisi … e continua a crescere. A dircelo sono i numeri e bla bla bla”, solo che i dati alla fine della stagione dell’Osservatorio Italiano del Turismo Montano realizzato da JFC indicarono una flessione complessiva delle presenze pari al -15,4% e del fatturato, pari al -13,5%.
Bel colpo, non c’è che dire.

E che se sommati a quelli sopraddetti dell’anno in corso, portano il totale a delle cifre catastrofiche e non più accettabili.

Ora Bernabò Bocca è diventato Senatore della Repubblica Italiana, mantenendo però la presidenza di Federalberghi e ovviamente anche quell'altra miriade di cariche lunga così.
E alcuni ipotizzano il suo ingresso, in caso di “inciucio” tra il PD e il PDL nella coalizione del prossimo Governo, alla massima carica istituzionale del comparto, e vale a dire la “comoda cadrega” di Ministro del turismo o qualcosa del genere.

Sarà quel che sarà; ma l'augurio strettamente personale è che ciò non avvenga, né tra un po', né mai.
E l'augurio non credo sia solo il mio ... questa volta.








2 commenti:

vinc ha detto...

La Francia ci frega sempre mentre danno sempre la colpa a qualcosa.

Il problema sono loro e non altro!!!

sergio cusumano ha detto...

Sono ormai degli anni che non vedo più le code sugli impianti di una volta.