domenica 15 dicembre 2013

La quadratura dei "tondi" nel turismo

I petulanti professionisti (si fa per dire, neh) del turismo, e vale a dire coloro che decidono le sorti di questo comparto nel Bel Paese, c'hanno fatto due bocce grandi così sulla ripresa evidenziata nello scorso mese di agosto in merito alle presenze e ai pernottamenti degli stranieri in Italia ... 'na benemerita mazza frusta (ved. schema sotto della Banca d'Italia)


Che forse sarebbe meglio allargare l'attuale opinione del popolo dei "forconi" anche nei confronti di 'sta gente qua, soprattutto per vedere se prima o poi la finiranno (i professionisti del turismo) di menare il cane per l'aia, o se non sia il caso di mandarli tutti a farsi i calli nelle mani laddove si lavora per davvero.

Che il turismo sia, se non l'unica, almeno l'è sicuramente una parte integrante delle risorse che ci sono rimaste per uscire dalla bratta perenne che ci sommerge sempre di più, che ormai tutta la gente l'ha bello che capito.

E loro, i professionisti (?), oltre a non fare una mazza fionda per il suo ripristino, ci riempiono di tante belle balle multicolori che manco tutti gli alberi di Natale del mondo potrebbero ospitare.
E per di più anche tutte accese in fondo a quel tunnel (quello famoso con la luce dall'altra parte) che pare sia diventata la favola del secolo in corso ... ma luce mai fu.

Mentre le danze settembrine, su questa fantomatica ripresa da consegnare ai posteri per permettere loro di prenderci un po per i fondelli, si sono aperte col nostro ministro della cultura e del turismo, quel Massimo Bray che addirittura se ne prese i meriti (decché?) con il Decreto della cultura emesso pochissimi giorni prima, dichiarandone oltretutto l'assurdo incremento del 31% di turisti nel solo mese di agosto, aggiungendo poi che ... leggere qui la pezza d'appoggio.

E non mancano di certo le lampadine che il presidente di Federalberghi,
Bernabò Bocca, riesce sempre a vedere in fondo a qualsiasi galleria ... vedere qui.
Bontà sua e della vista da 400 diottrie e forse anche qualcosina di più?

Dulcis in fundo, non può mancare ll'Andrea Babbi, il DG dell'Enit, di cui non passa giorno che non ci emozioni (vabbeh) con la sua grande maestria e profetizzazione sul perfetto lavoro svolto e quello che ancora ha da fare.
Perle di saggezza che cadono per terra in ogni dove e che i più sopraffini raccolgono immediatamente rilanciandole in cielo per la soddisfazione dei conti correnti ... quali?

E così via in processione tutti quelli che nel turismo ci lavorano (si fa per dire) istituzionalmente a raccontare che dobbiamo essere felici e contenti (alla moda della Principessa Ifigonia in Culide?) per aver ricevuto in dono 'sta gente qua ... beh; datemi un forcone e di chiappe ve ne solleverò da quelle poltrone sulle quali sono incollati, dice la gente in tutte le piazze d'Italia, e anche se a me non vanno tanto a genio le piazze in fermento, non sopporto i cortei e i comizi (personalmente ho in antipatia anche le processioni), sto cominciando a cambiare idea.

Qualche tondo flaccido l'avrei già inquadrato ... si fa per dire, neh!  ... forse!

P. S.: Poi la Banca d'Italia dice che non è vero e che i turisti nel mese di agosto sono calati del "solo" 7,2% e ...
... chi mi da un forcone?










6 commenti:

vinc ha detto...

@Luciano

Cosa dici
Questione di nero?


;-)

frap1964 ha detto...

Notato come nella stagione estiva gli unici numeri positivi si rilevino a giugno e settembre?
A luglio e agosto, evidentemente, costiamo troppo, pur essendo il Paese del Sole e del Mare.

Nel quadrimestre GIUGNO - SETTEMBRE

Viaggiatoti con pernottamento

2012 -> 21.124
2013 -> 22.004
VAR% -> +4,17

Totale viaggiatori

2012 -> 33.389
2013 -> 33.883
VAR% -> +1,48

Totale pernottamenti

2012 -> 163.419
2013 -> 162.893
VAR% -> -0,3%

Aumentano i viaggiatori che pernottano, ma cala il totale pernottamenti.
In media pernottano tutti un terzo di giornata in meno.

2012 -> 163.419/21.124 = 7,74 gg
2013 -> 162.893/22.004 = 7,40 gg
VAR% -> -4,4%

La "stagione invernale", se possibile, è anche più disastrosa (I trimestre)
In media pernottano tutti due terzi di giornata in meno.

2012 -> 53.853/7.966 = 6,76 gg
2013 -> 49.471/8.167 = 6,06 gg
VAR% -> -10,4%

Decreto turismo 'sta emerita cippa, imho.

frap1964 ha detto...

La spesa turistica straniera complessivamente aumenta del 3,25%, ma ci stiamo perdendo il classico bacino turistico Europa (in calo), mentre crescono America, Asia e Oceania.

Luciano Ardoino ha detto...

... a chiara dimostrazione che non siamo competitivi e che la tanto declarata qualità/prezzo di cui alcuni continuano a sostenere ci sia, in verità se n'è andata per la tangente qualche decennio fa.

:)

Luciano Ardoino ha detto...

Poi, per quanto riguarda i Paesi del Bric ... non appena si rendono conto di ciò che offrono gli altri e di quello che offriamo noi ...
tanti saluti al secchio


Anonimo ha detto...

hanno finito