venerdì 17 gennaio 2014

Travolti dal solito destino nell'azzurro portale italia.it

Ieri lamentavo il fatto che nel sito dell'Enit, l'Agenzia nazionale del turismo, alcune parole in lingua italiana non avessero la traduzione negli altri idiomi ivi presenti, mentre oggi, saltando sul famoso portalone italia.it, ecco che m'accorgo che alcune di quelle italiane non ci sono proprio.

Ossia che ... ma parto dall'inizio.

Il sito in questione ha appena avuto un restyling pochi giorni prima dello scorso Santo Natale, e questo è avvenuto presumibilmente intorno al 22 o giù di lì, ma siccome nessuno ne ha parlato nel web o da qualsiasi altra parte, è di pochissimi giorni la "scoperta" di 'sta cosa qua.

D'altronde non è che mi faccia tanto piacere farci dei salti anche per non aumentarmi la dimensione della bile, poiché è quello che m'accade tutte le volte che ci faccio un click.

E stavolta ... pure.

Infatti di novità ... boh?
Graficamente abbastanza poche mentre la struttura rimane la precedente.
Han sostanzialmente cambiato i fogli di stile del sistema di content managent, imho.

E il risultato finale è che resta un sito anonimo uguale ad altri centomila.
Per non parlare di qualche titolo scritto in inglese sulla pagina dell'italiano:

Italy by
Press
Partners
Il Social Wall
Tourist cards
Mobile Apps
Food & Cooking

Ma per piacere, ed è mai possibile che con tutti quei soldi che ci spendono non abbiano idee migliori?

Ma chi è che ha dato l'OK a 'sta cosa?









5 commenti:

vinc ha detto...

L' Innovazione è la dimensione applicativa di un'invenzione o di una scoperta. L'innovazione riguarda un processo o un prodotto che garantisce risultati o benefici maggiori apportando quindi un progresso sociale, anche se a volte non sempre efficaci e migliorativi rispetto a ciò che va ad innovare. Il cambiamento che porta invece un peggioramento delle condizioni sociali non è innovazione, ma regresso.

vinc ha detto...

da Wikipedia, se vale

Luciano Ardoino ha detto...

@Vincenzo


Beh, d'altronde di italiani che parlano l'inglese non è che ce ne siano poi tanti.

Si vede che lo fanno per questo.

Anonimo ha detto...

But settling isn't always such a bad thing.

Luciano Ardoino ha detto...

@Anonimo

No, that would serve no purpose; it would probably be both wrong and impossible.

:)