sabato 20 dicembre 2014

Turismo: in Liguria il Turismo è in equilibrio ... sopra la follia.

Liguria: rispetto al secondo trimestre 2013, il terziario ha perso 5 mila posti di lavoro, 10mila nel settore commerciale/turistico
e nel trimestre susseguente … timidi segnali di ripresa, ma nel turismo persi 4 mila posti di lavoro.

Mentre delle presenze (pernottamenti), a parte un meno 10% offerto dall'assessore al turismo di questa Regione (Angelo Berlangieri) qualche mese fa; non si sa più niente.

E questo nonostante le audaci dichiarazioni del medesimo su un presunto nuovo sistema operativo informatico (l'avrà pagato ... anzi, chissà quanto l'avremo pagato?) per rilevare i movimenti turistici nelle strutture ricettive liguri e consentire così di avere dati in tempo reale all'inizio dell'anno.
Eccome no! 

Pertanto, giusto per la precisione, in Liguria si sono persi una miriade di pernottamenti con l'ovvia conseguenza che anche i lavoratori di questo settore sono rimasti a spasso.
Eppure due anni fa fu concepito il piano triennale (ovviamente pagando) per la ripresa del turismo da parte dello Studio Giaccardi e Associati di Ravenna che nel solo primo anno (2013) produsse delle cifre col segno meno da far paura.

Ora, alla fine di quel triennio manca ancora un anno e se tanto mi da tanto, chissà che cosa c'aspetta per il 2015, neh!

Comunque sia, il Berlangieri, se ne studia un'altra, o chi per lui, e s'inventa 'sta cosa qua: “Io Lavoro Interactive 2.0”.

Io Lavoro Interactive 2.0” è la creazione di un nuovo portale che incrocia domanda/offerta di lavoro e che ha l’obiettivo di ricevere autocandidature, offrire una vetrina in una Fiera virtuale per le Aziende, banca dati, percentuale di collocazione attraverso le peculiarità dei vari skill professionali, links con le più importanti banche dati europee.
Ma vediamone l'utilità nel dettaglio.

Di portali (agenzie) domanda/offerta di lavoro ce ne sono già in quantità, e tutte con una valida descrizione dei vari skill professionali e quindi vetrine per le Aziende, ma quello che non comprendo è che se perdi 10.000 posti lavorativi all'anno nel settore, a che mazza fionda serve fare un altro portale?
Poi dei links delle banche dati europee, sai che può importare alla gente!

Quindi l'ennesimo inutile portale; tanto per dar lavoro a qualche web agency.


Oppure altre palanche per Datasiel?





Nessun commento: