domenica 24 luglio 2016

Turismo in Liguria: - 24,61% degli arrivi cinesi nei primi cinque mesi

Ai primi di aprile dell'anno in corso l'agenzia del marketing turistico ligure (InLiguria), capitanata da Carlo Fidanza, ebbe la brillante idea di chiamare Shen Wei (blogger cinese che dicono la vada per la maggiore con un sacco di followers nel Paese di Mezzo) ma che personalmente... ved. qui i primi risultati della sua notorietà... ma lasciamo perdere va... 

mentre all'atto dell'annuncio della str... anezza, ecco che non sono mancati quelli che sui social networks si sono complimentati con gli autori della bella trovata, quelli che pigiano il “mi piace” inde-fessamente qualsiasi cosa leggano (se poi sono dello stesso partito ci danno che è un piacere), ma che a volte, troppe, c'aggiungono qualche frasetta compiaciuta alla moda del “non ci capisco una farninchia ma lasciatemelo dire, va, che siete bravi”.
Farninchia che, per rimanere nel loro tema, non si sa che cosa sia ma che fa una gran rima con quell’altra parola molto in voga in Sicilia e non solo.

Ebbene, Shen Wei s'è fatto un bel cinque giorni girovagando la nostra striscia di terra da lì a là ad ingozzarsi e riposare le sue stanche membra a costo zero (tanto paga Pantalone tra cui pure i farninchioni che forse non l'hanno ancora capito), mentre è probabile che sia stato pure “omaggiato” di qualche palanca per il suo gravoso impegno.
Dai, si fa fatica a gironzolare, e poi vuoi mettere il pigiare in continuazione il tasto per fare qualche foto da inserire poi sui networks cinesi che se ti va male puoi anche prenderti un giradito, mentre a noi gira altro!
Beh, aspettiamo di vedere il bilancio per conoscerne la spesa, ma nella speranza che quello eventualmente “omaggiato” a Shen Wei non vada a finire nelle “spese generali”... in questo caso non lo sapremo mai... forse!

Comunque sia andata, per quanto riguarda gli arrivi dei cinesi in Liguria, i risultati alla fine di maggio 2016 sono questi (ved. qui):

Arrivi 2015 23.428
Arrivi 2016 17.662
Percentuale -5.766 che equivale al - 24,61%

Presenze 2015 31.823
Presenze 2016 26.468
Percentuale -5.355 che equivale al -16,83%

COMPLIMENTONI !

Eppure il Carlo Fidanza s'era sparato, per il 2015, un bel + 52,72% di presenze cinesi (ved. qui)
A questo proposito, oltre ai mercati europei, l’Agenzia “In Liguria” del “commissario” Carlo Fidanza, intraprese nella primavera passata delle azioni mirate sulla Cina, in partnership con l’associazione Chinese Friendly Itally, in una logica di sistema nell’ambito della marca Italia.
E giù altre palanche delle nostre... senza colpo ferire, però, le sue... e tutto questo senza un buon andazzo... anche questo fa rima visto che non ha prodotto un... belin.
In quei giorni infatti ospitarono un gruppo di 11 Tour operator cinesi che avevano partecipato al Matching China di Riccione, un workshop tra domanda e offerta arrivato alla sua terza edizione.
In quell’occasione i buyer cinesi incontrarono 10 operatori dell’offerta turistica ligure e, dopo un momento di business che il Fidanza definì “proficuo per entrambe le parti”, si svolse il tour alla scoperta della Liguria attraverso l’esperienza diretta del territorio.
E tutto questo per produrre poi un – 24,61% degli arrivi e – 16,83% delle presenze... ari COMPLIMENTONI !
Nel mentre a Riccione, solo negli ultimi due mesi (giugno e luglio... e luglio non è ancora finito), si sono registrate 300.000 presenze con una maggiore percentuale esagerata dei cinesi rispetto all'anno scorso.
E sapete quante Riccione ci sono in Liguria?
Senza pensare che le località liguri sono molto più belle per non parlar poi del mare (non contiamoci delle farninchiate, per piacere)... e sarà mica perché a Riccione non hanno Carlo Fidanza?
Mah, vai a sapere!... certo che di cinesi non se ne vedono poi molti, neh! 


2 commenti:

frap1964 ha detto...

Vabbè dai... però è un po' prestino per trarre delle conclusioni.
I risultati bisognerà misurarli fra qualche mese, se non fra un anno ed oltre.

Forse però sarebbe stato meglio puntare su giapponesi e Pokemon, fargli girare il territorio ligure alla ricerca di Picachu, Bulbasaur e Charmander, in modo da far apprezzare loro, in modo adeguato, le bellezze liguri.
E' un trend che ultimamente va molto, illustri strateghi e strateghe dei social passano notti insonni a riflettere sulle enormi potenzialità del fenomeno, nell'ottica di rivolgersi ad un target turistico con elevata capacità intellettuale, ma soprattutto di spesa.

E si sa che di certi "fenomeni" ne abbiamo tanto bisogno...

Luciano Ardoino ha detto...

Mah... !

Il marketing turistico dà risultanze quasi sempre veloci anche perché i pacchetti che si offrono cambiano continuamente... ved. Marketing veloce.

E pure per il fatto che quando fanno marketing... come ad esempio il video del Festival di Sanremo che oltretutto faceva pena e messo in circolazione pochissimo tempo prima, ecco che però si prendevano i meriti.
Quindi, chi di velocità ferisce o si vanta, di velocità perisce.

;)