mercoledì 3 agosto 2016

Turismo Liguria: dati più inutili della data di scadenza sulla Nutella

E' un classico che quando la gente non riesce ad avere dei meriti propri, ecco che s'attacca a quello che di buono hanno fatto gli altri nel passato.


Gianni Berrino, l'assessore del turismo della Liguria si decanta da solo con (ved. qui): “In un anno fatto passi da gigante rispetto al passato”, e il riferimento è che adesso i dati degli arrivi e delle presenze nella Regione, aggiungendo che: “In questo anno siamo riusciti a dare la spinta che mancava per rendere l’Osservatorio turistico regionale una banca dati aggiornata ‘work in progress’. Rispetto al passato, quando i dati sulle presenze turistiche sul territorio si avevano non prima di 100 giorni, oggi l’Osservatorio è in grado di fornire una fotografia sui flussi turistici aggiornata entro 10 giorni del mese successivo, in modo trasparente e affidabile”.


Però e purtroppo la cosa non è assolutamente farina del suo sacco o del suo impensabile entourage, infatti il sistema (Rimovcli) per avere i dati in tempo reale fu realizzato dal suo predecessore, Angelo Berlangieri, nel 2014 (ved. qui), su suggerimento del sottoscritto durante uno degli incontri che, con scadenza alquanto frequente, avevamo nel suo ufficio.
Solo che il Berlangieri lo portò avanti nella maniera più ri-di-co-la che c'è e incaricando altri per lo svolgimento e l'attuazione, anche perché probabilmente obbligato a fare così, imho... l'allora Datasiel... ?!?
Il sistema Rimovcli avrebbe dovuto avere fine nel febbraio 2016, ma come sovente accade nelle cose non ben fatte, ecco che qualche ritardatario ci fu... e c'è ancora.
Gianni Berrino siede sulla poltrona di assessore dal giugno del 2016 e mi si vuole spiegare che merito ha se tutto l'ambaradan glielo ha svolto il suo predecessore?
Poi, se solo pensiamo che a tutt'ora per il turismo non ha prodotto una nuova norma innovativa manco per sbaglio...
... oltretutto il Berrino non sa che i dati a lui non gli arrivano dopo 40 gg., bensì dopo 18/20 gg.... vabbeh, non se ne sarà ancora accorto, nonostante le sue dichiarazioni sulle presenze avvengano appunto dopo 20 gg. ca., ma non disperiamo che prima o poi ce la farà a capirlo... beh, forse!


E i dati di cui dispone, riguardano “solo” gli arrivi e le presenze (italiane ed estere)... e nulla più, mentre potrebbero fornire una marea di nozioni importantissime utili al marketing... ma se poi pensiamo che il DG del marketing è Carlo Fidanza... campa cavallo...


Dulcis in fundo, al Berrino e al suo entourage dei 3 più lui (per la cirulla?) (ved. Qui), sfugge che l'avere i dati dopo 100 gg o averli dopo 18/20 gg. non cambia praticamente un'emerita o benemerita mazza fionda.
I dati bisogna averli ogni minuto della giornata, e averli con una sola pigiata sul mouse del PC per poter... e bla bla bla.
Anche nel rispetto di chi ci lavora (i privati), dei T. O. che sull'argomento c'andrebbero a nozze e non da meno, sia dei... ma lasciamo perdere va, tanto...


Quindi per cui pertanto percome e perdiana, il tanto auto decantarsi indica che la questione sia solo prettamente politica alla moda del come sono bravo eccetera eccetera, e non certo per il bene del settore che malauguratamente amministra.

1 commento:

sergio cusumano ha detto...

Come si dice in questi casi?
Che è un fenomeno?

:-DDD