martedì 22 maggio 2018

Togliere l'imposta di soggiorno? Sì, va bene, però...


Il nuovo Governo che presto sarà insediato, così si presume e pure si spera, dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, vuole togliere le variegate "Imposte di soggiorno" nazionali (sono circa 500 quelle diverse l'una dall'altra... roba da matti!)... vedi qui.

E a dire il vero sono anche contento.
D'altronde su queste pagine s'è scritto molto sulla questione non granché gradita, però... e sì, c'è un però.

A parte il fatto che quelle palanche derivanti dai suddetti balzelli non si sanno mai dove vanno a finire, e questo nonostante le Leggi comunali sostengano che il 60% debba venire investito in promozione e valorizzazione del territorio, mentre il restante 40% per migliorare il decoro e l'accoglienza, beh; ad onor del vero non esiste un solo comune in Italia che ne dia la trasparenza e il dove in verità vadano a parare.
Infatti se andassero per davvero a scopo e termine per il turismo, allora non si comprende il perché nessuno ne dia mai la minima certezza, e questo seppur sia solo necessario l'utilizzo di un semplicissimo programma excel... mica roba
da marziani, neh!

E adesso parliamo di quel: “Sì va bene, però... ”.

Chiaro è che tutti i comuni che attualmente la utilizzano, grandi e piccoli che siano, perderebbero di botto quel consistente introito che non potendo più sfruttare... ma vuoi scommettere che quelle palanche ricadranno di conseguenza sui residenti?
E certo che sì!
Quindi?
Esiste una soluzione?

Pare proprio di sì e che questa soluzione non scontenti nessuno, siano essi i comuni che i cittadini ivi residenti, per non parlare delle associazioni eccetera eccetera... ma ai posteri l'ardua sentenza.