giovedì 18 febbraio 2010

Si sono rotte le uova...e non quelle pasquali

Innanzi tutto una premessa, questa:
Ai sensi dell'art. 16, comma 1, del decreto legislativo n. 322/89, il Presidente dell'Istituto (ISTAT) è nominato con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Presidente del Consiglio, previa deliberazione del Consiglio dei ministri, poi...

...che gli uomini, e quindi le donne, resistano a tutto tranne che alle tentazioni, specialmente quelle economiche, è tranquillamente risaputo.
Se poi ci si mette la voglia o la tentazione dell‘avere il potere; beh, statene certi che nessuno perderebbe l’occasione di “conquistare”, e ancor più di mantenere, quel careghino così “faticosamente” ottenuto.
Il merito?
Provate a chiedere ad una qualsivoglia persona che occupi una posizione politica di rilievo, il come mai sia lì, su quella poltrona; ecco che questi vi risponderà, (sempre che sia inquadrato da famose telecamere o partitocratici editori e giornalisti), che è dovuto al duro sacrificio (di non si sa bene che cosa), nonché per l’attaccamento verso il “partito” (e non sempre lo stesso); mentre pochissimi risponderanno: “per i risultati ottenuti” e “amore al lavoro”.
La differenza?
Beh, fate voi.
E la Brambilla?
Da quando l’hanno messa “ lì ” (“ li ” mortacci...), non ha fatto granché d’altro che elencarci una quantità industriale di dati e statistiche inveritiere, naturalmente poi smentite da chi queste cose le sa fare anche meglio, ma soprattutto dai risultati, e non è cosa da poco.
Il settore è in grande affanno e non s’intravvede niente di innovativo e produttivo; il che detto nei confronti della prima industria italiana, è già tutto un bel dire!
Comunque, bando alle ciance e venendo ai fatti, la ministra c’ha ripetutamente detto che gli italiani sono andati in gran numero di qua e di e che il comparto è in grande ripresa.
Ripresa decchè; almeno ci fosse un piccolo segno più (+) in tutto quello che segue….

Istat: viaggi in calo dell'8%
Nel 2009 i viaggi con pernottamento effettuati dai residenti in Italia sono stati 113 milioni e 46 mila, per un totale di 676 milioni e 244 mila notti.
Rispetto al 2008 si registra una diminuzione del numero di viaggi dell'8%.
Lo rende noto l'Istat, spiegando che i viaggi di vacanza, che pesano per l'86,6% sul totale, mostrano una flessione (-8,3%) dovuta alla consistente diminuzione delle vacanze brevi (-11,6%).
Rispetto al 2008 si è ridotto il numero di persone che vanno in vacanza in media in un trimestre (dal 30,4% nel 2008 al 27,9% nel 2009), soprattutto nel Mezzogiorno (dal 23,6% nel 2008 al 20,2% nel 2009).
In particolare, diminuiscono i viaggi di vacanza con l'obiettivo di far visita a parenti o amici (-19,3%), soprattutto se effettuati in occasione di vacanze brevi (-24,4%).
Rispetto alle destinazioni, si sono ridotti del 9,4% gli spostamenti con destinazioni italiane, che rappresentano l'82,7% dei viaggi complessivi, con una contrazione più marcata per i viaggi diretti verso le regioni del Mezzogiorno (-19,7%), dove diminuiscono sia le vacanze brevi (-25,3%) sia quelle lunghe (-17,5%).
Dulcis in fundo….gli spostamenti verso l'estero, invece, sono stabili.
Per chi ci legge e s'intende di turismo....n’avesse azzeccata una!

Quindi, la Brambilla?
Beh fate voi.

12 commenti:

vinc ha detto...

La Brambilla ha perso un'altra occasione per tacere?

Anonimo ha detto...

Il ministero cerca traduttori per il portale Italia.it. Il compenso per il lavoro è di 9 euro lordi, pagabili (notate bene) a novanta giorni. Nove euro a cartella? Ma non sarà un po' troppo?
Dal Corrosivo...

Anonimo ha detto...

Basta gettare fumo negli occhi!!
Questo è la soluzione ai problemi del governo. Di conseguenza nasce la domanda: perchè?
Perchè ci ritengono un branco di pecoroni che non deve sapere e conoscere la verità, tutto questo in cambio di voti alle elezioni, alle quali ti riempiono la testa di promesse che poi vengono disattese.
E IL GIRO DEL FUMO CONTINUA, non solo da destra, ma anche da sinistra.
Quando cambierà? Questa domanda mi arrovella la mente.
Balordi!

Luciano Ardoino ha detto...

@Anonimo

E' quello che stiamo dicendo da sempre.
Non esiste dx o sx ma c'è, e ben presente, l'intento di questi galantuomini di continuare a menare il can per l'aia e di conseguenza prenderci in giro.
Se qualcuno si prendesse la briga di contare gli inquisiti eccetera eccetera che sono esistenti tra gli uomini politici e confrontarli con qualsiasi settore commerciale, sociale, eccetera eccetera: la percentale dei primi sarebbe sicuramente maggiore, e anche di un bel pò.
Si arrovellano nella speranza, e purtroppo ci riescono, di metterci l'uno contro l'altro.
Il risultato è che bisticciamo tra noi e loro?
Beh, loro, fanno la bella vita alla facciassa nostra.
E il prodotto è quello che vediamo e viviamo.

antipolitico ha detto...

Ma come non ha fatto niente ... ha proposto di riempire le hall degli alberghi con slot machine e trasformarle in sale giochi ... vedrete che impulso al turismo ..

antipolitico ha detto...

Beh da quello che hai scritto non direi che non capisci di politica .. il mio era un commento ironico .. buona giornata

Luciano Ardoino ha detto...

@antipolitico
Certo, certo, solo che nel caso (Casinò) era l'unica "cosa" che condividevo della Brambilla.
Conosco l'indotto che procurano questi in altre nazioni e l'utilizzo della manodopera.
In molte nazioni hanno notevolmente ridotto la disoccupazione.....

sergio cusumano ha detto...

Scusate ma la MVB ha appena dichiarato che ::::
"Secondo i dati Eurostat diffusi in questi giorni, l’Italia è la seconda destinazione per arrivi negli alberghi (circa 77 milioni) dopo la Francia e la prima per presenze, che assommano a circa 252 milioni”. Così il Ministro del Turismo, Michela Vittoria Brambilla, nel corso della conferenza di presentazione della 30° edizione della BIT (Borsa Internazionale del Turismo) in corso a Milano fino al 21 febbraio.:::
Ho provato a cercare questi dati sul web ma non li trovo neanche in eurostat.
A voi risultano?

salvo ha detto...

ogni commento sarebbe superfluo visto lo spessore del personaggio di cui si parla!!!

Luciano Ardoino ha detto...

@Sergio
Ma quello che hai scritto era il mio commento.
Come hai fatto a carncellarlo e scrivere il tuo?

sergio cusumano ha detto...

@Luciano

Her he he

Luciano Ardoino ha detto...

@Sergio

OK, ho capito.

I dati Eurostat non li trovo, ma non è che abbia avuto molto tempo per cercarli. Stasera ci riprovo.
Ciao
;-)