venerdì 29 novembre 2013

La lingua inglese col ... gobbo

E pensare che a fianco della telecamera c'è addirittura (probabilmente) il gobbo, fateci caso.

Hei,  non quello di Notre Dame, per carità, ma il gobbo suggeritore, elettronico o cartaceo che sia.

Complimentoni all'On. Gianni Pittella vicepresidente vicario del Parlamento Europeo, a ennesima dimostrazione ... ma qui è meglio che non aggiungo altro, va.

E m'immagino le grandi risate di chi quella lingua la conosce per davvero, per non parlare di coloro che l'hanno come lingua madre.

La pace (peace) di botto si trasforma in piselli (peas) e il grazie finale diventa un carro armato, mentre il tutto m'appare come l'indimenticabile (plizzzzz visit iiitali di Rutelli).
Lascio a voi, che mi leggete, l'interrogativo di come si possa dopo quattordici anni (è lì dal 1999) ... poi fate voi.

Viva il merito, viva l'Italia ... e viva pure Gianni Pittella; non ridevo di così gusto dal lontano '33 (si fa per dire, neh).

Per saperne di più ... vedere qui.



P. S.: ... e i parlamentari italiani che sono in Europa e che si dovrebbero occupare di turismo, come la parlano la lingua inglese?









3 commenti:

Francesco Pedroni ha detto...

Merito?


:-DDDDDDD

BRANCA DORIA ha detto...

ha imparato l'inglese da Rutelli!

Luciano Ardoino ha detto...

@BRANCA DORIA

Peggio

:)