mercoledì 27 gennaio 2010

Non mi ricordavo che Paolo Rubini "lavora o lavorava" all'Enit come General Manager

Anche perché essendo abituato a svolgere la “di Lui” stessa qualifica e ottenuta attraverso “un mazzo così”; beh, di tempo per le “comparsate” non ne ho mai avuto tanto.
Il Paolo Rubini, non troppo tempo fa, è stato nominato dalla Brambilla come GM dell’Enit (Ente Nazionale Italiano Turismo), e si presume all’equivalente stipendio del predecessore, Eugenio Magnani (190,000 euro annui)(poi si è saputo che sono "solo" 170.000), con la causale che è stato accertato essere in possesso di comprovati e adeguati requisiti tecnico-professionali in relazione ai compiti istituzionali dell'Enit...", si legge nel protocollo firmato il 5 agosto 2009.
Di "questi" requisiti sul turismo se ne ha traccia solo in una sua recentissima dichiarazione dove un tal giornalista annunciava che già negli anni 1991-1993, Lui incominciava ad istruire numerosi procedimenti nella materia turistica, nonché altri incarichi a contatto con il settore.
Ma nel web e nelle nostre conoscenze che da circa quarant’anni pratichiamo questo mestiere, non c’è nulla….vabbè, sarà.
E’ però Vice Presidente di un qualcosa che ha a che fare con i cordoni ombelicali (cellule staminali), ma soprattutto è il responsabile della 'banca dati' dei Circoli della libertà e quindi…ari vabbè.
Resta il fatto che il pregevole e difficilissimo incarico… difficile anche perché quell’ente è da sempre considerato come un carrozzone di trombati politici, raccomandati e nulla facenti, sia quindi da ripristinare completamente, e solitamente quando cambia un GM, qualche innovazione (non solo a parole) si presume la porti, e se dei primi due non ci frega granché, cellule staminali e Circoli della Libertà; del terzo (Enit), beh, quello si.
La situazione del turismo nazionale è abbastanza risaputa (1,7 miliardi in meno e persi oltre 70 mila operatori del comparto nel 2009) e nel momento in cui accrescono le difficoltà derivanti dalla crisi mondiale, un buon GM che fa?
Lavora, lavora e lavora anche a notte inoltrata, poiché avendo la responsabilità del marketing nazionale del turismo a livello mondiale, di tempo da perdere non ne dovrebbe avere, e Lui invece, oltre a tutto questo (se lo fa) trova anche il tempo per far la “comparsa” spesso tra il pubblico agli inviti televisivi ricevuti o voluti dalla “capa” Brambilla.
Che sia un fenomeno?
Che debba imparare lo immaginevamo già, ma anche l’arte del dire oltre a quello del fare da cotanta ministra maestra...ma non era meglio una segretaria che oltretutto si spende anche molto di meno dei nostri soldi?
Non è stato deciso nel protocollo d’intesa avvenuto, tra la Michela ed il Brunetta, che l’Enit avrebbe dovuto essere il modello dell’eccellenza negli enti della P. A.?
Se questo è l’esempio e/o non ha altro da fare; ma considerando che in fondo, se si muovono insieme, almeno il danno è uno solo, forse.

4 commenti:

sergio cusumano ha detto...

Infatti ogni volta che la MVB appare in TV, dietro c'è sempre iddu e esaminando che dovrebbe essere un GM del turismo, suona strano che debba imparare dal ministro che di questo ne sa veramente ancora troppo poco.
Poi da che pulpito!!!
Mamma mia che brutta situazione avere a che fare con quella gente.

frap1964 ha detto...

Su "Pragmatica" (nome omen) che si legge nella rassegna stampa di oggi di ENIT, Matteo Marzotto scrive:

La sfida non è più quella unicamente tra prodotti, ma anche tra percezioni attorno ai prodotti. La comunicazione diventa allora strategica e può fare la differenza proprio perché fondata sulle percezioni.
Nell’ambito della promozione della destinazione turistica è indispensabile trasmettere messaggi che siano i più adatti a confermare al nostro futuro ospite l’irrinunciabilità e l’insostituibilità della meta.


Chiaro no?
L'importante è vendere fumo e venderlo bene.

palingenius ha detto...

Ma neanche questo sanno fare!

Anonimo ha detto...

Guardando Anno Zero questa sera ho pensato... quanta di questa gente purtroppo "indigente" a causa della perdita del lavoro, chiederà il Bonus Vacanze?
Avete letto le statistiche della soglia di povertà nella nostra bazione?
Ebbene tra queste chi andrà in vacanza?
Disgustoso affermare che il Bonus sia per gli indigenti.
B.C.