lunedì 3 gennaio 2011

Vacanze 2011 sfortunate: In arrivo un anno senza "ponti"

Archiviato un 2010 già particolarmente avaro con gli specialisti delle minivacanze, il 2011 si presenta ancora più povero di festività infrasettimanali e quindi di possibili "ponti".
E di soluzioni o parziali arrangiamenti proposti dagli eccelsi professionisti del settore; e vale a dire quelli che non passa giorno che vengono invitati a dire qualche str…anezza a destra e a manca; niente, nulla, niet.
Giusto giusto come l’anno scorso e via cantando.
Anche perché se qualcuno c’avesse anche minimamente pensato, avrebbero almeno programmato la chiusura delle scuole una settimana prima.
E per i 200 gg. di didattica richiesti dall’Europa non ci sarebbe stato problema.
"La capite 'sta volta la critica COSTRUTTIVA", voi che mi leggete dai piani alti?
Comunque questa è solo un’idea e ce ne sono ben d’altre che, ahimè, non sentiremo mai dire, né tantomeno fare, come ad esempio le 4 chiusure annuali obbligate e che ahinoi, quest'anno saranno in concomitanza con degli avvenimenti di grande importanza (vedi beatificazione di Giovanni Paolo II il 1° di maggio) in molte città della penisola.
E visto l'andazzo del debito pubblico ...
Nell'arco dei dodici mesi saranno solo sette le festività al di fuori dei week-end, ma tre di queste cadranno di lunedì, riducendo a quattro le potenziali occasioni per i pianificatori da calendario.
Le fughe da 3-4 giorni grazie all'investimento di uno o due soli giorni di ferie, una modalFesta della Repubblica,
Altrettanto prevedibile, però, la delusione degli amanti delle brevi "fughe", così come di agenzie di viaggi e tour operator specializzati nel "mordi e fuggi".
Superata l'ormai imminente Epifania, l'appuntamento successivo sarà il 25 aprile, che però cadrà di lunedì (niente ponte quindi) e avrà la caratteristica, quest'anno, di assorbire anche il Lunedì dell'Angelo, visto che Pasqua sarà il 24.

L'unico vero ponte di primavera arriverà grazie alla Festa della Repubblica, il 2 giugno (giovedì), tenuto conto che anche il Primo Maggio coinciderà con una domenica.
Poi un lungo periodo in apnea da mini-vacanze (anche Ferragosto è un lunedì) fino al primo novembre, che cade di martedì.
Un po' di conforto dall'8 dicembre, l'Immacolata (giovedì) e appena un week-end lungo verso località di vacanze, per chi non festeggia "con i suoi" Natale (domenica) e Santo Stefano (lunedì). 2011 avaro fino in fondo: poche soddisfazioni anche da Capodanno, cenone e botti di sabato, San Silvestro domenica.
Un anno "difficile" dunque per quel 49% di italiani che, secondo i sondaggi, scelgono le vacanze mini, a causa del poco tempo a disposizione dal lavoro(86%), perché rappresentano l'ideale per coltivare interessi e conoscere posti diversi (73%), perché costano meno e sono più accessibili (71%).

Secondo gli esperti, a scegliere la vacanza "da ponte" sono: giovani uomini, in partenza con gli amici, appassionati di turismo d'arte, chi preferisce la vacanza tra natura e avventura (visite a parchi o aree protette, per fare safari fotografici o animal watching), chi predilige quella Benessere (terme e cura del corpo).
Ma anche chi vive la breve vacanza come un'evasione dai doveri familiari.
Chi la sceglie, infatti, lascia talvolta i figli a casa (magari con i nonni) per concedersi un momento romantico da passare con il partner (26%) o si costruisce volutamente un momento di puro divertimento da condividere con amici o colleghi (29%).
Vabbeh, consoliamoci sul fatto che dovrebbe essere un anno produttivo con i molti giorni in più di lavoro.

Nessun commento: