martedì 1 marzo 2016

Le Ota (Online Travel Agency) in Liguria saranno obbligate a fare così... eccome no!


Son proprio curioso di vedere come, dal punto di vista legale, Gianni Berrino, l'assessore del turismo della Liguria, pensa di poter imporre una cosa del genere ad aziende con sede legale in altri Paesi del mondo (imho).

Il link d'appoggio è questo qui.

P.S.: Sì, vabbeh la comunicazione, ma senza la sostanza l'orecchio non basta... che ci vogliano anche le basi, tutte, tante, molte e anche parecchio per fare certe cose dentro al secchio?
Altrimenti si "sbulacca" al di fuori del contenitore! 
Come a dire che la si fa fuori e poi ti ci voglio vedere a metterla dentro, neh.


7 commenti:

sergio cusumano ha detto...

Berrino è peggio dei precedenti e comprendo la tua delusione caro Luciano.
Questi non hanno la minima idea del turismo e di cosa accade nel mondo con le ota

:-((((((((((

sergio cusumano ha detto...

Se poi penso alle qualifiche dei suoi collaboratori nello specifico..................................

:-(

Luciano Ardoino ha detto...

... meglio non pensarci per non farsi del sangue marcio va

;)

Poi con l'ultimo innesto "meritocratico"

:)

Anonimo ha detto...

Che voglia chiudere internet in liguria?

vinc ha detto...

Ci sarà arrivato da solo o l'avranno consigliato?
I casi sono due.
O è farina del suo sacco, e la situazione è grave
Oppure glielo hanno suggerito, e la situazione è ancora più grave.

:)(

Luca Moschini ha detto...

Diamine Luciano, guarda il lato positivo, se ci riesce diventa un hero del travel

Luciano Ardoino ha detto...

@Luca

Beh, potremmo diventare anche noi due eroi se andassimo su Marte a piedi che praticamente abbiamo le sue medesime probabilità.
Cosa facciamo?
Parti tu che poi ti seguo?

:)