mercoledì 9 marzo 2011

Facciamo finta che tutto va ben ... tutto va ben, a Lampedusa (♫)

L’economia dell’isola di Lampedusa si basa quasi al cento per cento sul turismo, e anche la pesca, che è l’altra attività primaria degli isolani, va a finire nel suo indotto.
Quindi?
E quindi se per caso o per forza maggiore (sbarchi immigrati), l’economia di Lampedusa rischia il tracollo per via del blocco delle prenotazioni e disdette varie … la Brambilla che cosa fa?
Leggere attentamente quello che scrivo tra le parentesi quadre [……..]; appunto, la “brava” Michela puntini e puntini.
Si accendano i riflettori sulla drammatica situazione degli operatori turistici e le attività produttive dell’isola che vedono compromessa in maniera preoccupante la stagione estiva. Il ministro Brambilla intervenga. Chi vive di turismo a Lampedusa non è un cittadino di serie B, merita rispetto e attenzione.
Lo afferma Pippo Fallica che così dice: “Riceviamo da giorni la richiesta d’aiuto da parte di numerosi albergatori ed imprenditori di Lampedusa che lamentano il blocco totale delle prenotazioni per la stagione estiva. Questo significa – aggiunge – che nei prossimi mesi le camere, i tavoli e le spiagge dell’isola saranno drammaticamente vuote se proseguirà l’assordante silenzio di tutti coloro che dovrebbero diffondere messaggi rassicuranti sull’effettiva sicurezza sociale nell’isola.
Stessa cosa da parte di Giandamiano Lombardo, resp. Federalberghi di Lampedusa, proprietario dell’Hotel 'Baia Turchese' che intervistato telefonicamente mi conferma l’andazzo non certo felice, e che già dal 21 febbraio scorso …: "Per compensare l'immagine negativa che ancora una volta rischia di penalizzarci - ha detto il presidente di Federalberghi Giandamiano Lombardo - abbiamo chiesto al ministro Brambilla un'immediata azione di promozione mediatica attraverso i maggiori network nazionali e altri tipi di azioni promo-pubblicitarie. La nostra stagione inizia a Pasqua, bisogna quindi fare in fretta. Un'idea tra le tante - ha spiegato Lombardo - potrebbe essere quella di assegnare uno spazio fisso dedicato a Lampedusa all'interno di trasmissioni specializzate come Linea Blu".
E dire che anche il presidente dell'Enit Matteo Marzotto, rispondendo all'invito degli operatori isolani durante la BIT di MIlano, si era impegnato a fare una visita in tempi brevi (?) a Lampedusa per parlare personalmente con gli operatori turistici, conoscere l'isola e rafforzare l'immagine delle Pelagie all'Estero.
L’avrà fatto?
Leggere attentamente quello che scrivo tra le parentesi quadre [NO] per capire se la promessa è stata mantenuta.
Ora che l’immigrazione possa recare delle conseguenze disastrose, per me che lavoro nel turismo, è una cosa impossibile, visto che in quell’isola c’è un servizio d’ordine che si può definire perfetto.
Ma il turista che cosa ne sa?
Mentre il continuo tam tam dei quotidiani nazionali, che per ogni minima cosa, ci fanno un bel ampliamento per vendere più copie; beh, quelle non aiutano di certo.
Infatti qualsiasi sciocchezza che dalle altre parti del mondo non viene neanche considerata, ecco che là… alè, ci vanno giù come dei minatori dentro ad un fosso.
Ma cosa ci vuole a fare una dichiarazione (o meglio, una visita) che tutto va bene e che non c’è nessun problema per l’eventuale futuro turista?
Ah, e se anziché dagli amici Lampedusani (?), l'isola fosse abitata da cani, gatti e affini, chissà se la Brambilla ...?  firulì (♫) firulà (♫) ....
C'è però da considerare che gli alberghi sono ugualmente pieni di giornalisti, istituzioni e quant'altro, mentre la pubblicità che sta ricevendo Lampedusa sarà molto produttiva sotto l'aspetto commerciale.
Per dirla in breve: non tutti i mali vengono per nuocere.

9 commenti:

frap1964 ha detto...

QUI si legge il resoconto sommario dell'audizione di MVB di oggi al Senato sul Codice del Turismo.

Il senatore SANGALLI (PD) si sofferma sull'opportunità di avviare delle politiche organiche a favore del settore turistico, in considerazione dell'elevato potenziale che tale comparto riveste per l'economia nazionale. Auspica, pertanto, che il Ministro definisca in tempi rapidi un piano strategico per l'intero settore, in cui siano indicati nello specifico i diversi segmenti sui quali investire.
...
Il ministro BRAMBILLA ricorda come, in occasione della Conferenza nazionale del turismo, tenutasi nell'ottobre dello scorso anno, era stato presentato dal Governo un analitico piano per rilanciare il settore del turismo.
...
Il presidente CURSI ringrazia il ministro Brambilla per l'importante contributo fornito ai lavori della Commissione e rinvia il seguito dell'esame dell'atto in titolo ad altra seduta.


Ora, va bene che in occasione della Conferenza si parlò di fiabe, di Cenerentola, ecc. ecc., ma 'sto piano analitico deve aver fatto la fine della mitica scarpetta, perché io, francamente, me lo son perso per strada (e non ho sorellastre).

frap1964 ha detto...

Da ultimo [SANGALLI (PD)] si sofferma sull'opportunità di realizzare una vera e propria rete di imprese nel settore turistico e di valorizzare maggiormente la figura dei grandi maestri della ristorazione.

Eh... si capisce subito che questo il CdT l'ha letto con massima attenzione (decine di medaglie/anno). ;-)

Luciano Ardoino ha detto...

Sic, ho letto e sono scioccato, ti giuro letteralmente scioccato dall'inutilità delle interrogazioni.

A parte che di Enrico Musso non s'è neanche saputo se fosse stato presente.
Imho, non c'è speranza caro frap e adesso siamo in una botte di ferro.
Si, in quella di Attilio Regolo.

frap1964 ha detto...

Personalmente trovo RI-DI-CO-LO che nei resoconti delle sedute non siano indicati, in dettaglio, i deputati/senatori effettivamente presenti.
Voglio dire... ma lo si scrive persino nei verbali delle assemblee condominiali.

Luciano Ardoino ha detto...

Immaginavo l'inaffidabilità come già ti avevo detto.
:-(

Luciano Ardoino ha detto...

Che il Rutelli anche dopo di quella, l'abbia capita...non ci credo, ma neanche se qualcuno me lo riferisce in turco.

frap1964 ha detto...

OT: ennesimo brillante intervento di MVB a Ballarò (32:20) ieri 8 marzo.

Floris: Domanda secca, ministro: lei che idea si è fatta delle cene di Arcore?

MVB: Non è che devo essermi fatta un'idea, so benissimo cosa succede alle cene di Arcore: quello che avete letto tutti sui giornali.

Floris: Ma... è un'affermazione un po' pericolosa... abbiamo letto delle cose abbastanza impegnative...

(segue sghignazzo generale in studio)

:-D

frap1964 ha detto...

OT: Link di conferma e documentazione.

:-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D
:-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D
:-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D
:-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D

Anonimo ha detto...

@Luciano e frap1964

Definizione di impresa turistica, assenza nel provvedimento delle imprese del turismo balneare e classificazione delle imprese ricettive: questi i tre punti chiave espressi dal Presidente di Confturismo, Benabò Bocca, nel corso dell’audizione presso la X Commissione del Senato sul Codice del Turismo il 9 marzo scorso. Bocca ha presentato, per quanto riguarda l’intermediazione, alcune osservazioni di rilievo in merito al regime di responsabilità contrattuale, ai termini dell’inadempimento e al Fondo di Garanzia. All’audizione hanno partecipato, oltre a Bocca, Maurizio Vianello (Presidente Faita Federcamping), Cinzia Renzi (Presidente Fiavet Nazionale) e Alfredo Zini (Vice Presidente Fipe).