domenica 30 ottobre 2011

La Brambilla denuncia l'allevamento Green Hill (cani di razza "Beagle" destinati alla vivisezione) di Montichiari (BS)

Il Ministro del Turismo, on. Michela Vittoria Brambilla, ha inoltrato questa mattina un esposto alla Procura della Repubblica di Brescia, al Comando nazionale dei Carabinieri Tutela della Salute e al nucleo dei Nas di Brescia, richiedendo in forma ufficiale un intervento per accertare - all'interno dell'allevamento di cani Beagle destinati alla sperimentazione "in vivo" Green Hill, di Montichiari (BS).
"Violazioni della normativa statale e regionale in materia di tutela del benessere degli animali di affezione" oltre a "violazioni della disciplina igienico sanitaria nonché di quella concernente il decreto legislativo n. 116 del 1992" sulla protezione di animali utilizzati a fini sperimentali, anche al fine di "adottare idonei provvedimenti di natura cautelare”, compreso il “sequestro degli animali detenuti nella struttura".

È quanto si apprende in una nota diffusa dal Ministero del Turismo.

"Da diverse settimane - si evidenzia nell'esposto - i media garantiscono ampia risonanza all'indignazione di moltissimi cittadini che denunciano le condizioni di maltrattamento fisico e psicologico, in cui vengono detenuti, nell'allevamento "Green Hill", migliaia di cani, appartenenti alla razza "Beagle", destinati ad essere utilizzati a fini di sperimentazione "in vivo".
Tali proteste hanno dato luogo anche alla costituzione di movimenti animalisti spontanei, volti a sottoporre all'attenzione delle autorità competenti la situazione in cui si trovano i suddetti animali, e anche il Ministro del Turismo è stato destinatario di numerose denunce circa la realtà in oggetto".

"Le condizioni, a dir poco insalubri, in cui vivono in chiaro sovraffollamento i Beagle di "Green Hill" - continua la nota - costituiscono circostanza che, al di là della sua intrinseca gravità (configurando il maltrattamento di animali, come noto, un reato), produce un gravissimo pregiudizio all'immagine del nostro Paese; non vi è, infatti, chi non veda come il maltrattamento degli animali, anche di quelli allevati per essere destinati alla sperimentazione "in vivo" (fatto peraltro che contribuisce a peggiorare la situazione in quanto la pratica della vivisezione è fortemente censurata dall’opinione pubblica), sia tale da trasmettere un'immagine del tutto negativa del nostro Paese, in particolare presso i turisti stranieri, depotenziandone, in modo rilevante, anche l'appeal turistico".

Il ministro Brambilla, presidente del comitato per la creazione di un'Italia Animal Friendly da lei stessa istituito presso il ministero del Turismo, ha recentemente ottenuto, nella commissione Affari sociali della Camera, l'approvazione di un emendamento alla legge comunitaria 2011, che concretamente promuove lo sviluppo di metodi alternativi per superare definitivamente la sperimentazione animale, limita l'applicazione di tale pratica, garantisce nuove tutele agli animali utilizzati e soprattutto vieta l'allevamento di cani, gatti e primati destinati alla vivisezione su tutto il territorio nazionale.

Coerentemente con questo impegno, l'on. Brambilla ha preso carta e penna per denunciare agli organi competenti una situazione che "configura ipotesi di reato", oltre ad "offendere il sentimento collettivo di amore e rispetto per gli animali ed i loro diritti proprio della grande maggioranza dei cittadini". In attesa del termine dell'iter parlamentare della legge comunitaria , che potrà quindi obbligare la chiusura della Green Hill, vietandone l'attività sul suolo nazionale, e impedirà la nascita di realtà analoghe, il Ministro del Turismo intende farsi interprete ancora una volta delle istanze di quella maggioranza degli italiani che ama gli animali e vuole vederli rispettati. E in particolare del sentimento delle migliaia di cittadini che, da tempo, auspicano un intervento delle istituzioni sul caso Green Hill, una “fabbrica di morte” che "non può trovare spazio in un grande paese civile quale è l'Italia".
Autore: Spie

P. S.: Green Hill, ma vedi d'andartene a ... 

8 commenti:

vinc ha detto...

fngl ?

sergio cusumano ha detto...

Non ci posso credere

Luciano che parla bene della MVB e lo scrive anche sul blog.

:-)

Luciano Ardoino ha detto...

@Vincenzo

fngl?

Luciano Ardoino ha detto...

@Sergio

Beh, non capita speso ma non è la prima volta...diciamo la seconda o la terza.

Il pezzo è un copincolla che ho trovato "giusto" .. ma da qui al "parlare" bene della Brambilla ce ne vuole!

;-)

Luciano Ardoino ha detto...

@Vincenzo

Ho capito !

Credo

;-)

Anonimo ha detto...

@Ardoino


:-)

Anonimo ha detto...

L’insediamento lager Green Hill, in Inghilterra nell’East Yorkshire, apre per la prima volta i cancelli alle telecamere. Non era mai successo in 37 anni. E per l’occasione si rifà il look, mostrandosi come un luogo ameno, pulito e quasi accogliente. E non si tratta di certo di un caso fortuito. È atteso a breve, infatti, il risultato dell’appello presentato dalla multinazionale Marshall alla decisione del Consiglio Comunale di Hull, che lo scorso giugno disse no alla realizzazione dei nuovi stabulari. Sarà il Segretario di Stato per le comunità ed i governi locali, Eric Pickles, noto politico del partito conservatore, a pronunciarsi nei prossimi giorni sulla delicata questione.
La forte pressione degli animalisti e dell’opinione pubblica continua a mettere i bastoni tra le ruote alla Marshall, proprio come è successo in Italia qualche giorno fa, quando 5 attivisti del Coordinamento Fermare Green Hill, eludendo la guardia dell’allevamento, erano saliti sul tetto del capannone di Montichiari (BS) per impedire che i carichi di cuccioli venissero trasferiti verso i laboratori.
Si tenta allora il tutto per tutto e si lascia che i giornalisti di skynews riprendano le immagini di teneri beagle scodinzolanti, liberi di correre fuori dalle loro prigioni. A fare da sfondo un bellissimo gioco come quelli che si vedono nei parchi per bambini, con tanto di scivolo. Non una deiezione sul pavimento, nessun animale maltrattato. Solo tanti sorrisi, tante carezze e tanto amore. L’ambiente è asettico e pulitissimo. Tutti indossano guanti, mascherine e camici immacolati. Quanta ipocrisia in queste immagini! Perché a Green Hill, un nome che dovrebbe far pensare a bucoliche colline, va invece in scena quotidianamente l’orrore. Perché dietro le mura di Green Hill, protette da filo spinato, telecamere a circuito chiuso e guardie, si “fabbricano” cani destinati alla vivisezione.
Loro, i cani protagonisti delle riprese di Sky, forniscono sangue per la sperimentazione medica. Se verrà costruito il nuovo stabilimento, altri beagle saranno destinati a testare gli effetti de dei prodotti farmaceutici. Ovviamente, i profitti sono assicurati, visto che ogni esemplare può valere 1600 sterline. L'azienda si rifiuta di dire quanti cani di razza prevede di ospitare nei nuovi edifici, ma gli attivisti parlano di circa 2.000 esemplari. La Marshall, intanto, ci tiene a sottolineare che i nuovi cani non aumenteranno le forniture per la vivisezione. Servono a evitare gli acquisti dall’estero, “a ridurre il numero degli animali importati”.
Ma credono davvero di poterci ammaliare con le loro belle storielle?
Roberta Ragni

Jonny Dio ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.