giovedì 31 gennaio 2013

Turismo: Cercare le differenze


Ieri sera, rovistando nel web, alla ricerca d’una seppur parvenza di Piano o progetto sul turismo negli anni passati, mi sono imbattuto in questo articolo sulle pagine de La Repubblica.

Infatti ricordavo d’aver sentito qualcosa in quelle brevissime apparizioni nel mio Paese, e cioè quando ci ritornavo per solo qualche giorno per salutare visivamente i miei cari.
Il fondo è del 27 ottobre1984, e vale a dire qualcosa come ventotto e un tocco anni fa.
Facciamo quasi trenta, tanto per far capire meglio.

Ma bando alla ciance e buona lettura, poi ci risentiamo alla fine di questo.

Un aumento costante dei prezzi, al quale non corrisponde sempre un adeguato servizio; scarsa tutela del patrimonio artistico; inquinamento delle coste; insufficiente organizzazione dei mezzi di trasporto.

Diagnosticare i mali del turismo italiano non sembra difficile, ma la cura rimane finora introvabile. Ciò nonostante, il primato di questa "industria", almeno stando alle cifre, non mostra segni di crisi: quest' anno, un fatturato di 50 mila miliardi, un' entrata di valuta straniera intorno ai 15 mila miliardi, il 9 per cento in più rispetto all' 83.

Il business del turismo, insomma, è ancora un "fattore trainante dell' economia nazionale, per il quale vale la pena introdurre criteri manageriali di gestione".

Così ha affermato Aldo Aniasi, vice presidente della Camera, al Convegno nazionale "Rilancio del turismo in Italia" che si è concluso ieri al Circolo De Amicis di Milano, con il patrocinio del Ministero del Turismo, della Regione Lombardia e della Provincia di Milano.
Presenti, per un confronto "programmatico", amministratori, sindacati, operatori alberghieri e organizzazioni del tempo libero.

Proprio per evitare il rischio che questo enorme potenziale economico si perda in imperdonabili errori di gestione, il ministro del Turismo Lelio Lagorio ha ribadito la necessità di un coordinamento della politica e degli interventi per promuovere il "catalogo Italia".
"Spendiamo - ha affermato - tre volte più della Spagna e della Grecia, ma lo facciamo spasmodicamente, senza perseguire un disegno promozionale omogeneo e perciò forte".

La proposta, da realizzarsi nei tempi più brevi, è quella di concentrare gli sforzi, anzichè disperderli in interventi sporadici e isolati.
Di qui l' utilità di un "Piano triennale sperimentale" sul quale si impegnino ugualmente amministratori, operatori sociali e economici.

In poche parole il “Piano triennale sperimentale italiano” non venne mai partorito, mentre le causali non troppo felici del nostro turismo di allora sono rimaste esattamente le stesse, con una sola variante però …

… infatti quell’entrata di valuta estera del più 9% rispetto all’anno precedente; non esiste più.






8 commenti:

frap1964 ha detto...

Ero convinto che oggi ci fosse a Roma la Conferenza Nazionale del Turismo.
Le precedenti edizioni (la n. IV) fu tenuta da MVB a Riva del Garda, Palazzo dei Congressi, il 20 e 21 giugno 2008. La successiva (la V) il 15-17 ottobre 2010 a Villa Erba - Cernobbio(Como), sempre organizzata da MVB.
E' un evento biennale che si tiene dal 2000, poi è stata disciplinata dall'art. 56 del Codice del Turismo (L. lgs. 79/2011).
Nel novembre 2012, come noto, è poi caduto il governo. Successivamente il Codice del Turismo è stato bocciato dalla Corte Costituzionale.
Scopro solo ora che oggi c'è sì una conferenza nazionale del turismo a Roma, ma è targata PD.
Ri-di-co-lo.
Nemmeno la conferenza nazionale è stato in grado di organizzare Gnudi, che peraltro non risulta partecipi nemmeno a questa qui del PD, a differenza di parecchia gente delle varie organizzazioni del turismo + Babbi, Berlangieri, ecc. ecc. e il quartetto Cirillo, Errani, Fassina e Letta, tutti notoriamente espertissimi del settore specifico.
Ora capisco perché hanno messo il piano strategico in rete...

Luciano Ardoino ha detto...

http://www.youdem.tv/

In diretta

vinc ha detto...

Lo stavo guardando ma la voce viene e va.
Più va che viene


:-(

frap1964 ha detto...

Ho appena visto un intervento piuttosto appassionato e piuttosto pragmatico del Berlangieri.

Luciano Ardoino ha detto...

@Frap

Pragmatico?

frap1964 ha detto...

Pragmatico nel senso di pochi voli pindarici, ma discorsi molto molto diretti e "basic". Proposte innovative concrete ne ho sentite ben poche (ma eravamo quasi sul finale), più dichiarazioni di principio anche abbastanza ovvie. In un passaggio sulla promozione web gli ho sentito anche citare fugacemente BBB.

Luciano Ardoino ha detto...

@Frap

... ed è stata appunto l'unica sua nota stonata accennare quel nome.

;-)

Luciano Ardoino ha detto...

Comunque a parte gli scherzi, Berlangieri è stato l'unico che ha proposto una innovazione tra le migliaia di volte che oggi ho sentito quella parola durante tutta la convention.

Quindi altre parole ma di fatti ... uno solo. E se andiamo a vedere che quello da cui l'ha presa viene anche preso a letame in faccia...

:(