mercoledì 15 dicembre 2010

Il turismo per ciechi e ipovedenti

Bene, oggi è uno di quei giorni che inizia nel modo giusto e in cui il sorriso m’arriva già dal mattino.
Anche se però, neanche a dirlo, una “critica” c’è; ma la “vediamo” più avanti.
E la causa è questa qua: La Regione Piemonte lancia il corso on line di accoglienza del turista non vedente e ipovedente realizzato dall'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti della Regione.
E’ rivolto ad albergatori, ristoratori, guide, agenzie di viaggio, taxisti, conducenti di mezzi pubblici o privati e, in generale, a tutti coloro i quali fanno parte della grande industria del turismo locale.
 “In Europa ci sono più di 2 milioni di non vedenti e 10 milioni di ipovedenti – hanno commentato in una nota stampa congiunta Giovanna Quaglia, assessore alle Pari Opportunità e Alberto Cirio, assessore al Turismo della Regione - persone che non solo hanno come tutti il diritto di viaggiare, ma che se messe nelle condizioni di farlo e accolte nel modo adeguato rappresentano un grande potenziale di turisti da attrarre e fidelizzare sul nostro territorio".
Ok, parole “Sante”, ma non ci vorrebbero anche le strutture?
Vabbeh, è sempre un inizio e quindi meglio di niente!
Però cosa ne dite di far fare questi corsi (a volte è sufficiente anche un solo cortometraggio) anche ai vari consiglieri regionali, provinciali, comunali o municipali, e magari durante una di quelle “stancanti sedute” che quando “uno” di loro parla, gli altri sono quasi tutti fuori a fumare; a raccontarsi l’azione della propria squadra di calcio; a disquisire sulla minigonna di quella o quell’altra … e via cantando?
Chissà mai che non possano servire anche per quelli che dovrebbero trovare le soluzioni infrastrutturali nei vari ambiti?
Infatti non mi risulta che al Manifesto per la promozione del turismo accessibile, in attuazione dell’art. 30 della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità ratificata con Legge n° 18 del 24/02/09, sia seguito un qualcosa.
Sempre che non mi sia “scappato” per carità, ma non credo.
In particolare mi riferisco al numero 8 del testo dove è scritto:
E’ necessario incentivare la formazione delle competenze e delle professionalità, basata sui principi dello Universal Design e che coinvolga tutta la filiera delle figure professionali turistiche e tecniche: manager, impiegati, aziende, imprese pubbliche e private.
Occorre inoltre aggiornare i programmi di studio degli Istituti per il Turismo, Tecnici, Universitari, dei Master e dei Centri Accademici a tutti i livelli.
Inutile dire che sono circa vent’anni che vado dicendo che questo studio debba essere proposto nelle scuole alberghiere come materia didattica; tanto per cominciare.
Poi da cosa nasce solitamente un’altra cosa che di sicuro male non fa, sempre che a taluni freghi veramente qualcosa, e non sia una sola propaganda politica per raggranellare un qualche voto qui e un po’ anche là.
E possibile che non capiscano che questa cosa va fatta?
E cosa ci vuole?
… solo la voglia di farla.

4 commenti:

sergio cusumano ha detto...

@Luciano

Leggo che Matteo Marzotto ci ha individuati come persone che -insultano- il suo ente.

Ti do il link
http://www.ilgiornaledelturismo.com/news_read.php?cd=704
A me risulta chiaro che considerando che siamo gli unici che parlano dell'enit....fai tu la conclusione.

;-)
P.S.: Lo facevo più intelligente.

vinc ha detto...

@Luciano

Fiiuuuuuuuu.

Ho letto.
La differenza è che tu fai nomi e cognomi , mentre il Matteo, nonostante sia evidente l'allusione al tuo blog, non ne fa.
Stili diversi o che altro?

Preferisco te, caro amico.

Sabaudo ha detto...

"...ma non ci vorrebbero anche le strutture?"
In questa ovvia domandina sta il nocciolo della questione, con tutto quello che ne consegue, compresa la parte che riguarda la formazione.
Ma con l'iniziativa assunta dalla Regione Piemonte questo non c'entra nulla.
Perchè leggendo i vari comunicati stampa sfornati a ritmo impressionante dal novello giovin assessore al turismo, traspare l'ansia di "stare sulla notizia", modo classico di carezzare l'ego costruendo, mattoncino su mattoncino, l'immagine del probo amministratore.
Una questione di facciata, insomma, indipendentemente dagli argomenti e dai contenuti.
Ed allora passiamo dalla sagra della nocciola a quella dei tartufi e via dicendo (e non tirate ad indovinare da dove viene l'assessore...).
Al quale riconosciamo la voglia di fare e vorremmo sommessamente suggerire, però, di selezionare.
Perchè di "progetti" sul suo tavolo ne arriveranno tanti e tutti con il modulino di richiesta di contributi di un esercito di proponenti ( e forse anche un tot di postulanti...).
Ma siamo agli inizi e attendiamo la fine dell'apprendistato.

Luciano Ardoino ha detto...

@Sabaudo

Ahimè ne immaginavo la "fattibile" propaganda, anche perchè l'idea, se pur buona, non è granchè costruttiva.
Diciamo che bisognerebbe cominciare dalla base (le scuole); proprio come quando si costruiscono le case.
Dei corsi o stage che non ricorda più nessuno, è già pieno l'ambiente.