mercoledì 20 febbraio 2013

Una storia molto più semplice e semplicemente più bella


Noi, che a scuola ci andavamo da soli e da soli tornavamo.

Noi, che la scuola durava fino alla mezza e poi andavamo a casa per il pranzo con tutta la famiglia (si, anche con papà).

Noi, che eravamo tutti buoni compagni di classe, ma se c’era qualche bullo, ci pensava il maestro a sistemarlo sul serio.
Noi, che se a scuola la maestra ti dava un ceffone, mamma a casa te ne dava 2.

Noi, che se a scuola la maestra ti metteva una nota sul diario, a casa era il terrore.
Noi, che quando a scuola c'era l'ora di ginnastica partivamo da casa in tuta, tutti felici.

Noi, che avevamo le tute lucide acetate dell’Adidas che facevano fico, ma erano pure le uniche.
Noi, che la gita annuale era un evento speciale e nelle foto delle gite facevamo le corna ed eravamo sempre sorridenti.

Noi, che le ricerche le facevamo in biblioteca, mica su internet.
Noi, che la vita di quartiere era piacevole e serena.

Noi, che andare al mare nei sedili posteriori della 850 di papà o nella 1100 di nonno era una passeggiata speciale e serbiamo ancora il ricordo di un bagno “pulito” a Rimini, Rapallo o all’Idroscalo.

Noi, che non avevamo videogiochi, né registratori, né computer. Ma avevamo tanti amici lo stesso anche senza facebook.

Noi, che per cambiare canale alla TV dovevamo alzarci e di canale ce n'era uno solo ... e poi due.
Noi, che andavamo a letto dopo Carosello.

Noi, che sapevamo che era pronta la cena perché c'era Happy Days e Fonzie.
Noi, che guardavamo allucinati il futuro con “Spazio 1999” .
Noi, che se la notte ti svegliavi e accendevi la TV vedevi solo il monoscopio Rai con le nuvole o le pecorelle di interruzione delle trasmissioni.

Noi, che ci sentivamo ricchi se avevamo 'Parco Della Vittoria e Viale Dei Giardini'.
Noi, che i pattini avevano 4 ruote e si allungavano quando il piede cresceva.
Noi, che chi lasciava la scia più lunga nella frenata con la bici era il più fico e che se anche andavi in strada non era così pericoloso.

Noi, che dopo la prima partita c'era la rivincita, e poi la bella, e poi la bella della bella della bella della bella …
Noi, che avevamo il 'nascondiglio segreto' con il 'passaggio segreto'.
Noi, che giocavamo a nomi-cose-animali-città.
Noi, che ci divertivamo anche facendo Strega-comanda-colori.

Noi, che ci mancavano sempre 4 figurine per finire l'album Panini (celò, celò, celò, celò, celò, celò, mi manca!).
Noi, che suonavamo al campanello per chiedere se c'era l'amico in casa, ma che a quelli degli altri suonavamo e poi scappavamo.

Noi, che compravamo dal fornaio pizza bianca e mortadella per 100 £ire (= € 0,050!) e non andavamo dal dietologo per problemi di sovrappeso, perché stavamo sempre in giro a giocare.

Noi, che bevevamo acqua dalle fontanelle dei giardini, non dalla bottiglia PET della minerale ed un gelato costava 50 £ire (pari a € 0,025!).

Noi, che le cassette se le mangiava il mangianastri, e ci toccava riavvolgere il nastro con la Bic.

Noi, che sentivamo la musica nei mangiadischi sui 45 giri vinile
(non nell’Ipod) e adesso se ne vedi uno in un negozio di modernariato tuo figlio ti chiede cos'è.

Noi, che al cinema usciva un cartone animato ogni 10 anni e vedevi sempre gli stessi tre o quattro e solo di Disney.

Noi, che non avevamo cellulari (c’erano le cabine SIP per telefonare) e nessuno poteva rintracciarci, ma tanto eravamo sicuri anche ai giardinetti.

Noi, che giocavamo a pallone in mezzo alla strada con l'unico obbligo di rientrare prima del tramonto.

Noi, che trascorrevamo ore a costruirci carretti per lanciarci poi senza freni, finendo inevitabilmente in fossi e cespugli.
Noi, che ci sbucciavamo il ginocchio, ci mettevamo il mercurio cromo, e più era rosso più eri fico.

Noi, che giocavamo con sassi e legni, palline e carte.
Noi, che le barzellette erano Pierino, il fantasma formaggino o c’è un francese-un tedesco-un italiano.
Noi, che c'era la Polaroid e aspettavi che si vedesse la foto.
Noi, che la Barbie aveva le gambe rigide.

Noi, che l'unica merendina era il Buondì Motta e mangiavamo solo i chicchi di zucchero sopra la glassa.
Noi, che il 1° Novembre era 'Ognissanti', mica Halloween.
Noi, che il Raider faceva concorrenza al Mars.

Noi, che a scuola le caramelle costavano 5 £ire.
Noi, che si suonava la pianola Bontempi.
Noi, che la Ferrari era Lauda e Alboreto, la McLaren Prost , la Williams Mansell , la Lotus Senna e Piquet e la Benetton Nannini e la Tyrrel a 6 ruote!

Noi, che la penitenza era 'dire-fare-baciare-lettera-testamento'.
Noi, che ci emozionavamo per un bacio su una guancia.
Noi, che il Ciao e il Boxer si accendevano pedalando.


Noi, che nei mercatini dell'antiquariato troviamo i giocattoli di quando eravamo piccoli e diciamo "guarda! te lo ricordi?" e poi sentiamo un nodo in gola.

Noi, che siamo ancora qui e certe cose le abbiamo dimenticate e sorridiamo quando ce le ricordiamo.

Noi, che vivevamo negli anni di piombo, in mezzo ad inaudite violenze per lotte sociali e di classe.

Noi, che votavamo per i partiti della 1° Repubblica: MSI, DC, PRI, PLI, PSI, PCI, e non per 70 diversi gruppi dai nomi fantasiosi.
Noi, che trovammo lavoro tutti e subito.


......... noi, che siamo stati tutte queste cose e tanto altro ancora.


Questa è la nostra storia; una storia molto più semplice e semplicemente più bella … per non parlare poi del turismo, neh!





7 commenti:

B. C. ha detto...

Vintage che non tornerà ami più

Renata ha detto...

@Luciano


Ti amo

Renata

:)

vinc ha detto...

Pizzaballa, a me mancava sempre quel Pizzaballa

il portiere della juventus



sergio cusumano ha detto...

@Vincenzo


A me Malatrasi del Palermo

Bel revival tutto italiano

sergio cusumano ha detto...

Sul turismo sarebbe bene farne un vintage per i posteri

:-D

Jennaro ha detto...

Luciano,

quanti ragazzi per strada c'erano a quei tempi con sbucciature varie alle gambe, alle braccia, ed anche al volto? ... E quanti ne vedi in giro oggi? ...

Oltre al gioco meno pericoloso che consisteva nel fare girare per più tempo possibile il famoso "strummolo", allora si "pazziava" con il cosiddetto "carruocciolo", autocostruito con una tavola di legno e quattro ruote, per lo più, vecchi cuscinetti a sfera. I due anteriori su asse girevole. Ognuno trascinava il proprio carruocciolo per chilometri su una strada in salita per poi montarci sopra e ridiscendere di corsa in gara a chi arrivava per prima. Se non si ruzzolava per decine di metri sui lastrici in pietra vesuviana, procurandosi escoriazioni multiple, a volte c'era la mamma ad attenderci al traguardo ... per il premio in "lesioni quasi permanenti"... :-D

Luciano Ardoino ha detto...

@Jennaro

Noi usavamo i cartoni a mo di bob, e poi giù per i pendii delle colline adiacenti alla mia città.

Due o tre corse poiché dopo i cartoni diventavano un buco completo.
E allora di corsa a cercare degli altri cartoni.
Fantastico