giovedì 21 aprile 2011

Habemus pippam

La loffia (Lycoperdon perlatum) è un fungo di un’insignificanza senza pari e gli esperti del settore lo danno come commestibile quando questi è ancora in giovane età.
Però nessuno se lo fila e solitamente quando lo s’incontra, il funghetto che cresce in famigliole, è perennemente soggetto al calcione del fungaiolo che passa di là, con susseguente ed infelice imprecazione.
In età avanzata, la loffia, a seguito del calcio ben assestato, si spacca ed emette una nuvoletta nera che invero dà almeno quel po’ di soddisfazione.
Diciamo un soggetto che non procura di certo un’appagata visione e che praticamente non serve a un tubo.
Ora non so il perché vi abbia raccontato ‘sta cosa, ma è la prima che m’è venuta in mente dopo aver letto le “magnifiche” e rivelatrici dichiarazioni della Michela Brambilla avvenute durante gli Stati Generali del turismo in Lombardia.
Dove la ministra c’informa, tra le “loffie” a cui c’ha abituato da tempo, che il nostro rapporto qualità/prezzo nel settore del turismo è vincente.
Ma come (?), se non sbaglio la ministra ha sempre detto l’opposto e di esempi (le sue dichiarazioni) sul web ce né a iosa.
Come non mancano le statistiche dei vari esaminatori mondiali di ‘ste cosette, e che dicono che in questo particolare rapporto siamo abbastanza deficienti.
Anche se non ce n’è tanto di bisogno l’andare a cercarle e leggerle; basta guardarci un po’ in giro e … chi non lo sa?                          
Forse che il mensile “ritrovo” che ha col B. Bocca, che poi è l’unico in Italia a sostenere che questo rendiconto nel BelPaese esiste ed è produttivo, abbia influito sulle “logiche illogiche” della Brambilla?
Beh, in questo caso adesso, da uno sono diventati due, che comparati ai rimanenti 60 milioni di italiani non è che facciano un gran bella percentuale; neanche se dovessero spuntarne dei pochi altri, di così sapienti e professoroni.
Comunque, nella stessa riunione, ci rendono noto che i turisti stranieri (in Lombardia) hanno superato quelli italiani.
Beh, ad onor del vero si legge che è da mo’ che questo accadeva e precisamente dal 1998 (+58%), dove a quei tempi della Brambilla (e per fortuna) non si sentiva ancora parlare.
Quindi è inutile prendersi certi meriti attraverso il “buon” lavoro dell’Enit, anche perché si deduce che in una riunione degli Stati Generali del turismo lombarda, la cosa sia abbastanza risaputa … almeno si spera.
Segue poi, nelle annunciatrici spiegazioni del ministro, che l’Italia non sarà mai il Paese più economico perché è il più bello; che sarebbe praticamente a dire che dobbiamo scordarci che qui da noi le tasse del turismo non potranno mai essere portate ai livelli europei; come invece sosteneva con grande fervore e altrettanta enfasi, qualche tempo fa.
E se qualcuno, allora, c’aveva creduto; ebbene, eccolo servito di un bel piatto di “loffie anziane”, di quelle da prendere a calci.
Dice poi che il turismo straniero, è aumentato del 5% nelle città d’arte (?), ridimensionando quel 5% che sosteneva, non troppo tempo fa, essere aumentato per tutti i comparti del turismo nazionale.
Eh si, poi sono arrivati i dati della Banca d’Italia e la “loffia” non s’è più potuta dire; quindi meglio limitarla ad un solo settore … le città d’arte.
Dulcis in fundo sostiene che la sua non è una ricetta da libro dei sogni, ma che ha già portato dati positivi nel 2010.
Quali (?), buonanotte, sogni d’oro e non prendete a calci le “loffie”, perché dalle loro spore potrebbero nascere delle altre “loffie” e quelle che ci sono, bastano e c’avanzano pure.
Ah dimenticavo di dire che la parola loffia (Lycoperdon perlatum) deriva dal latino e vuol dire “peto di lupo”.
Sarà un caso?

10 commenti:

vinc ha detto...

Il ministro per il Turismo Michela Vittoria Brambilla, mentre stava lasciando l’Harry’s bar di Roma, se l’è vista brutta, complice un tacco di quindici centimetri. Una caduta rovinosa e si è ritrovata per terra sull’uscio del locale in pochi secondi. Immediato l’intervento degli assistenti, che hanno provveduto ad applicarle borse di ghiaccio.

Io ce l'avrei lasciata

;-)

Anonimo ha detto...

Ha ha ha, fantastico


:-D

sergio cusumano ha detto...

Continua ad appropriarsi '''involontariamente''' dei risultati degli altri.
La Lombradia ha più stranieri esteri che nazionali e va a finire che in fondo al discorso ci mette l'enit.
Pubblicità occulta?
;-)

Anonimo ha detto...

15 cm di tacco?
E dove vuole arrivare?

B. C.

vinc ha detto...

Leggetevi un po questo

"Il periodo pasquale rappresenta un test importante per l'avvio della stagione turistica estiva in Italia, ormai alle porte, che quest'anno potrà godere anche di un ricco calendario di eventi programmato in occasione della ricorrenza del 150° anniversario dell' Unità d'Italia. Un valore aggiunto non solo per Torino ed il Piemonte, ma per tante altre località che sono state protagoniste del processo unitario". Lo ha detto Matteo Marzotto, presidente dell'Enit, commentando i risultati del monitoraggio effettuato nei paesi dove è presente l'Agenzia.
"I segnali positivi che ci arrivano per Pasqua - aggiunge Paolo Rubini, direttore generale Enit - ci confortano sul lavoro che stiamo facendo e sulle iniziative che abbiamo messo in campo per incrementare ulteriormente il nostro appeal turistico internazionale. Stiamo operando in termini di Club di prodotto, curando strategie di segmentazione della domanda internazionale e confezionamento di un'offerta nazionale, coerente e personalizzata. Abbiamo accantonato la generica promozione dell'Italia privilegiando invece una selettiva strategia di promozione per mercato, segmento di clientela e canale distributivo. I risultati ci diranno se abbiamo avuto ragione".

http://www.travelnostop.com/NEWS_dettaglio.php?idArticolo=85753

Luciano Ardoino ha detto...

... i segnali positivi che ci arrivano per Pasqua - aggiunge Paolo Rubini, direttore generale Enit - ci confortano sul lavoro che stiamo facendo e sulle iniziative che abbiamo messo in campo per incrementare ulteriormente il nostro appeal turistico internazionale...

Peccato che questi "segnali" li ha ricevuti solo lui e il Marzotto.
La realtà è ben diversa a quanto sembra dalle statistiche del Bocca e dalle mie personali, che ovviamente contano meno dello loro che stanno più in alto.
Non sia mai detto.
;-)

vinc ha detto...

eccovi l'ultima in ordine di apparizione

TURISMO, BRAMBILLA: "OTTIMO A PASQUA L’AFFLUSSO DI STRANIERI. 8 MILIONI DI ITALIANI IN VACANZA"

Ma Bocca lo sa?

Luciano Ardoino ha detto...

@Vincenzo

Emmepareva strano.
Bocca?

Vuoi scommettere che se ne starà zitto zitto nonostante i suoi dati abbiano detto l'opposto?
;-)

Sabaudo ha detto...

Bocca sta valutando i pro ed i contro (a proposito...quanto peserà il posto all'Enit?) della sua eventuale dichiarazione in merito.
Di solito in queste occasioni dà un colpo al cerchio ed uno alla botte, ovvero si lamenta dell'andamento generale ma per le feste ed i ponti parla di "boccata d'ossigeno".

Luciano Ardoino ha detto...

@Sabaudo

Stavo appunto scrivendo della dichiarazione del Bocca in merito alle vacanze pasquali che "combinazione" non combaciano con quelle appena uscite dalla "bocca" della Brambilla.
Che strano, no?
Cerchio e botte, cerchio e botte....

;-)