domenica 11 novembre 2012

Turismo Genova: pochi aerei all'aeroporto, ma tanti consiglieri regionali che "volano"


Il consigliere regionale Raffaella della Bianca che è stata eletta con una miriade di voti, dice che l'aeroporto di Genova ... ma questo lo vediamo dopo.

Prima ...

... non ho mai creduto molto nella validità dei voti di preferenza che eleggono i consiglieri regionali, ma anche per quanto riguarda quelli provinciali e comunali.
E di esempi ne ho a iosa.

Non ultimo questo, e vale a dire la rielezione a consigliere regionale di tal Gianni Plinio, che pur riuscendo a fare un quinquennio disastroso come assessore regionale al turismo, mentre tutte le altre Regioni italiane andavano a mille (presenze turistiche), è stato rieletto con un quantitativo industriale di preferenze.

Molte delle informazioni che pervengono a loro (ai consiglieri), sono dovute a delle ricerche giornalistiche, seppur queste informazioni dovrebbero derivare dal lavoro (se così si può dire), dalle disamine o dalle discussioni che avvengono nella giunta regionale.
Come a dire che in giunta non se ne accorgono, mentre se poi le leggono sui giornali o le odono sulle TV, ecco che all’improvviso diventano dei grandi saccenti della materia, sfornando così una miriade di interpellanze e discussioni che ovviamente non portano ad un bel tubo di niente.
Con la conseguente figura di ... vabbé, avete capito.
Solo per rompere le balle o per far vedere che qualcosa in verità fanno?

C’è chi dice che sia proprio così!

Comunque sia, non troppi anni fa, un altro consigliere della Regione Liguria super votato con le preferenze, tal Matteo Rosso, ebbe la grande genialata di accorgersi attraverso la TV nazionale, che nella sua Regione erano stati stanziati ben 179.000 euro per la salvaguardia dell’Ululone … leggere qui per farsi le due classiche risate e anche qualcosa di più.
Come a dire: “Che cippa ci sta a fare là seduto, se poi le informazioni di ciò che succede in Regione le riceve dalle TV?”.
Bontà sua.

E adesso tocca ad un'altro super eletto, la Raffaella della Bianca (all’opposizione tra le file dei Riformisti italiani), che leggendo le pagine de Il Giornale a firma Diego Pistacchi (sez. di Genova), s’accorge all’improvviso che …: Vorrei spiegazioni chiare ed esaustive da parte della giunta sul perché l'aeroporto Colombo abbia perso le compagnie low cost (Blu Panorama e Ryanair), abbia raddoppiato i prezzi dei voli Genova-Roma, proseguendo in una politica inerte, che invece di valorizzare il nostro territorio a livello turistico, lo penalizza sempre più pesantemente», scrive la consigliera che fa presente proprio di aver preso spunto «dall'articolo de Il Giornale di Genova, in cui veniva evidenziato il fatto gravissimo che in un solo anno, dalla fine del 2011 ad oggi, volare dal capoluogo ligure a Roma costa il doppio».

Quindi per lei la colpa è di Angelo Berlangieri, l'assessore al turismo di questa Regione.
Ma per piacere!

In aiuto di lei (la Della Bianca), arriva il direttore generale dell’aeroporto che lamenta lo scarso interessamento dei preposti della Regione per la promozione turistica.
E manco a dirlo, riappare l’esempio con l’aeroporto di Pisa.

Beh, che dire?
Ignoranza e null’altro che ignoranza!
Nel senso di ignorare completamente addirittura che l’aeroporto di Genova non è sotto la patria podestà della Regione, bensì in quella comunale, e la Della Bianca è stata per ben due mandati, prima d’approdare al consiglio regionale, in quello comunale e provinciale (10 anni e non noccioline).
Infatti l’aeroporto in questione è di proprietà al 60% del Porto di Genova (Comune), al 25% della Camera di Commercio e il restante 15% è di Aeroporti Roma, mentre la Regione Liguria non c’entra per una benemerita cippa.

Pisa?

Beh, la Regione Toscana, proprio lo scorso marzo 2012 è diventata proprietaria del 5% (4 mln e 800mila euro) dell’Aeroporto di Pisa per poter avere la possibilità di sedersi nel cda di Adf (Cassa di Risparmio di Firenze, Premafin finanziaria Spa, Sagat di Torino, Comune, Camere di commercio di Firenze e Prato, Sogim Spa.).
A cedere la quota è stata la MPS, dopo innumerevoli tentativi andati a vuoto con la Camera di Commercio e la Cassa di Risparmio.
Ci sarebbe anche da dire che questo aeroporto è sempre stato gestito in maniera completamente differente da quello di Genova, infatti a capo c’è una società formata anche da piccoli azionisti che corrisponde al nome di Società Aeroporto Toscano (S.A.T) Galileo Galilei S.p.A, e i risultati si sono visti.
Basti pensare che da quando è nata, questa società ha sempre incrementato le presenze viaggianti, anno dopo anno, mentre l’Aeroporto di Genova … meglio soprassedere.

In questi casi, la Regione Liguria può al massimo convogliare qualche stanziamento in aiuto dell’aeroporto come già accaduto in passato.
E tra non molto dovrebbero appunto arrivare all'Aeroporto di Genova, oltre un mln e mezzo di euro dalla Regione Liguria (non ricordo la cifra esatta) “liberati” dal Governo attuale.

Morale della favola?
O è una favola della morale?

P. S.:  E non vorrei perdermi per nessuna ragione al mondo il momento che la signora Raffaella della Bianca presenterà quell'interrogazione a risposta immediata.
Giusto per ridere un po', né.





2 commenti:

Jennaro ha detto...

Tu pensi che la "Raffaella" abbia sbagliato indirizzo?

Uomo di malafede ... Può darsi che Ella abbia scritto semplicemente per avere dei buoni consigli dal Berlangieri ...

:-)

Luciano Ardoino ha detto...

@Jennaro

Si sa che la gente da' buoni consigli
sentendosi come Gesù nel tempio
si sa che la gente da' buoni consigli
se non può dare cattivo esempio.
Così una vecchia mai stata moglie
senza mai figli, senza più voglie
si prese la briga e di certo il gusto
di dare a tutte il consiglio giusto.

Bocca di Rosa di Fabrizio De Andrè

;-)