martedì 9 agosto 2011

Io destagionalizzo ... tu no

CHI NON SE LO FILA
Ne avessi sentito o letto uno tra tutti i 20 assessori regionali italiani, ma che dico (?) anche mezzo mi sarebbe bastato.
Un quarto che avesse speso una pur piccola parola di ringraziamento per il “Destagionalizzatore” del Paolo Rubini, o se preferite, dell’Agenzia di promozione dell’immagine unitaria del turismo italiano com’è invece scritto qui … niente e neanche per caso.
Oltretutto non è la stessa cosa (?), visto che il Rubini è il GM dell’Enit e che è appunto l’Agenzia Nazionale del Turismo che promuove l'immagine unitaria dell'offerta turistica italiana e ne favorisce la commercializzazione?
Vabbè sorvoliamo, c’è gente che pensa più a ‘ste s … ottigliezze che a quello che serve.
Comunque sia, nessuno se l’è filato ‘sto destaequalcos’altro, fors’anche perché probabilmente non serve ad una benemerita mazza e quindi neanche uno, almeno mezzo o solo un quarto, se l’è sentita di passare per sc … iocco a definirne le possibili utilità.

CHI SE LO FILA (ATTO 1°)
Però a tesserne le lodi c’ha pensato Domenico Esposito che sul suo Agora Magazine scrive così: “… vi è poi da dire che l’Agenzia medesima è andata oltre il semplice richiamo al meccanismo evocato dal sostantivo “destagionalizzazione”. Che in statistica e in economia, significa eliminare (utilizzando medie mobili o altre opportune procedure di calcolo) dai dati grezzi relativi all’andamento nel tempo di un determinato fenomeno gli effetti prodotti su di esso da fattori stagionali ricorrenti (come, per esempio nella bilancia dei pagamenti, il maggiore gettito monetario dovuto al turismo estivo)”.

COSA NE PENSO (ATTO 1°)
Eh, e che vuol dì?

CHI SE LO FILA (ATTO 2°)
Per poi continuare con: “…occorre smetterla di blaterare che bisogna destagionalizzare. Quasi a significare: noi, operatori dell’ospitalità, siamo qui tutto l’anno. Voi, turisti, datevi da fare e mettetevi d’accordo sui periodi di ferie da trascorrere presso di noi. Il destagionalizzatore ha spazzato ogni presunzione che finora ha rimproverato ai turisti l’abitudine di concentrare le vacanze nell’unica stagione estiva. Si sa – ora – che l’Agenzia ha messo a punto lo “strumento”, cui gli operatori dell’ospitalità accorti hanno la facoltà di attingere le nozioni per poi programmare essi medesimi le campagne di pubblicizzazione del proprio prodotto “turismo”.

COSA NE PENSO (ATTO 2°)
Ma dico, che è?

CHI SE LO FILA (ATTO 3°)
Infine il Domenico Esposito che non deve neanche essere di primo pelo poiché fu vicecorrispondente da Taranto già dal 1950 al 1956 per Il Messaggero, finisce con: “Sarà anche bene che gli operatori sullodati si affrettino ad imparare a consultare il sito internet dell’Agenzia, www.enit.it, dotato del “destagionalizzatore”, messo a punto – è stato chiarito – dopo più di 12 mesi di lavoro, “che focalizza, in ogni mese dell’anno e per ogni Regione italiana, i mercati stranieri che esprimono significativi flussi di turismo verso l’estero e che richiedono prodotti turistici idonei ad essere soddisfatti con l’offerta regionale”.
Infine, sarà bene tenere presente che l’Agenzia ha potuto rilevare come “la stagionalità dei flussi turistici rappresenta uno degli elementi che rendono meno solido lo sviluppo della nostra offerta nazionale e meno concorrenziale il nostro rapporto qualità/prezzo”. Motivo non ultimo per imparare presto a sfruttare il Progetto”.

COSA NE PENSO (ATTO 3°)
A parte il “sullodati” che non è proprio il caso, e che a volte è meglio parlare (in questo caso, scrivere) come si mangia poiché il risultato è sicuramente migliore; ma questo signore (il giornalista) ha mai provato a fare un click sul link del destagionalizzatore (vedi qui) per vedere il grande successo che l’è?
E può forse pensare che tutte queste belle informazioni che questo dà o dovrebbe dare (naturalmente spiegate un po’ meglio che non lì), non siano già di pertinenza di tutti gli assessori regionali?
Ma veramente si crede che questi siano così sc … iocchi?
Si vabbè, non è che in questi assessorati giri tanta e tanta sapienza nel saper risolvere quei problemi del turismo che ci trasciniamo da decadi, ma perdiana, pensarla in questa maniera così.
E gentile (spero) “sullodato” autore del fondo; suvvia, la prego, prima s’accerti, poi scriva.
Perché è comprensibile sbagliare, chi non lo fa, ma non di certo in queste semplici cose.
La destagionalizzazione?
L’unico che c’è riuscito (al mondo) l’ha fatto nel 2001, poi più niente, neanche copiato o per sbaglio, e questo nonostante ...

5 commenti:

vinc ha detto...

@Luciano

He he, sono spariti gli anonimi, e anche questa volta ...

;-)

Luciano Ardoino ha detto...

@Vincenzo


;-)

Anonimo ha detto...

se cercate me, eccomi qua, e che ogni tanto c'è pure qualcosa di meglio da fare ;) vedi nipoti:)

io dico, basta con i privilegi e avanti con i meriti e la meritocrazia, e basta con le rendite e avanti a chi ha più voglia e sa fare di più, togliere a chi ha di più, io dico

video caricato credo da lei o forse da suo omonino
http://www.youtube.com/user/lucianoardoino#p/a/u/1/cKFrwG0dKZ8


certo, io dico, se questi sono i risultati...se questa è meritocrazia....help!!!!I need somebody!!!

però, chissà, non è forse per il destagionalizzatore, frullatore dei dati incoming, che in Emilia gli alberghi sono pieni a metà? e Vasco si deprime?

Vasco, tranquillo, con il destagionalizzator a gennaio e febbraio prossimo le spiagge italiane saranno piene di turisti, soprattutto area Bric e tutto il merito è degli uomini della meritocrazia.....

ma mi faccia il piacere!!!!!

e mi riaggancio ad un mio commento, forse già postato qui, e forse pure cancellato, dovevo dicevo: ma siamo proprio sicuri che le leve dell'incoming oggi, nella nebulosa organizzazione generale del turismo le decide un ufficio del turismo o forse serve una regolamentazione chiave che sblocchi finalmente il sistema turistico italiano?

ho letto sul Sole24Ore che una delle proposte sul tavolo governativo sia l'aumento dell'IVA anche per ristorazione e servizi turistici....questa si che è volontà di far ripartire l'economia....e la Borsa....

l'Italia è il Paese degli 8.000 e passa campanili....o finalmente finiranno di suonare le campane ovunque o so' ....

io comunque sono un nostalgico dei tempi andati ed allora beccatevi questa e buona giornata a tutti con i piaceri veri della nostra vita e....fuoco alle borse.... scherzo

http://www.youtube.com/watch?v=a85sWyBCP5U

Buon Ferragosto a tutti

ps Luciano, com'è finita la sua anticipata ricerca sulle assunzioni di figli di notabili di Imperia in quelle società di promozione pubblica, mi sembra promozione Italia? se vero, sarà l'unico?

PS due, per il destagionalizzator, ho provato ad entrare nel frullatore, ma sarà l'età, mi sono annoiato subito e sono d'un baleno uscito

PS 3, ci parlava di numeri positivi del flusso turistico in Italia, q quando questi dati che salverebbero a suo dire la meritocrazia di cui sopra?

PS 4, credo che ci stiano pensando a napoli e dintorni

PS 5 quando uscirà la PS 5 in Italia, i miei nipoti mi stanno tormentando con questa play station, ed ho promesso di comprargliela subito

PS 6, visti tutti questi esempi negativi, sempre per il benchmarking insegnatomi dalla mia cara nonna, mi date esempi di promozione turistica positiva? può essere vero che è tutto da buttare? tutta l'Italia è meritocratica? Non ci credo

PS 7, grazie a chi mi risponderà sulla PS 5, è urgente

Luciano Ardoino ha detto...

@anonimo

Buongiorno, diciamo che capita a fagiolo, infatti ieri sera ho ricevuto l'informazione che aspettavo dal Giappone.

E volevo usare questa informazione per "aiutare" i nostri amici dell'Enit.
Premetto che questo blog, nonostante le critiche e checcesenedica vuole (si spera) essere un aiuto "costruttivo" a quei signori.
Poi se mi/ci odiano, pazienza, non sono problemi miei. Io non ho la stessa opinione nei loro confronti, per niente.
E così mi auguro faccia lei vs MM PR BB ( però non la MVB) e via con tutte le sigle del mondo.
Comunque parlando di cose più serie oggi, tempo permettendo, cercherò appunto di parlare della vera destagionalizzazione con un esempio semplice semplice, ma che ahimè ...
Inutile dirle che le cose importanti le tengo per me, mi perdoni; chissà mai che non torni a lavorare all'estero (in verità lo faccio ancora ma dall'Italia) e dove la MERITOCRAZIA è forse più seguita, e poi sei ascoltato e seguito per quello che sai e che riesci a produrre e non perchè perchè perchè.
Comunque a tra un pò.
P.S.: Ho grandi problemi per risponderle al quesito che più le sta a cuore: la play station.
Non ne capisco una mazza di 'ste cose, peccato ma sto bene anche senza.

vinc ha detto...

E vai, finalmente anchio sono d'aiuto a qualcuno.

http://it.playstation.com/

Qui ci sono tutte le novità della play station, me l'ha detto mio figlio e in queste cose è un campione.
Ma è davvero la cosa che preme di più?

Mah?