venerdì 20 luglio 2012

Qualcuno ha "trippato" Piero Gnudi di qualche miliardo di euro


Il ministro del turismo eccetera eccetera Piero Gnudi ancora non riesce a capire il come (ma manco il cosa) possa essere successo.
Però qualcuno deve avergli detto che gli hanno “bruciato” qualche miliardo di euro.
E i suoi collaboratori?
… ne sanno ancor meno di lui (a parte uno).

Comunque il Gnudi, leggendo (?) il decreto sulla spending review sulla Gazzetta Ufficiale ha scoperto che con un solo colpo di gomma ben assestato gli è stato cancellato il Pore (Progetto Opportunità per le Regioni in Europa).

Il Pore fu voluto dal suo predecessore alle Regioni Raffaele Fitto, per gestire una pugno di miliardi di euro di Bruxelles a favore delle attività di rilancio dell'innovazione e lo sviluppo nelle Regioni del Sud.
Nato nel 2004, il Pore era composto da una trentina di funzionari di diverse amministrazioni, e circa un terzo dirigenti pubblici più qualche esperto nominato ad hoc.

Il taglio è avvenuto per colpa o merito di Antonio Catricalà d'intesa (si dice) con il ministro Fabrizio Barca che aveva da tempo adocchiato il gruzzoletto.
E con la compiacenza del capo dipartimento dello stesso ministero di Gnudi, Calogero Mauceri, che guarda caso è stato inserito lì da Catricalà stesso e soprattutto dall'ex sottosegretario Carlo Malinconico.

Mauceri è da sempre dirigente di Palazzo Chigi ed era salito agli onori delle cronache perché procurava a Malinconico le prenotazioni al Pellicano a spese del costruttore Piscicelli … quello della cricca di Balducci.

Alla notizia della soppressione si è immediatamente dimesso Ernesto Somma, coordinatore del Pore, economista di Maglie (Puglia), messo lì da Fitto qualche anno fa.
Gnudi non ha digerito il colpo di gomma e promette vendette contro i suoi collaboratori e contro Catricalá.
Ma c'è ben poco da fare.
Poi qualcuno malignamente sussurra che lo stesso commercialista di Bologna si è accorto di avere nel suo dipartimento il Pore solo dopo la sua soppressione.
E i miliardi di euro rimangono non spesi, come la maggior parte dei fondi europei.

Alla faccia dello sviluppo e del turismo al Sud.







Fonte: Dagospia


5 commenti:

vinc ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
vinc ha detto...

Lo sapevo che alla fine ti prendevi la brambillite



;-)

Luciano Ardoino ha detto...

@Vincenzo

in quanto a "palle" la Brambilla è inavvicinabile.
Altro che tredici col riporto di tre.


;-)

Luciano Ardoino ha detto...

@Frap

Ma in Italia si può prendere un dirigente, nominarlo vice GM nello stesso ente e non aumentargli lo stipendio?

Anonimo ha detto...

Il ministro Piero Gnudi ancora non si capacita di come possa essere avvenuto. E nessuno tra i suoi collaboratori sa dargli risposte chiare. Proprio ieri, leggendo il decreto sulla spending review sulla Gazzetta Ufficiale ha scoperto che con un colpo di penna gli è stato cancellato il Pore, Progetto Opportunità per le Regioni in Europa (www.pore.it), voluto dal suo predecessore Raffaele Fitto, per gestire una manciata di miliardi di euro di Bruxelles a favore di attività di rilancio dell'innovazione e lo sviluppo nelle Regioni del Sud.I CATRICALA Nato nel 2004, il Pore era formato da una trentina di funzionari di diverse amministrazioni, di cui circa un terzo dirigenti pubblici più qualche esperto nominato ad hoc. La scure è stata calata da Antonio Catricalà d'intesa con il ministro Fabrizio Barca che aveva da tempo messo gli occhi sul gruzzoletto, con la compiacenza del capo dipartimento dello stesso ministero di Gnudi, Calogero Mauceri, messo lì da Catricalà stesso e soprattutto dall'ex sottosegretario Carlo Malinconico.FABRIZIO BARCA Mauceri da sempre dirigente di Palazzo Chigi era salito agli onori delle cronache perché procurava a Malinconico le prenotazioni al Pellicano a spese del costruttore Piscicelli, della cricca di Balducci. Alla notizia della soppressione si è immediatamente dimesso Ernesto Somma, coordinatore del Pore, economista Pugliese di Maglie, messo lì da Fitto qualche anno fa. Gnudi non ha digerito il colpo di mano e promette vendette contro i suoi collaboratori e contro Catricalá, ma c'è ben poco da fare. E qualcuno malignamente sussurra che lo stesso commercialista di Bologna si è accorto di avere nel suo dipartimento il Pore solo dopo la sua soppressione. E i miliardi di euro rimangono non spesi, come la maggior parte dei fondi europei. Alla faccia dello sviluppo.