mercoledì 11 luglio 2012

Turismo Terza età in calo. La metà degli over 64 resterà a casa

5 commenti:

Gianni ha detto...

E' un massacro

B. C. ha detto...

Però


Il governo spagnolo ha incrementato le tasse aeroportuali. Il tasso varia da scalo a scalo, ma si attesta in media sul 18%. Negli aeroporti principali, come ad esempio Madrid-Barajas e Barcellona-El Prat, si parla invece di oltre il 100% in più. Alcune compagnie aeree, come Ryanair e Vueling, hanno chiesto ai propri passeggeri di pagare la differenza per i voli successivi al 1° luglio, anche se i loro biglietti sono stati prenotati mesi prima. Altre, come British Airways ed Iberia, stanno invece riflettendo sulla possibilità di assorbire questo costo extra senza alcun ricarico sui clienti.

B. C. ha detto...

Che mossa faranno per risolvere questo problema di non poco conto?

Duro colpo per i flussi turistici tra Stati Uniti e Italia a partire dal prossimo autunno, sia a livello incoming che outgoing.
L'orario invernale porta infatti un'amara novità nei voli tra Roma e New York, che verrà operato soltanto da Alitalia. I piani di riduzione dei costi messi a punto per il prossimo inverno da parte delle compagnie statunitensi ha infatti colpito anche i voli transatlantici e quelli sulla Penisola in particolare.

American e United sospenderanno il servizio a partire da ottobre e opereranno i collegamenti attraverso gli hub europei di Londra o Madrid in connessione con le compagnie partner in oneworld, mentre United proporrà il collegamento in continuazione da Washington, dove atterrerà il volo dalla Capitale.

Delta Air Lines effettuerà la tratta solamente in code sharing con Alitalia, ma il volo vero e proprio verrà operato da Az. Un solo volo, ma su Philadelphia, infine, per Us Airways, che sospenderà anche lo stagionale Roma-Charlotte.

vinc ha detto...

Oh questa poi


http://www.bookingblog.com/expedia-contravviene-alla-parity-offre-sconti-senza-interpellare-gli-hotel/#more-5213

Luciano Ardoino ha detto...

Di male in peggio


:(