domenica 2 dicembre 2012

Il BTO 2012 m'ha lasciato soltanto una voglia di pioggia ... pazienza, me ne farò una ragione


Vanno 
vengono 
ogni tanto si fermano 
e quando si fermano 
sono nere come il corvo 
sembra che ti guardano con malocchio 

Statistiche antiche come l’orologio a cucù sostengono che il viaggio e l’accoglienza siano le maggiori causali che poi definiranno il gradimento degli eventuali visitatori o turisti.
Una grande verità e che si chiama qualità.

Beh, allora immaginiamo di arrivare in un albergo, in una convention o in un diavolo di posto che si preferisce, e proviamo ad essere sballottati (seppur ben pagante) da una parte all’altra della reception per la bellezza di otto minuti …

Chiaro che in questi casi, anche senza l’uso o la conoscenza delle statistiche sopra citate (non tutti le sanno, ma si presume che quelli del BTO 2.0 ne dovrebbero essere al corrente), molta gente corre al pensiero del vecchio detto che “chi ben inizia è già a metà dell’opera”, e di conseguenza anche l'opposto.
E lo fa autonomamente senza neanche pensarci più di quel tanto.
Infatti m’accadde !

Poi se all’ingresso non trovi nessuno che ti sbrighi i fili di quella matassa che dopotutto non è manco la tua, nel senso che non sei stato tu a crearne l’intreccio ma la poca esperienza dei preposti, ecco che immediatamente (anche se non sei del mestiere … se poi lo sei, credetemi, è anche peggio) ti vengono subito in mente quelle presenze manageriali o organizzative che dovrebbero esserci, ma che invero presenti non erano, e che in un battibaleno avrebbero sciolto il nodo o i nodi.
Forse che per gli organizzatori sarebbe stata una gran fatica alternarsi nei pressi, vero?
E magari vedere dal vivo chi viene, chi va e … ma non vorrei chiedere troppo, neh.

Certe volte sono bianche 
e corrono 
e prendono la forma dell'airone 
o della pecora 
o di qualche altra bestia 
ma questo lo vedono meglio i bambini 
che giocano a corrergli dietro per tanti metri 

Eh si, perché se dopo pochi metri ti rendi conto che il tuo PC o altro, abbisogna di un po’ di corrente elettrica per riprendere il suo lavoro … cippa, di prese o ciabatte non ce n’è.
Sono sfigato, non ci vedo una mazza o non ce ne sono davvero?
Non ce ne sono davvero!
E a quanto sembra c’erano addirittura dei problemi con la connessione (wi-fi) che per il caso è tutto un bel dire.

Poi se cercavi una sedia per riposarti un attimo tra un pannello e l’altro, in considerazione del fatto che molti dei presenti se li dovevano sorbire in piedi (sale piene), al massimo potevi trovare dei pancali di legno (non levigati e in un solo salone) dove rischiavi anche di ferirti alle mani con scaglie di legno o di bucarti le braghe.

Certe volte ti avvisano con rumore 
prima di arrivare 
e la terra si trema 
e gli animali si stanno zitti 

Tutto sbagliato tutto da rifare però non ci pensa proprio di stare zitto (non sia mai detto) e ha “denunciato costruttivamente”, come sua abitudine, queste discrepanze.
Chissà mai che possano servir loro la prossima volta … anche se sono (dicono) reputate delle sciocchezze.

Ma nessuno di questi ha minimamente esaminato questi “mugugni”, limitandosi al tentativo di prendermi in giro e a scrivere banalità, nonché al fatto che possa essermi presentato al BTO prevenuto.
Ma per piacere!

Infatti in tutti i loro commenti non c'è nulla a spiegazione di quegli otto minuti, delle prese e sedie mancanti, del fatto che non esisteva un bar aperto e di quel caffé point, che nel periodo in cui è stato aperto, ha creato delle code pazzesche.

Naturalmente c'è dell'altro (buffet in piedi e bla bla bla), ma come detto, nessun commento in merito a questo.
E chissà se questi signori fanno a loro volta delle recensioni su TripAdvisor e compagnia bella, giudicando magari la qualità altrui?

Bontà loro!
Eppure solo due giorni prima avevo avvisato un responsabile del BTO che avrebbero potuto incappare in questi errori di qualità con il classico esempio della scatola di pelati, e che non si può programmare di vendere un prodotto se non si conosce bene il suo contenuto.

Chi è del mestiere solitamente capisce … e chi non lo è, se non lo capisce è perché non lo vuole.
Altrimenti è grave.

Vanno 
vengono 
per una vera 
mille sono finte 
e si mettono li tra noi e il cielo 
per lasciarci soltanto una voglia di pioggia. 

In poche parole se ne sono fregati di uno che s’aggira in quel settore (turismo) da 43 anni in quasi tutte le parti del mondo e con chissà quali risultati (fatti miei) … poi quella che con i 30 euri si debba mangiare per forza in piedi perché il tempo è di una sola ora … ma è mai possibile che siano bravissimi (F&B) anche nel lavoro altrui?

P.S.: Tutto quello che ho sentito nei pochi pannelli a cui sono stato presente, m’hanno riportato a cose che già avevo letto e sentito nel web e di persona, dal tempo che fu.
Sfiga mia?

That’s all … forse!
Anzi, non credo proprio.

… per lasciarmi soltanto una voglia di pioggia. (Fabrizio De Andrè)

Ah, dimenticavo; nel precedente post ho scritto solo ed unicamente del mio “mestiere” … la qualità nel turismo, e forse nessuno di loro se n’è accorto.
Speriamo lo facciano adesso.

Però, come sempre, c'è sempre qualcuno che dimostra più intelligenza di altri (ved. sotto) e anche se dovrebbe risultare una cosa normale ... complimenti Gian Luca Gozzo.





P. S.: E poi può anche essere che girovagando il pianeta qualcuno abbia visto e sentito qualcosa di meglio sul 2.0 , oppure per loro ciò non è possibile?

Campioni del mondo?


22 commenti:

vinc ha detto...

Ha ha ha, sto diventando famoso anch'io.

Mi hanno pubblicato su di un blog importante.

Hei, ma lo è veramente importante quel blog?

;-)

vinc ha detto...

@Luciano

Sei un GRANDE, ma credo che non lo capiranno che parlavi di qualità ricettiva.

sergio cusumano ha detto...

@Vinc

sapevo che primo o poi ci saresti riuscito.

:)

sergio cusumano ha detto...

@Luci

Anche se mi costa fatica dire che la penso come Vincenzo
sei un GRANDE per davvero.

:-D

Luciano Ardoino ha detto...

@Vinc e Sergio

Cheese

:)

frap1964 ha detto...

E basta con i sogni ! (rif. post R.V.)
Ora sei tu che dormi...
Ora il dolore... io lo conosco ;-)
Quello che mi dispiace
E' quel che imparo adesso :-)
Ognuno peeensa solo a sé stesso
...
Sceeeeeende la pioggia
ma che faaa
crolla il mondo addosso a te
...

Ora io non è che me ne intenda molto, ma una via di mezzo tra un buffet in piedi ed il servizio al tavolo non si poteva proprio trovare?
Tipo... non so... un buffet, ma anche i tavolini a cui sedersi e poter socializzare 1.0? Poi ti pigli il tuo bel vassoietto con tutti i resti della tua roba e li vai a scaricare in appositi bidoni come in qualsiasi fast food modello McQualcosa (eresia per un F&B general manager, lo so!!!), ma con opportuna separazione dei rifiuti che educare al riciclo non fa mai male? Basta scriverlo bello chiaro sul foglio che andremo a stendere sul vassoietto, pagato con opportuna pubblicità degli sponsor che comparirà sul foglio stesso.
Troppo complicato e poco 2.0 ?

@Luciano
ESIGO maggiori dettagli su 'sto benedetto buffet, ma giusto per valutarne la toscanità 2.0 (sono molto sensibile all'aspetto eno-gastronomico del travel). Gestire un ambaradan per 3245 persone non deve essere stato comunque proprio semplicissimo, neh ?! ;-))
A 30€ a cranio non deve essere stato nemmeno un business del tutto in perdita, a naso... (anche se non avranno mangiato tutti lì i fedelissimi del BTO, I presume).

In ogni caso risulta che BTOEducational avesse in carico il concept creativo ed il programma scientifico. Non so se si sia occupato pure di tutto il resto (dubiterei) altrimenti le "amorevoli cure" di Metropoli - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Firenze e Fondazione Sistema Toscana in cosa sarebbero consistite a parte sganciare un po' di soldi insieme agli sponsor?

Luciano Ardoino ha detto...

@Frap

Beh, in quanto alla tua richiesta, calcola che esistono un quantitativo industriale di Buffet, sia esso in piedi (poco presenti in situazioni di un certo rango) che seduti.
Poi ci sono dei derivati con diverse soluzioni.
Il tutto dipende dalla velocità che si vuole dare e occorre al servizio.
3.245 prs. non è assolutamente un grande numero distribuito in due giornate.
Sulle navi da crociera "Costa", coll'Over Booking (quasi sempre) ci sono qualcosa come e oltre 5.000 tra passeggeri e uffciali che possono pranzare sia al buffet (lunch) che nei saloni (dinner) ristorante (lo stato maggiore della nave).
E il grado di soddisfazione dei clienti sui buffet giornalieri che sono 3 o 4 (dipende dalle escursioni) è all'incirca sul 4.80/4.90 (comment form) su un totale di 5 punti. Praticamente è la perfezione.
Anche in alberghi di oltre 700 stanze sono quindi presenti 1.400 turisti che al lunch sono serviti a buffet. E' chiaro che d'estate il tutto si svolte in brevissimo tempo poiché il cliente vuole andare di corsa o a riposare o in spiaggia.
Se poi consideri che può capitare al F&B, al Maestro di casa che è la stessa cosa o al Direttore dei Servizi alberghieri, di dover preparare all'improvviso e in un solo giorno dei buffet (naturalmente a giro di seduta) con 5.000/8.000 prs. per un'inaspettata inaugurazione o quant'altro, beh; come vedi i 1.600 del BTO (giorno) e avvisati ben tempo prima, non sono una grande difficoltà.
Alla Fortezza non era presente un Bar ma solo un punto caffè che ha chiuso alle 12:00 in punto per riaprire alle 14:00. Non mi risulta che nei pressi di questa zona e nei pressi ci siano dei bars. Pertanto se avevi sete ... cippa. Il punto caffè aveva disposizioni di fare appunto i caffè e un bicchiere d'acqua. Code della Madonna poiché le due gentili e velocissime signore avevano a disposizione solo tre bracci che ognuno fa al massimo due caffè. Personalmente m'è scappata la voglia e non mi si sono neanche avvicinato.
Per quanto riguarda la sala lunch ... segue

:)

Luciano Ardoino ha detto...

Dimenticavo di dirti che per circa dieci anni (prima di diventare direttore e poi ... ) ho fatto l' F&B, il Maestro di casa e così via il Direttore ai servizi alberghieri.

Nel medesimo periodo ho preparato almeno una dozzina di ragazzi/e (assistenti) che poi sono diventati a loro volta F&B, e poi direttori d'albergo (n°5 a tutt'ora, degli altri non so ancora) e ben due MGM. Che in Italia non esiste la qualifica, ma che vuol dire Multi General manager per molte realtà alberghiere. E che probabilmente dovessero sapere che 3.000 e passa persone (in due giorni) sono state servite a buffet in piedi (una ora), beh ... non credo che glielo dirò se non per farci due risate. Se poi sapessero anche il prezzo. Vabbeh, morta la.

:)

Jennaro ha detto...

Luciano, io credo che alcuni del BTO non abbiano ben inteso che le nuove tecnologie on-line per quanto avanzate siano, se non hanno un'anima, servono a ben poco, specialmente quando si vuole arrivare ad "ingraziarsi" il cuore di una persona ...

Luciano Ardoino ha detto...

@Jennaro

Parole d'oro le tue e sono praticamente le stesse che due giorni prima ho detto ad un responsabile del BTO.

Senza migliorare il pomodoro dentro le scatolette, puoi pubblicizzarle quanto vuoi che ... al massimo le vendi una sola volta e poi sarà anche peggio.
Non in tutta l'Italia, per amor del cielo, ma i "pelati" non buoni danneggiano anche gli altri.


;-)

Francesco Pedroni ha detto...

@Luciano Ardoino

Almeno la tua opinione è sicuramente esente da celebrazioni personali atta a mettersi in qualche modo in mostra e cavalcare l'onda.

Io di te mi fido, anche perchè spieghi i perchè.
Condivisibili e precisi.

:-D

Francesco Pedroni ha detto...

@Luciano

Ho fatto anche caso che mentre tu non fai alcun nome e cognome altri sul web e nei loro blog fanno invece il tuo.

Altra classe e professionalità.

:-D

frap1964 ha detto...

@Luciano
A parte l'aspetto tecnico organizzativo, veniamo alle cose serie, ovvero all'aspetto eno-gastronomico. Cosa c'era in 'sto benedetto buffet da mangiare? Come erano presentate le cose? Prodotti tipici? Toscanità? Vini? ecc. ecc.
Valeva i 30€ o no?
Dettagli, please. ;-))

Luciano Ardoino ha detto...

@Frap

Il tempo che ho impiegato per il Lunch si può calcolare in circa 10 minuti.

Vari punti di distribuzione ai lati del salone (credo 4) e centralmente le bevande e i dolci.

Piatti di carta plastificata (presum) e posate di plastica sullo stile della simil Barbie.
Julienne di champignons crudi (orribile il solo vedere il champignon crudo, figurati mangiarlo) con scaglie di formaggio stagionato e rucola. Condimento quasi totalmente assente che con quel tipo di fungo è tutto un bel dire.
Una zuppa indefinita (color marrone chiaro e immagino di farro) ma che non rientra nelle mie conoscenze nonostante i trascorsi di insegnante in cucina internazionale. Non l'ho assaggiata.
Spezzatino di manzo e dal gusto piacevole (presi 4 tocchetti).

Salumi misti ... quelli che notato erano costituiti da due tipi di salame. Non assaggiato!

Può darsi che ci sia stato anche dell'altro ma se c'era non l'ho visto e non c'ho fatto caso. Acque minerali (gas e non) e vino bianco e rosso di cui non ho notato la provenienza. Non me ne fregava di meno. Però era servito in bicchieri flut bombati di vetro. Tra i dolci ho visto una torta tipo pan di spagna molta alta e probabilmente al gusto di cioccolato e un vasetto di plastica con del gelato e mousse di panna (peso 30/35 gr. compreso il contenitore). Assaggiato e non male. All'esterno dopo un pò di tempo hanno riaperto il caffè bar e dopo 10 minuti di coda ho desistito.
Avendo fatto l'F&B per molto tempo, posso quantificarti il tutto in separata sede.
Personalmente però credo di aver contribuito ad una spesa di circa 3/3,50 euro, posateria compresa.

Alla fine del lauto gnam gnam, ho lasciato il tutto al bordo di un tavolo tondo che poteva ospitare circa sei/sette persone (naturalmente in piedi).
Naturalmente ho calcolato il tempo necessario al cameriere per toglierlo di mezzo ed è stato di circa 20 secondi. Buono.

Mi spiace ma non posso essere più preciso anche perché ero già abbastanza ... diciamo deluso.

;-)

Gian Luca Gozzo ha detto...

@Luciano
grazie dei complimenti, ma come detto è una cosa normale; tra l'altro fa parte di quei messaggi lanciati in alcuni panel della BTO, quello di tener conto dei giudizi negativi, sia per far tesoro degli errori, ma anche per valorizzare quelli positivi - troppi commenti favorevoli non sarebbero credibili.

Penso che il problema del wifi, della corrente elettrica e del lunch siano da mettere in una to-do-list da risolvere per le prossime edizioni, ed anche io nel mio piccolo blog amatoriale ne ho fatto cenno, ma non solo io.

Ma il fatto che abbia partecipato per la 4^ volta alla BTO non è perché sia un masochista, ma credo che contenuti utili si possano acquisire dai vari interventi e che anche una rete di conoscenze possa attivarsi in quella sede (tra i corridoi, tra gli stands, ecc.).

Personalmente ho sicuramente un approccio diverso da @Luciano: mi studio il programma, mi preparo il mio "tour" tra le varie halls e di solito verifico dove poter mangiare fuori dalla fiera. Stavolta sul lunch non m'ero preparato, son dovuto restare dentro e, non aspettandomi niente di positivo, ho centrato anche le mie aspettative ;)

Però, il cuore della BTO, secondo me, non è il lunch, per cui c'è qualcosa da rifare ma non è tutto sbagliato.

vinc ha detto...

@Gian Luca Gozzo

[tra l'altro fa parte di quei messaggi lanciati in alcuni panel della BTO, quello di tener conto dei giudizi negativi, sia per far tesoro degli errori, ma anche per valorizzare quelli positivi - troppi commenti favorevoli non sarebbero credibili.]

Infatti al primo giudizio negativo i responsabili del BTO hanno detto che è vero ...... vero?
Un conto è riempirsi la bocca, altro è metterlo in pratica.
E chi l'ha fatto è stato deriso per l'averlo fatto.
E la differenza con le altre nazioni che fanno della qualità una base imprescindibile, è proprio questa qua.

E se il wi-fi che non funziona, le sedie, il lunch, l'attesa di 8 minuti per poter entrare etc. non sono importanti, lo dimostrano completamente.
E se non siamo masochisti allora che cosa siamo?


Luciano Ardoino ha detto...

@Gian Luca

Mah, il come fai a dire che abbiamo un approccio diverso, bontà tua.

Sei un mago?

Mentre non ho parlato solo del Lunch che nel complesso ha la sua importanza, bensì anche quegli otto minuti sballottato alla reception e ba bla bla.
Vedi, all'estero è tutto tremendamente perfetto, mentre noi probabilmente siamo abituati a non voler raggiungere la perfezione che, credimi, esiste. Però siamo bravi a fare spallucce.
Non è masochismo, è che per colpa del mio mestiere, probabilmente cerco di accontentare tutti i clienti, in questo caso i visitatori, in tutte le maniere a mie disposizione.
In poche parole la "qualità" di cui se ne sente tanto parlare ... appunto, solo parlare.
E se per caso qualcuno lo dice ... beh; apriti cielo.
La qualità è anche nel come s'appoggia una saponetta nel suo contenitore e soprattutto se i bagni della Fortezza erano costantemente ripuliti dopo l'ovvio ed esagerato uso che oltre 3.000 persone ne hanno avuto. In verità c'è stato ma non sicuramente nella maniera che sarebbe stato giusto fare.

Pertanto credo che questi miei "mugugni", nonostante siano stati presi allo scopo di deridermi (molto improbabile riuscirci), verranno certamente considerati nella prossima occasione.
E questo è lo scopo per cui ho scritto quei due post a cui faranno di certo seguito altri.

Il BTO, la MITT, la BITT o quel cavolo si voglia intendere non è ovviamente solo il Lunch, ma ne è certamente parte integrante.
Quindi non sarà tutto sbagliato ma molte cose sono da rifare.

Francesco Pedroni ha detto...

@Luciano

Io ti amo!

;-)

Nel senso buono e di amicizia, nè

Luciano Ardoino ha detto...

@Francesco

Starai mica ....

;-)




Luciano Ardoino ha detto...

@Francesco

... cambiando ...


;-)

frap1964 ha detto...

@Luciano
Qui si vede anche qualche immagine che sembra del buffet ed in effetti appare miserello assai.
Qui invece "I love BTO" in chiusura manifestazione.
Ma il corto non l'hanno mai trasmesso? Ma il testimonial non si aggirava tra i padiglioni catechizzando i presenti: "Dovete imparare!"?
Mi pare un torto inammissibile ad un'opera sicuramente indimenticabile, però.
Notato che non ne parla nessuno?
;-)

Luciano Ardoino ha detto...

@Frap

Pochi fotogrammi che però riescono a dare l'idea.
Peccato che non ne esista qualcuno più dettagliato.

Probabilmente nessuno dei presenti mangianti ha pensato d'immortalare la ricchezza del buffet.
Chissà, forse perché le foto si fanno quando piace una cosa ... e in questo caso non è (forse) piaciuta a nessuno?

;-)