domenica 5 febbraio 2012

Marta Vincenzi. Tarapìa tapiòco! Prematurata la supercazzola, o scherziamo?

No, non sto “cioccando come una lama”, è che oggi leggendo l’intervista rilasciata dalla sindachessa di Genova, la prima cosa che m’è venuta in mente è stata proprio la famosa frase di Ugo Tognazzi in Amici miei.
In poche parole non c’ho capito una benemerita mazza, poiché vivendoci in questa benedetta città … oppure in quattro anche scribài con cofandina?

Eh?

Ok, sarà meglio che vengo subito al dunque e traduco, almeno spero, in quel misero italiano di cui sono capace.
E soprattutto scriverò di quello che la Marta Vincenzi, auto lodandosi (ettepareva) ha detto sull’incremento turistico della città, ma che invero non corrisponde per niente, nulla, nisba e niet alla verità.
Però non vorrei disdegnare qualche sua altra bella … Antani, come se fosse antani, anche per il direttore, la supercazzola con scappellamento … naturalmente a destra, per due.

Beh, lei dice che l’Amt (Azienda Municipalizzati Trasporti) è una delle Aziende meno indebitate d’Italia (passivo di 15 milioni di euro che verranno poi messi sul groppone del 2012) … “ … inoltre abbiamo portato a 1 e 50 il biglietto. Mi sarei suicidata piuttosto che farlo. Era ingiusto (però l’hanno fatto) e subito dopo l’hanno fatto anche le altre città.
Quindi per una volta siamo arrivati per primi (gran bel successo).

Il “suicidio” naturalmente non c’è poi stato (ci mancherebbe anche d’altro), ma neanche è avvenuto il “suicidio politico”, quello che invece molti s’attendevano da tempo e sulla falsa riga del … ciapa e porta a ca' o il più scurrile ma pur sempre efficace "föra da i ball".

Poi tra un suo: “… il suolo pubblico va pagato”, a cui d’acchito mi verrebbe da rispondere il che cosa già non si paga in questa città, visto che anche quello privato non è da meno; s’arriva al: “ … nel centro storico abbiamo realizzato la ztl più grande d’Europa”.

Eh si, proprio una gran bella forza, considerato che il centro storico di Genova è molto vasto ed è appunto il più grande del vecchio continente, e secondo nel mondo.
Poi che i risultati siano stati "così tanto efficienti" da poterci fare anche del vanto, beh; a me non è poi tanto così sembrato, ma sono cose di cui non m’intendo e pertanto vengo al turismo, cosa di cui qualcosa ne so.
E alla domanda del giornalista: “Genova turistica. Non le sembra che troppi soggetti si occupino del tema?”, la Marta Vincenzi risponde così: “La penso così ma perché lo chiede a me se è una competenza della Regione? Noi abbiamo cercato di far parlare tra di loro le “scatole”; Fiera, Expò, Aeroporto, perché non andassero ognuna per conto proprio. Un percorso lungo e difficile. Abbiamo costituito il tavolo della promozione, al quale siedono tutti. Il turismo è aumentato del 7%, in netta controtendenza rispetto alle altre grandi città.

Bum, patapum, pratatatabum bum bum bum alla moda dei migliori fuochi d’artificio del mondo, oppure dei grandi balloons che all’improvviso scoppiano facendo un grande casino.

I risultati veri eccoli qua:



E poi i dati della Banca d’Italia sugli arrivi dei turisti stranieri che sono vanto di questa Giunta presieduta dalla Marta Vincenzi, come essere quelli più in aumento … e figurati gli italiani.
Infatti …



Mentre questi sono i dati delle altre grandi città italiane … in controtendenza?



… beh, forse una cosa la signora Marta l'ha azzeccata, e vale a dire che Genova è in controtendenza, considerato che le altre aumentano.

14 commenti:

uno per caso ha detto...

Chi li dà i dati alla Marta Vincenzi?

grazie

vinc ha detto...

@Luciano


Sei un grande!

Preciso e simpatico

:)

Luciano Ardoino ha detto...

@Vincenzo

Finiscila un pò

:)

WSampdoriaW ha detto...

Neanche su Il Giornale, che dovrebbe essere quello che le va contro, ho letto niente all'indirizzo della Vincenzi e delle sue dichiarazioni sul secolo.

Zeneise ha detto...

Belin a -signua- ne cunta de musse?

sergio cusumano ha detto...

@Luciano

Royal Caribbean Cruises ha reso noti i risultati del quarto trimestre e dell'intero 2011. In particolare, nel 2011 si è registrato un utile netto di 607,4 milioni di dollari rispetto ai 515,7 milioni di dollari del 2010; Il rendimento netto è aumentato del 2,4% su base di valuta costante. I costi netti di crociera escludendo il carburante sono aumentati dell’1,3% su base di valuta costante.

sergio cusumano ha detto...

In visita a Londra, il vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani, responsabile per l’Industria e l’imprenditoria, ha firmato due accordi con Johan Lundgren, amministratore delegato di Tui Travel PLC, uno dei gruppi leader al mondo per i viaggi e operante in 180 Paesi. Il primo accordo, si legge in una nota, riguarda la partecipazione di Tui al progetto pilota dell’iniziativa 50mila turisti, volta a promuovere il turismo in bassa stagione sia in Europa che in America Latina, attraverso l’utilizzo di posti in eccedenza tipici della bassa stagione sia negli aerei che nelle infrastrutture turistiche. La fase pilota del progetto incoraggerà 25mila sudamericani a viaggiare in Europa tra ottobre 2012 e marzo 2013 ed altrettanti cittadini europei a recarsi in Sudamerica tra maggio ed ottobre 2013. Con quest’iniziativa, Tajani punta a combattere la stagionalità, stimolare la creazione di posti di lavoro, rafforzare l’immagine dell’Europa nel mondo e cooperare con i Paesi terzi. Con il secondo accordo, Tui Travel ha aderito all’iniziativa per lo scambio di 100 giovani professionisti tra il Brasile e l’Europa lanciato dal commissario lo scorso dicembre al fine di favorire una maggiore internazionalizzazione e la competitività delle imprese. All’iniziativa hanno aderito 23 grandi imprese europee. Nel corso della visita a Londra, Tajani ha anche incontrato il ministro britannico per il Business, l’Industria e l’Innovazione Mark Prisk, con cui ha parlato dei risultati del summit europeo di lunedì scorso e della crescente attenzione al ruolo delle piccole e medie imprese e dell’innovazione industriale per promuovere la crescita e la competitività. Tra gli incontri del responsabile di Bruxelles, anche quello con l’amministratore delegato del London Stock Exchange, Xavier Rolet, con cui si è parlato di possibili collaborazioni tra il mondo finanziario e le Pmi per facilitare l’accesso ai capitali. Nell’ambito del colloquio, Xavier Rolet si è dichiarato relativamente ottimista sulla possibilità di un miglioramento della situazione economica europea già alla fine del 2012.

Anonimo ha detto...

La città di Genova, come molte altre località italiane ricche di fascino e di storia, è stata visitata, raccontata, amata e talvolta anche criticata da numerosi viaggiatori illustri. Le sue strade, le sue fontane, i suoi palazzi, le sue gallerie d'arte hanno destato lo stupore di molti di essi. Talvolta ne hanno registrato anche il disappunto ma, più spesso, anche una celebrazione la più sfacciatamente iconografica se non improbabile.

Caratterizzata da un'orografia irregolare ed ampia e priva, perciò, di uno scenario che la faccia somigliare ad una cartolina illustrata - e con un territorio solo parzialmente modificato dalla mano dell'uomo in maniera tale da farla divenire una inaccessibile città-fortezza - la città sembra avere fatto leva, per suggestionare i suoi ospiti, più sulle proprie contraddizioni che non sulle proprie peculiarità.

Anonimo ha detto...

"Ho ricordato, lo confesso, i versi di Montesquieu sul piacere di lasciare Genova e il famoso proverbio italiano: "Mare senza pesci, donne senza bellezza, ecc. ecc.", scriveva Stendhal in Memorie di un turista (1837).

vinc ha detto...

Umbre de muri muri de mainé / dunde ne vegnì duve l'è ch'ané

Anonimo ha detto...

Genova, una delle città più belle che abbia mai veduto. Alcuni suoi edifici erano in marmo bellissimo e avevano un che di assai nobile, molti poi avevano davanti delle fontane di foggia oltremodo bizzarra. Le chiese erano ricche e sontuose, con stravaganti decori sia all'interno che all'esterno.

vinc ha detto...

@Luciano

hai letto le dichiarazioni di Doria sul turismo?

Francesco Pedroni ha detto...

Un sindaco che non ha fatto altro che parlare di innovazione.
Si, però solo PARLARE.

Sic!

Luciano Ardoino ha detto...

@Vincenzo

Ho letto!

E ho letto che per lui il turismo è fare dei nuovi itinerari nel centro storico.

Tutto lì!

:(