domenica 23 agosto 2009

Non è colpa mia

Beh, sostenere che il tanto paventato crollo del turismo in Italia non c'è stato elencando un calo del fatturato che varia dal 15 al 18%, è pura follia o perlomeno si presume lo sia.
Il ricavo annuale italiano che deriva da questo settore è calcolato sulla base di 120 miliardi di euro, di cui, se sottraiamo le percentuali sopraddette, avremo una perdita d’entrate monetarie che varia dai 18 ai 21,6 miliardi di euro; che se non sono un crollo, vorrei proprio sapere cos’è?
Mentre se abbiniamo questi dati con le dichiarazioni ottimistiche della signora Brambilla che, non più di due mesi fa, erano incentrate su questi proclami: “In controtendenza con le previsioni e i dati più pessimistici oggi il ministro per il turismo, Michela Vittoria Brambilla, ha annunciato che nei primi cinque mesi di quest’anno il turismo in Italia è cresciuto del 7,8% rispetto al 2008”; oppure l’annuncio subito dopo susseguente: “Sì, nonostante l’attuale congiuntura economica, non abbiamo perso la voglia di viaggiare. Il 76% degli italiani andrà comunque in vacanza, una percentuale che sale di 11 punti rispetto al 2008. Parliamo di 37 milioni di persone, contro i 33,7 della passata estate». Un italiano su 4 resta a casa. L’anno scorso era uno su 3”….
Il definirli una grande presa in giro è sicuramente poca cosa e ben altri aggettivi andrebbero indirizzati a chi si fa gioco di coloro che di questo mestiere ne hanno fatto un sostentamento vitale, a cui va obbligatoriamente collegato il mancato introito derivato dall’indotto e a chi di questo ci vive.
E poco importerà elencare anche le disgrazie altrui per attenuare le nostre; la Francia nonostante la crisi che attanaglia il globo, sta riportando dei dati positivi a dimostrazione che si poteva e si può lavorare meglio, ma questo con “questi” in Italia è impossibile.
Si ripetono gli stessi errori del passato, quei medesimi che ci hanno fatto retrocedere dalla prima posizione mondiale alla quinta (per ora) per cause che non sono affatto pertinenti agli operatori, ma all’ignoranza nel maneggiare questo argomento da parte di persone che non hanno la minima conoscenza del settore ma solo l’arroganza a voler mantenere il proprio posto istituzionale nonostante il notevole danno arrecato al turismo.
Di una cosa sono certo e vale a dire che presto cominceranno le elencazioni da parte della Brambilla & co. sulle responsabilità altrui di questo o quell’altro, ma mai pertinenti alla propria confusione.
Vogliamo scommettere?

6 commenti:

frap1964 ha detto...

Nuova intervista "fresca fresca" a Corsera. Ora però la tua amica preferita dice che forse... nonostante la moltitudine di italiani rimasti a far vacanza in patria rispetto al 2008... "alla fine il risultato economico potrebbe essere più basso".
Ma nel complesso c'è stata una grande tenuta del comparto.
:-D

Luciano Ardoino ha detto...

Si, e molto probabilmente comincerà con le accuse allle responsabilità degli altri.
Storia vecchia
:-D

frap1964 ha detto...

Il dramma è che in realtà non ce ne sarà alcun bisogno.
Perché questa (MVB) ormai rilascia solo interviste con domande concordate e preconfezionate per perpetuare la ripetizione continua dei suoi vuoti proclamini e delle sue promesse da quattro soldi e una lira.
Dimmi te se in questa intervista c'è una sola "vera" domanda. E parliamo del primo quotidiano per diffusione nazionale, figurati gli altri.
Al resto degli interlocutori semplicemente MVB non risponde "perché è tanto tanto impegnata...".
Se poi ti facessi leggere l'e-mail di un giornalista del Corsera (uno noto, e non faccio nomi solo per carità di patria) che pretendeva di intervistarmi subito dopo il debutto del portale italia.it non ci crederesti: per "motivi tecnico-logistico-politici" non poteva fare un pezzo da sè "su questa (brutta) storia". Naturalmente si è preso un bel due di picche dal sottoscritto, sotto forma di "guardi, io sono titolato anche meno di lei" e "viste alcune precedenti esperienze con suoi colleghi (peraltro vere), spiacente ma questa volta passo".
;-)

Luciano Ardoino ha detto...

Hai fatto bene caro Frap e complimenti, veramente.
In merito alle interviste della Brambilla ho una mia particolare impressione e vale a dire che le dichiarazioni della MVB sono rilasciate a posteriori e molto simili a quelle rilasciate da Hervé Novelli (ministro del turismo francese).
Questo mi porta a pensare che vengono copiate poichè credo poco nelle combinazioni alla mia età.
Per adesso è solo una teoria ma aspetto delle altre dichiarazioni dal Le Monde o Le Figaro; dopodichè aspetto quelle dei nostri quotidiani.

Stella di mare ha detto...

Non riesco a starvi dietro e siete troppo alti per me.
Cavolo come vi invidio.

frap1964 ha detto...

@Stella
Mavalà (direbbe Ghedini).
Sono solo 1 e 85. ;-)